AD7

Dennis Schroder sul suo futuro ad Atlanta: “Parlerò presto con la società del mio futuro”

La point-guard tedesca in forza agli Atlanta Hawks parlerà in questi giorni del suo possibile futuro con il front office del team della Georgia

Dennis Schroder nella giornata di ieri ha annunciato il suo possibile futuro lontano dagli Atlanta Hawks nella prossima stagione. Nei prossimi giorni, come confermato dal playmaker tedesco degli Hawks, è atteso un incontro con il front office per discutere del suo futuro ad Atlanta.

Dennis Schroder: “Sto cercando qualcosa di importante per me nel futuro immediato”

Gli Atlanta Hawks preparano il loro futuro. La ricostruzione del team della Georgia, iniziata nella scorsa stagione dopo l’addio a Paul Millsap volato ai Denver Nuggets; al termine di questa regular season ha visto inserire il secondo tassello decisivo per una stagione da tanking anche per la prossima stagione.

L’addio prima di Marco Belinelli verso i Philadelphia 76ers e poi quello di coach Mike Budenholzer, ormai sul taccuino di molte franchigie Nba tra cui i Milwaukee Bucks di Giannis e soci; ha fatto rivalutare i piani del team della Georgia.

L’annuncio di Lloyd Pierce, ex assistant coach dei 76ers come nuovo head coach degli Hawks; ha messo in dubbio anche il futuro della stella Dennis Schroder, che incontrerà in questi prossimi giorni la dirigenza degli Hawks per discutere del futuro.

Nelle ultime ore però, lo stesso Dennis Schroder non ha dato ulteriori certezze sul suo futuro in vista della prossima stagione. Ecco le sue parole rilasciate in esclusiva in una conferenza stampa tenutasi in Germania:

Non ho ancora ben in mente cosa voglia fare la società, ma ci vedremo sicuramente tra una settimana per discutere del nostro futuro insieme. Sono legato ad Atlanta in maniera indissolubile, anche perché è la prima franchigia Nba a voler puntare forte su di me. Ho tanti ricordi con questa maglia, ma come ho detto devo guardare individualmente cosa è meglio per il mio futuro. Sto cercando qualcosa di importante nel mio futuro immediato anche perché a settembre compirò 25 anni e voglio vincere. D’ora in avanti fino ai 29 anni devo provare a vincere qualcosa, per questo motivo devo necessariamente parlare con la dirigenza degli Hawks”.

 

 

LEGGI ANCHE:

Tristan Thompson su LeBron James: “Dopo una delusione offre prestazioni leggendarie”

Draymond Green elogia LeBron: “La sua memoria fotografica merita una standing ovation”

I Los Angeles Lakers alla Summer League di Sacramento

D’Antoni: ‘Harden è probabilmente il miglior giocatore offensivo di tutti i tempi’

Non dev’essere facile essere Tyronn Lue

SEGUICI SU FACEBOOKINSTAGRAMTWITTER e YOUTUBE

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.