Lakers, stagione finita per LeBron James: “Si dedicherà al recupero fisico”

LeBron James, Los Angeles Lakers vs Brooklyn Nets at Staples Center (Mark J. Terrill, AP Photo)

Los Angeles Lakers, stagione finita per LeBron James. Ad annunciare la notizia sono Magic Johnson e Rob Pelinka – presidente e General Manager della squadra – in un comunicato ufficiale:

Dopo un consulto con lo staff medico” si legge nel comunicato “Abbiamo preso la decisione di non schierare più LeBron James fino al termine della stagione. James si potrà così dedicare al completo recupero dall’infortunio subito a dicembre“.

James viaggerà comunque con la squadra per la doppia trasferta in programma a New Orleans ed Oklahoma City. LeBron chiude con 27.4 punti, 8.5 rimbalzi e 8.3 assist a partita, in 55 gare disputate ed il 51% al tiro la stagione con ogni probabilità più fallimentare della sua carriera.

I Los Angeles Lakers hanno mancato l’accesso ai playoffs per la sesta annata consecutiva, nonostante l’arrivo in estate di James ed i miglioramenti dimostrati dai giovani Brandon Ingram, Lonzo Ball e Kyle Kuzma in una stagione funestata da troppi infortuni e caratterizzata dal mancato arrivo di Anthony Davis dei New Orleans Pelicans in chiusura di mercato a febbraio.

Come riportato da Ben Golliver di SportsIllustrated, la stagione 2018\19 potrebbe inoltre diventare la prima stagione NBA dal 2004\05 a non vedere LeBron James nominato tra i primi tre quintetti assoluti della lega. Nonostante le cifre, le sole 55 partite disputate da James potrebbero non bastare per garantirgli un posto tra i migliori 15 giocatori della stagione.

Nella storia recente NBA, solo 4 giocatori – Yao Ming (2007), Dwyane Wade (2007), Stephen Curry (2018) e Chris Webber (2002) – si sono guadagnati la nomina in uno dei tre migliori quintetti avendo giocato meno di 55 partite.

Sempre dalla stagione 2004\05, LeBron James è il giocatore NBA ad aver disputato più partite in assoluto, con un distacco di ben 134 gare dal secondo in questa particolare classifica.

Stagione finita per LeBron James, il caso del tweet (rimosso) della trainer Karen Joubert

Bleacherreport.com cita un tweet – in seguito rimosso ma ripescato da Complex Sports – in cui Karen Joubert, fisioterapista che in passata aveva collaborato con James e con il suo preparatore atletico Mike Mancias, parla dell’infortunio subito dall’ex giocatore dei Cleveland Cavs a dicembre.

James si era infortunato all’inguine durante il terzo quarto della classica di Natale tra Los Angeles Lakers e Golden State Warriors.

Ho avuto il privilegio di lavorare con i più grandi atleti del mondo” Scrive Joubert nel tweet datato 23 marzo “Poi arrivò LeBron. Vorrei solo farvi sapere quanto fosse grave quell’infortunio, di quanto doloroso sia. Grazie anche al suo preparatore Mike Mancias, James è stato in grado di ritornare in campo in sole sei settimane (…) LeBron ha sopportato il dolore solo per i Lakers, solo per non abbandonare squadra e compagni, ed io so che cosa ha passato. Ho avuto modo di imparare quali siano la sua determinazione, la sua forza di volontà e la sua abnegazione“.

Lakers, Rajon Rondo in campo giovedì, ancora qualche giorno d’attesa per LeBron James

ENOUGH-LeBron James, Los Angeles Lakers vs Denver Nuggets at Valley View Casino Center

Lakers, Rajon Rondo pronto per scendere in campo già a partire da giovedì, per la sfida dello Staples Center contro i Minnesota Timberwolves.

A confermare la notizia e coach Luke Walton, come riportato da Dave McMenamin di ESPN:

Credo che Rajon (Rondo, ndr) sarò in campo giovedì, se non ci saranno problemi di sorta. Domani in mattinata rivaluteremo le sue condizioni dopo la seduta d’allenamento

 

Rajon Rondo è stato costretto a saltare le ultime 14 partite dei suoi Los Angeles Lakers a causa di un problema all’anulare della mano destra, che ha richiesto un intervento chirurgico. Quest’anno l’ex giocatore di Boston Celtics e New Orleans Pelicans ha disputato appena 14 delle 48 partite giocate dai Lakers (25-23), tra infortuni ed una sospensione inflittagli dalla NBA a seguito della rissa (e del famoso episodio dello sputo) con Chris Paul degli Houston Rockets a fine ottobre.

Per Rondo, 8.4 punti e 6.7 assist in 24.4 minuti d’impiego in questa stagione. Il ritorno a pieno regime del campione NBA 2007 sarà fondamentale per i Lakers, alle prese con l’infortunio alla caviglia sinistra della point-guard titolare Lonzo Ball (distorsione di secondo grado e 4-6 settimane di stop per l’ex UCLA), e tuttora privi di LeBron James.

Le condizioni di James, in miglioramento, sono però ancora lontane dall’ottimale. L’ex star dei Cleveland Cavs ha da qualche giorno ripreso gli allenamenti, sebbene non ancora in grado di partecipare a sedute complete di 5 vs 5, tappa imprescindibile in vista del ritorno in campo del 3 volte MVP.

