76ers, Joel Embiid (ginocchio sinistro) rimane “in forte dubbio” per gara 4 contro i Nets

Philadelphia 76ers, Joel Embiid “in forte dubbio” per gara 4 contro i Brooklyn Nets, i persistenti problemi al ginocchio sinistro potrebbero costringere la star dei Sixers a saltare la seconda partita consecutiva.

In questa serie sto preparando le partite con l’idea che Joel (Embiid, ndr) non ci saràCosì coach Brett BrownOgni giorno dipende da come Embiid si senta, e dal parere del nostro staff atletico ovviamente, non sono stato sorpreso dalla sua assenza in gara 3, non lo sarò se non ci sarà in gara 4“.

Joel Embiid è da ormai due mesi alle prese con un problema di tendinite al ginocchio sinistro. Il camerunense ha giocato solo 10 partite dalla pausa per l’All-Star Game di Charlotte, ed un totale di 45 minuti nelle prime due gare della serie, prima di fermarsi in gara 3.

Siamo in una situazione in cui dobbiamo guadagnare tempo” Continua Brown “Possiamo vincere presto la serie e guadagnare qualche giorno di riposo?“.

Greg Monroe prenderà di nuovo il posto di Embiid in quintetto in caso di forfait: “In gara 3 la sua performance è stata eccellente. Monroe è un veterano ed in questi ultimi mesi si è spostato parecchio“. Boban Marjanovic (14.3 punti di media  nella serie con il 61.5% al tiro) si dividerà i minuti con l’ex giocatore di Detroit Pistons, Milwaukee Bucks e Toronto Raptors.

La presenza in campo di Joel Embiid sarà decisa solo nei minuti precedenti la palla a due, prevista per sabato 20 aprile alle ore 21.00 italiane.

Sixers, Joel Embiid in forte dubbio per gara 1

Embiid back-to-back-Programmazione Sky Sport NBA

I Philadelphia Sixers fanno sapere che la presenza della loro stella, Joel Embiid, è in forte dubbio per gara 1 di stasera. Alle ore 20.30 italiane la franchigia della Pennsylvania scenderà in campo in casa contro i Brooklyn Nets di coach Kenny Atkinson.

L’eventuale assenza del camerunense, per via di un problema al ginocchio sinistro, potrebbe essere una grave perdita per coach Brett Brown.

Il centro dei Sixers è il giocatore più prolifico e con maggior leadership di un roster pieno di stelle, come i vari Jimmy Butler, Ben Simmons, Tobias Harris e J.J. Redick, ma che non hanno lo stesso peso di Joel nell’economia della squadra. Non a caso gran parte del merito delle 51 vittorie realizzate in questa regular season dai 76ers lo si deve alle eccezionali prestazioni del loro numero 21.

Joel Embiid in dubbio per gara 1 a causa di un problema al ginocchio accusato dopo l’All-Star Game

Embiid ha dichiarato che ha iniziato a sentire dolore al ginocchio già dopo essere tornato dalla pausa All-Star di febbraio, ma che ha voluto giocare lo stesso in quanto non lo riteneva una cosa seria, stando a quanto riporta Winters.

Il due volte All-Star, nella sua terza stagione in NBA, ha aumentato ancora le sue medie stagionali. 33.7 minuti, 27.5 punti, 13.6 rimbalzi, 3.7 assist e 1.9 stoppate per partita in 64 presenze, queste le medie del camerunense. Il tutto tirando con il 48.4% dal campo, il 30% da oltre l’arco e l’ 80.4% dalla lunetta.

76ers, Joel Embiid vede il rientro in campo: “Viaggerà con la squadra a Houston”

Philadelphia 76ers, Joel Embiid salterà la trasferta di Chicago ma potrebbe raggiungere la squadra a Houston, Texas, per la sfida contro i Rockets di James Harden in programma venerdì 8 marzo.

Il centro camerunense è fermo dallo scorso 21 febbraio a causa di un problema di tendinite al ginocchio sinistro. Con l’avvicinarsi dei playoffs e considerata la storia di infortuni di Embiid, la squadra ha deciso di fermare il giocatore in via precauzionale, concedendo a “JoJo” un periodo di riposo e riabilitazione.

Così coach Brett Brown sulle condizioni di Joel Embiid:

Se Embiid sarà in campo a Houston? Spero di si. Ma non sono in condizioni di dichiararlo ufficialmente, c’è la possibilità che possa prendere parte alla trasferta, questo si

Così Joel Embiid sulle sue condizioni, lo scorso 3 marzo: “Si parla di preservare la salute sul lungo periodo, di fare in modo che io sia pronto non solo per i prossimi playoffs, ma per i prossimi 15 anni di carriera. Io sono un giocatore che scende in campo in qualsiasi condizione, se il fisico me lo permette, ma data la situazione della squadra ed il momento della stagione, abbiamo deciso che la cosa migliore da farsi fosse fermarsi ora“.

76ers cadono in casa contro gli Warriors, Joel Embiid ancora ai box “Cautela, ma il ginocchio sta meglio”

Joel Embiid non vuole correre rischi, lo stop precauzionale per un problema di tendinite al ginocchio sinistro potrebbe proseguire per almeno i prossimi 7 giorni.

 

Il forte centro camerunense ha convissuto nel’ultimo mese di stagione con problemi alla schiena ed al ginocchio. Fastidi che dopo la ripresa delle operazioni post All-Star Game sono aumentati a tal punto da indurre lo staff medico dei Philadelphia 76ers a fermare il giocatore.

