Orlando Magic

Nati nel 1989 gli Orlando Magic sono una franchigia relativamente giovane, il nome Magic è stato scelto da i tifosi per la vicinanza con Disneyland, chiudono la loro prima stagione con 18 vittorie e 64 sconfitte. Nel 1992 con la prima chiamata al Draft scelgono un centro di 216 cm di nome Shaquille O’Neal che li porterà nel 1995 a giocare la prima storica Finale in NBA, persa malamente contro gli Houston Rockets per 4-0. Nel 2009 tornano in Finale, la squadra è allenata da Stan Van Gundy e i giocatori chiave sono: il play Jameer Nelson, Hidayet Turkoglu giocatore di grande esperienze e il poderoso centro (scelto al draft del 2004) Dwight Howard, arriverà l’ennesimo dispiacere per i Magic che perderanno la serie 4-1 per mano dei Los Angeles Lakers. Dopo il 2009 più nulla, tante stagioni deludenti e una franchigia da rifondare. Come sono i Magic del 2019?

ORLANDO MAGIC: IL BILANCIO STAGIONALE

Mo Bamba.

Nell’estate del 2018 gli Orlando Magic chiamano come sesta scelta del draft Mohamed Bamba, ragazzo di origine statunitense di appena venti anni che per caratteristiche fisiche (e difensive) ricorda il suo predecessore Dwight Howard, dunque viene subito individuato come il giocatore da cui ripartire, affiancato dall’esperienza di Aaron Gordon e Nikola Vucevic. Nonostante l’arrivo di questo straordinario atleta nessuno punta su Orlando, in molti sono convinti infatti  che a fine stagione occuperà gli ultimi posti in classifica così da potersi accaparrare un’altra ottima scelta al Draft 2019. Il mese di novembre si chiude con un record di 11 vittorie e 12 sconfitte, da menzionare le vittorie con avversari di caratura superiori come  Boston e Philadelphia e le due vittorie contro i Lakers decise da due grandi prestazioni di Vucevic con 36 punti e 13 rimbalzi nella prima e 31 punti e 15 rimbalzi nella seconda.

Il mese di dicembre si apre con la vittoria contro i diretti avversari per la corsa playoff: i Miami Heat per  105-90, in seguito arrivano tre  sconfitte di fila  contro i Denver Nuggets, Indiana Pacers e i Dallas Mavericks che ridimensionano il morale della squadra. I Magic reagiscono e mettono a segno due vittorie prima di sprofondare contro San Antonio che la punisce con 39 punti di scarto, arrivano altre due sconfitte pesanti seguite da due buone prestazioni contro i Toronto Raptors e Detroit Pistons. Dicembre si chiude con un Record di 16 vittorie e 20 sconfitte che valgono la nona posizione a Est. Il mese di gennaio inizia nel peggiori dei modi con 4 sconfitte di fila e termina  con una sconfitta contro OKC. il record di gennaio è di 4 vittorie e 11 sconfitte, quello complessivo è 20 vittorie e 31 sconfitte, non sufficiente per ambire ai playoff.

 

TUTTO SUL FUTURO

Markelle Fultz.

 

Il gioco dei Magic è fatto principalmente di palle in post basso sfruttando la forza dei lunghi, poco gioco per gli esterni e poco tiro da tre che la portano ad essere la ventesima squadra per efficienza offensiva in NBA, con percentuali al tiro del 40% in totale.  In compenso sono la decima squadra per rating difensivo con 107.8 punti subiti a partita, la presenza di Vucevic, Gordon e Bamba garantiscono molti rimbalzi e giocate da seconda opportunità. La rivoluzione parte proprio dalla difesa, 6 vittorie e una sola sconfitta prima della pausa con un Vucevic da 19.7 punti di media e 12.5 rimbalzi di media che valgano la convocazione all’ All Star Game di Charlotte. L’infortunio di Bamba e lo scambio tra Jonathon Simmons e Markel Fultz anche esso infortunato destabilizza l’ambiente dei Magic che tra fine febbraio e inizio marzo hanno un record di 4 vittorie e 4 sconfitte e un totale di 31-36 che le valgano la nona posizione a un paio di partite di distanza da Miami  ottava.

L’arrivo di Fultz che sarà disponibile dalla prossima stagione offre ai Magic la possibilità di avere una point guardin grado di creare gioco dal palleggio e aumentare la percentuale del tiro da 3, e il completo ristabilimento di Bamba, giocatore di presenza sotto canestro e ottimo difensore come dimostrano le 64 stoppate fatte sino ad ora, danno più armi a Orlando e le assicurano un futuro radioso.

 

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.