Decima giornata Dunkest: poche certezze e tanti dubbi

Alla decima giornata Dunkest sono dieci i giocatori che hanno totalizzato più di 300 punti. Unica sorpresa è Simmons, per il resto i volti noti del fantabasket sono tutti presenti.

Dopo dieci giornate, le scelte tattiche sono ormai consolidate. Molti giocatori hanno già assunto la consapevolezza di quali saranno i loro giocatori “simbolo” per la regular season. Tra questi figurano i nomi di molte All-Star come Harden,James e Davis e di alcuni giocatori “rivelazione”, anche se pronosticata alla vigilia, come Simmons e Jokic. Per il resto tanti dubbi riguardanti soprattutto il rendimento di alcuni top players. Primi fra tutti, Anthony e George di Oklahoma e DeRozan di Toronto. Oltre agli infortunati di lusso Leonard e Thomas. Giocatori da cui ci si aspetta molto di più in ottica futuro prossimo, con un rendimento più costante. Ci si aspetta ancor di pi anche dai rookies come Ball, Fultz e anche Ntikilina. Ma veniamo ai consigli per la decima giornata Dunkest.

GUARDIE

NBA Passion Q&A decima giornata Dunkest
Decima giornata Dunkest: su chi puntare? Un nome, Lonzo Ball during 

Lonzo Ball (Los Angeles Lakers, crediti: 10,6) : mai inserito nei nostri consigli, Ball è reduce dalla sua prima tripla-doppia stagionale contro i Milwaukee Bucks. La contin uità non è la sua caratteristica migliore, Ma Lonzo ha la possibilità di bissare l’ottima prestazione della scorsa notte contro i Suns. Ultime occasioni per assicurarsi la 2a scelta del draft 2017 ad un modico prezzo come questo.

Russell Westbrook (OKC, crediti: 20,9) : ultime due prestazioni opache per “Broodie”, ma contro i Bulls c’è aria di rivincita. La tripla-doppia, con il play numero 0, è sempre nei paraggi. Quindi sarebbe giusto puntare su di lui, magari sacrificando dei crediti in avanti.

Bradley Beal ( Washington Wizards, crediti: 13,1) : i Wizards giocano un basket fantastico, arioso e coinvolgente in ogni manovra. Il gioco di squadra dei DC ha esaltato le doti di ottimo tiratore di Beal. Grande vena realizzativa per il numero 3 ed ottimo impatto in campo in ogni singolo match. Contro i Kings può aggiungere un altro tassello verso il suo primo All-Star Game.

ALI

Paul George (OKC, crediti: 13,9) : è il momento di reagire per i Thunder. George ha invertito la sua tendenza sotto la media con un quarantello. Contro i Bulls l’occasione per tornare protagonista e realizzatore della armata di Donovan, che ha bisogno primario di vittorie.

Rudy Gay (San Antonio Spurs, crediti: 9,8) : sesto uomo di lusso in casa Spurs. Vista l’assenza di Leonard, il ruolo di Gay è fondamentale nell’economia di gioco del coach Pop. Gay ha risposto alla grande e sta chiudendo con quasi 20 punti di media. Ottimo risultato per un giocatore che parte dalla panca.

Taj Gibson (Minnesota Timberwolves, crediti: 9,6) : è il motore del quintetto base dei Timberwolves. Non tira tanto, ma raccoglie tanti rimbalzi e fa giocare molto la squadra. Tipico giocatore “tappa-buchi” di Dunkest, ma che regala ottime soddisfazioni. Con i Jazz può andare in doppia-doppia.

 

CENTRI

Hassan Whiteside (Miami Heat, crediti:13,5) : ci si aspettava un diverso inizio di stagione da un centro come lui. Visto l’infortunio, il suo prezzo è calato quasi di un punto. Non male come occasione, vista anche la sfida ai Wizards, che sono una delle squadre meno efficienti a rimbalzo.

Andre Drummond (Detroit Pistons, crediti: 16,1) : è tra i primi dieci giocatori per rendimento. Gioca in casa contro i Bucks, che dopo la trade Monroe-Bledsoe hanno perso l’unico centro di ruolo. Bisogna prenderlo e sfruttare l’occasione.

 

COACH

Erik Spoelstra (Miami Heat, crediti: 6) : ottimo inizio per gli Heat, nonostante l’organico di medio livello. Spoelstra ha lavorato molto bene in fase difensiva e la sua squadra subisce veramente poco. A South Beach arrivano gli Wizards lanciatissimi ma in “long back” dopo la sfida ai Kings. Chissà che non possa essere questa una delle sorprese di giornata?

Pierluigi Ninni

Pierluigi Ninni

Ho 21 anni e sono uno studente universitario. Tifoso dei Cavs e della New Basket Brindisi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.