Philadelphia 76ers a valanga sui Twolves, Butler: "Poco da dirsi in campo"
Philadelphia 76ers a valanga sui Twolves, Butler: "Poco da dirsi in campo"
129205
post-template-default,single,single-post,postid-129205,single-format-standard,cookies-not-set,qode-news-1.0.5,ajax_updown,page_not_loaded,,qode-title-hidden,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-17.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive

76ers a valanga sui Twolves, Jimmy Butler: “Bello batterli”, Embiid: “Ancora battuti dalle terze linee…”

Dominio difficile da spiegare a parole dei Philadelphia 76ers (29-16) tra le mura amiche del Wells Fargo Center, contro i Minnesota Timberwolves. I Sixers convertono il 59.8% dei loro tiri a canestro, segnano 21 tiri da tre punti, 83 punti nel solo primo tempo di gioco e proseguono senza sosta sino al 149-111 finale.

Jimmy Butler chiude con 19 punti e 8 su 10 al tiro la sua prima partita contro la sua ex squadra. Joel Embiid top scorer di serata con 31 punti e 13 rimbalzi, mentre Ben Simmons sfiora l’ennesima tripla-doppia stagionale e chiude con 20 punti, 11 rimbalzi, 9 assist e 3 stoppate.

Tutto il quintetto base di coach Brett Brown chiude in doppia cifra per punti segnati (15 per J.J. Redick, 14 per Wilson Chandler), tutti i giocatori impiegati da Philadelphia segnano almeno un punto.

Vincere conta più di ogni cosa, il fatto di giocare aggressivo è una conseguenza di questa mia volontà di vincere. Joel (Embiid, ndr) è un mostro, un giocatore dominante su entrambi i lati del campo, ci stiamo ancora ambientando, entrambi cerchiamo di tenere coinvolta l’ntera squadra in attacco. C’è ancora del lavoro da fare ma ci arriveremo. Minnesota? Volevo batterli, ma io voglio battere tutti (…) mi aspettavo una gara del genere, tante facce familiari, poco trash-talking, sono contento di averli battuti. Mi sono congratulato con coach Saunders a fine partita. Io gioco per vincere, e quando si vince ed io posso dare il mio contributo, non c’è molto altro di cui possa preoccuparmi. Quando si perde, quella è un’altra storia

– Jimmy Butler dopo Sixers-Twolves –

 

 

Buio pesto per Minnesota (21-23). Il ritorno in campo di Derrick Rose non basta agli uomini di coach Ryan Saunders, Karl-Anthony Towns viene travolto dal rivale diretto Joel Embiid, e la point-guard di riserva Tyus Jones rimedia un infortunio alla caviglia dopo appena 11 minuti di gioco.

Le’x di giornata Butler non ha evidentemento voluto infierire sulla sua ex squadra nel post partita. Il perfido Joel Embiid ha invece pensato di rievocare uno degli episodi più celebri della breve permanenza a Minneapolis dell’ex giocatore dei Chicago Bulls, tramite il proprio profilo ufficiale Twitter:

 

Il rifermento della star camerunense dei Philadelphia 76ers è all’ormai celeberrimo primo allenamento di Jimmy Butler con i Minnesota Timberwolves in preparazione della stagione 2018\19. Un furioso Butler ingaggiò un duello personale con staff tecninco, dirigenza e titolari, disputando e vincendo una partitella assieme alle seconde e terze linee della squadra, alzando la voce e sfidando compagni e proprietà.

Post a Comment