Paul George

“Ci è mancato il ritmo, e non a me singolarmente, ma come squadra” Così Paul George, rientrante da 3 gare fuori per infortunio, analizza la sconfitta dei suoi. I Thunder sono caduti 131-120 sul campo dei Timberwolves. Benchè OKC abbia segnato 120 punti, non ha mai impensierito Towns e compagni. Minnesota è infatti stata sempre in controllo della partita, in una sconfitta per PG e compagni che ricorda quella di pochi giorni fa a San Antonio. A fine primo quarto erano già sotto 30-22, complice un’ottima fine di quarto di Rose, con 8 punti. A fine primo tempo sotto di 14, confermati dai 16 punti di Towns nel solo terzo quarto. Il centro di Minnesota ha chiuso con 41-14, supportato da Rose, con 19 punti, e da Wiggins con 18. Nei Thunder Westbrook ne ha messi 38 con 15 su 28, mentre Paul George non ha dato il suo meglio, con 25 punti su in 8-25 dal tiro. Adams ha preso solo 6 tiri stanotte.

Preoccupazioni in casa Thunder

La squadra vista stanotte conferma i problemi che si sono visti nelle ultime 3 settimane in zona OKC. Sembra che coach Donovan non riesca a dare ai suoi un’identità tanto cercata. I Thunder non stanno giocando più un buon basket. Anche in attacco non hanno mai davvero mosso la difesa dei Wolves, mentre in fase difensiva hanno lasciato che Towns continuasse a fare in bello e cattivo tempo nel pitturato. Donovan ha dichiarato “Abbiamo segnato 120 punti, il problema sta tutto in difesa”. Senza dubbio la sua squadra non sta coprendo a dovere il proprio canestro dalle sortite offensive avversarie di recente. Tuttavia il fatto che il terzo miglior giocatore del roster, Adams, prenda solo 6 tiri, è segno di una fase offensiva che non gira bene. Sarà più che necessario per OKC ritrovarsi entro breve, perchè i Blazers e i Rockets li hanno agganciati in classifica per il terzo posto. E scendere ancora significherebbe perdere l’ home court advantage. Senza dubbio qualcosa da evitare.

 

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.