 

Col passare del tempo mi sentivo sempre meno a mio agioRacconta Embiid a Tim Bontemps di ESPNSi parla di preservare la salute sul lungo periodo, di fare in modo che io sia pronto non solo per i prossimi playoffs, ma per i prossimi 15 anni di carriera. Io sono un giocatore che scende in campo in qualsiasi condizione, se il fisico me lo permette, ma data la situazione della squadra ed il momento della stagione, abbiamo deciso che la cosa migliore da farsi fosse fermarsi ora“.

 

Joel Embiid si è sottoposto la scorsa settimana ad una risonanza magnetica, che ha dato esito negativo: “Sono contento che gli esami non abbiano riscontrato nulla, quindi nulla di cui preoccuparsi“.

 

 

Gli errori nel finale di partita, ed un maldestro tentativo di errore volontario dalla lunetta di Ben Simmons hanno condannato i 76ers alla sconfitta casalinga contro i Golden State Warriors (privi di Klay Thompson, alle prese a sua volta con un ginocchio in disordine).

 

La sconfitta di sabato notte potrebbe consentire ai Boston Celtics (38-25) di riavvicinarsi in classifica, classifica che vede Kyrie Irving e compagni, Sixers ed Indiana Pacers (41-23) distanziate di sole due partite e mezza.

 

Col passare degli anni ho imparato a non intestardirmi sulle cose. Se i medici e o staff della squadra mi dicono che devo rimanere fermo, mi adeguo alle loro decisioni, anche se in cuor mio vorrei giocare. Capisco però che c’è in gioco qualcosa di più della prossima partita (…) tutti qui ci diamo manforte l’uno con l’altro. Oggi la squadra è in grado di giocare anche senza di me, con tutti i nuovi arrivi. Anzi, imparare a giocare senza di me non può che essere una buona cosa, non vedo l’ora di ritornare in campo per riprendermi il mio posto in squadra

76ers, problema al ginocchio sinistro per Joel Embiid, out per una settimana

Philadelphia 76ers, un problema al ginocchio sinistro terrà fuori la star Joel Embiid per almeno una settimana, come annunciato dal capo allenatore della squadra Brett Brown

Joel non si sentiva del tutto a proprio agio ultimamente, col suo ginocchioCosì coach Brown a Tim Bontemps di ESPNAbbiamo fatto una risonanza magnetica ed è venuta fuori un po’ di tendinite. Niente di cui preoccuparsi, comunque, una cosa abbastanza normale“.

Le condizioni del ginocchio di Embiid saranno rivalutate tra 7 giorni. Nonostante il fastidio, Embiid è sceso in campo a Charlotte, in occasione dell’edizione 2019 dell’All-Star Game. Per il lungo dei Sixers 23 minuti di gioco.

Non significa nulla… si tratta semplicemente di un giocatore con un fastidio al ginocchio, che viene sottoposto a risonanza che evidenzia un piccolo problema… andiamo avanti. Sentiremo la sua mancanza, questo è chiaro, ma ora è importante per noi che Joel possa recuperare al meglio per essere pronto quando avremo bisogno di lui

– Coach Brett Brown su Joel Embiid –

Embiid ha disputato in questa stagione 54 delle 58 partite giocate dai suoi Philadelphia 76ers, facendo segnare nuovi massimi in carriera in punti (27.3), rimbalzi (13.5) e minuti a gara (33.7).

Furkan Korkmaz, guardia-ala turca al primo anno, ha invece riportato una lesione del menisco del ginocchio destro, e rimarrà fuori a tempo indeterminato.

Infortunio Joel Embiid: possibile recupero per il primo turno dei play-off

Buone notizie in casa Sixers visto che, secondo le ultime indiscrezioni, l’infortunio Joel Embiid potrebbe essere meno grave del previsto.

A rivelarlo è stato Keith Pompey del The Philadelphia Inquirer che ha svelato di come sia arrivato l’OK dei medici per il rientro del centro camerunense agli allenamenti, leggeri e senza contatto, dopo la commozione cerebrale e la frattura orbitale occorsa lo scorso 28 marzo nel match contro i New York Knicks.

Infortunio Joel Embiid: obiettivo primo turno

L’infortunio Joel Embiid aveva fatto tremare, e non poco, i tifosi dei Philadelphia 76ers che pensavano di aver perso per tutto il primo turno della postseason uno dei suoi cardini, insieme ovviamente a Ben Simmons.

I primi tempi di recupero stimati erano stati infatti di uno stop di circa 2-4 settimane ma, come svelato da Pompey, il giocatore ha accelerato i tempi di recupero grazie all’operazione perfettamente riuscita. Embiid verrà rivalutato anche nei prossimi giorni per capire anche le sue sensazioni durante i primi allenamenti. Soltanto poi verrà presa una decisione su un suo possibile impiego nel primo turno dei play-off ma la sensazione è che il centro stia facendo di tutto per esserci.

Intanto, nonostante la sua assenza, i Sixers stanno volando alla conquista del terzo posto nella Eastern Conference e, grazie alla vittoria contro Dallas, la squadra di coach Brown ha superato i Cleveland Cavaliers ed ora, a due partite dalla fine della regular season, ha una gara di vantaggio sulla truppa guidata da LeBron James che può valere un importantissimo fattore campo.