Non ha ancora svolto sedute con contatto, quindi non posso rischiare di rimetterlo in campo ora. Sappiamo quanto LeBron prenda sul serio la sua preparazione fisica, sta facendo progressi e lavorando sodo. Non vede l’ora di ritornare in campo, ma sa che non deve forzare i tempi. E’ importante che James possa recuperare perfettamente. Quando sarà in grado di giocare, giocherà. Giovedì non sarà in campo, con tutta probabilità, al contrario di Rajon (Rondo, ndr)”

– Luke Walton su Rajon Rondo e LeBron James –

 

La sfida di giovedì sarà la 15esima partita d’assenza per LeBron James in questa stagione. 5-9 il record dei Los Angeles Lakers nelle 14 gare sin qui disputate in assenza James.l

LeBron James “non prenderà parte” alle prossime due trasferte dei Los Angeles Lakers

Superstars NBA-lebron-lakers-foto

Infortunio LeBron James, ultimi aggiornamenti sulle condizioni della star dei Los Angeles Lakers.

l’ex Cavaliers non si unirà ai Los Angeles Lakers nelle loro prossime due trasferte. Luke Walton non ha convocato la star di Akron per i match alla Chesapeake Energy Arena contro gli Oklahoma City Thunder e del Toyota Center contro gli Houston Rockets.

Come dichiarato dall’agente di LeBron James Rich Paul ai microfoni di Dave McMenamin di ESPN, esiste la possibilità che la stella dei Lakers possa tornare disponibile per la partita di lunedì contro i Golden State Warriors.

Il 34enne James è out dal 25 dicembre, a causa di un infortunio all’inguine sinistro durante il match di Natale tra Lakers e Warriors.

Le condizioni di LeBron sarànno valutate giorno per giorno, ma salgono le possibilità di un suo ritorno per la partita del Martin Luther King Day. In assenza James, i Lakers hanno tenuto un record di 4-7 (20-16 con LeBron James in campo).

Infortunio LeBron James; Kuzma: “

 

In una recente intervista anche Kyle Kuzma ha parlato dell’assenza e del possibile rientro di LeBron:

James è fondamentale per noi, senza di lui è assolutamente difficile, soprattutto contro le prime della classe. Quindi noi non aspettiamo altro che il suo ritorno e speriamo che possa giocare per il match del Martin Luther King Day

– Kyle Kuzma sull’infortunio LeBron James

 

Già 11 le parti saltate da James in questa stagione. I Los Angeles Lakers (24-21) sono momentaneamente ottavi nella Western Conference, a pari merito con gli Utah Jazz.

Miami Heat-San Antonio Spurs: Recap Gara 1 Finals

Il momento tanto atteso è arrivato: le Finals NBA 2014 hanno preso il via questa notte, in Texas, a San Antonio, per il rematch delle finals dello scorso anno, quello di The Shot di Ray Allen, tra Miami Heat e San Antonio Spurs.

Miami Heat-San Antonio Spurs (Game 1)

Gara-1 tra gli Spurs e gli Heat è una sfida calda, anzi caldissima: la temperatura all’interno del palazzetto di San Antonio è bollente, circa 30 gradi che costringono i giocatori a sforzi sovraumani per finire la gara al meglio e Lebron ne saprà qualcosa a fine gara.

Dopo due quarti molto equilibrati, gli Heat prendono il largo a cavallo tra il terzo ed l’inizio dell’ultimo quarto: massimo vantaggio per la franchigia della Florida con un Chris Bosh, travestito da Ray Allen, con un gioco da quattro pazzesco da 86-79 (7 punti di vantaggio).
Ma gli Heat non hanno fatto i conti con Danny Grenn e le condizioni di James: i due momenti chiave della gara.

USP NBA: FINALS-MIAMI HEAT AT SAN ANTONIO SPURS S BKN USA TX

Prima di tutto Lebron James si accascia a terra per crampi:  Spoelstra lo fa sedere in panchina per precauzione.
Dopo alcuni minuti il Prescelto rientra, tocca 1 pallone e lo mette a canestro in isolamento contro Diaw ma sente ancora problemi e si ferma sulla linea di fondo, e verrà trascinato in panchina per gli ultimi minuti da Wade e Spoesltra.

2014 NBA Finals - Game One

L’altro momento chiave in negativo per gli Heat è la difesa pessima sul miglior tiratore da tre degli Spurs. Danny Green, dopo essere stato abulico per tutta gara-1, decide che è il momento di entrare in partita. Possesso palla Spurs, siamo sull’88-84 per gli Heat: Ginobili passa per Diaw, Wade in marcatura su Green sbaglia tutto e raddoppia su Duncan sotto canestro. Palla di Diaw per Green e boom: 88-87, gara riaperta completamente grazie a Danny che fino a quel momento aveva messo a referto soltanto 2 punti.
Ne farà 8 in 2 minuti portando gli Spurs sul 90-94 a 4:34 dalla fine!

Gli Heat proveranno a riportare su la testa, ma senza il Prescelto crollano sia fisicamente, che mentalmente: l’ultimo quarto dice 36-17, asfaltati gli Heat con un finale che non rispecchia però l’andamento di gran parte della gara.
95-110 il finale in Texas: gli Spurs guidano la serie sull’1-0, domenica gara-2 ancora in Texas, ancora a San Antonio.

Per NbaPassion.com,
@MarkTarantino89

Fonte Tribuna Italia