Infortunio Zion Williamson: pronto il rientro stanotte contro Syracuse

Infortunio Zion Williamson: pronto il rientro stanotte contro Syracuse

Infortunio Zion Williamson ormai alle spalle per la stella del prossimo Draft Nba. Duke riabbraccia in vista del Torneo ACC la sua stella per il match di stanotte contro Syracuse.

Infortunio Zion Williamson: le ultime sulle condizioni della stella di Duke

In attesa di capire il suo destino, si spera in Nba nella prossima stagione, Duke ora ha una ragione per poter sorridere in vista del momento più importante della sua stagione cestistica.

Stando a quanto riportato in queste ore da ‘TheScore.com‘, la stella dei Blue Devils allenata dal leggendario coach K, potrà fare il suo ritorno in campo questa notte per il match contro Syracuse valido per il Naismith Trophy.

Duke, che in assenza dello stesso Zion ha vinto 3 partite e perse 3, ritrova il suo numero 1 dal lontano 20 febbraio; giorno del suo infortunio al ginocchio incassato nel corso del match contro North Carolina.

Ritorno importante dunque per il prospetto più importante della stagione 2018/19 Ncaa, che prima del suo infortunio di quasi un mese fa ha messo a segno circa 23 punti, 9 rimbalzi, 2 rubate, 2 assist e 1 stoppata di media a partita, che è valso a Duke University un bilancio complessivo davvero positivo (23 vittorie e 2 sconfitte in questa stagione).

John Wall parla dopo l’operazione al tendine d’Achille: “Ora penso soltanto a riposarmi”

John Wall infortunio

John Wall parla della sua situazione dopo l’intervento al tendine d’Achille. Filtra ottimismo per i suoi tempi di recupero in vista del futuro dei suoi Wizards.

John Wall: “In questo momento la priorità è tornare in perfetta salute”

La rivoluzione in casa Washington Wizards sembrerebbe essere appena cominciata.

Nonostante in queste ultimi giorni di mercato la squadra allenata da coach Brooks ha accolto i suoi nuovi acquisti come Bobby Portis, Jabari Parker e Wesley Johnson; il front-office dei Wizards è rimasto con il fiato sospeso riguardo le condizioni della sua stella John Wall.

Il più grande investimento del team della Capitale ha superato con successo l’operazione al tendine d’Achille effettuata la scorsa notte sempre in quel di Washington, che purtroppo lo terrà lontano dai campi almeno per la prossima stagione.

Stando a quanto riportato in queste ultime ore dal ‘Washington Post‘, il recupero di Wall è stimato intorno agli 11-15 mesi, ma lo stesso giocatore dei Wizards ha deciso che se necessario il suo stop potrebbe essere ancora più lungo.

A confermare l’indiscrezione dell’insider Candace Buckner, sono arrivate infatti le parole dello stesso John Wall a poche ore di distanza dall’intervento al tendine d’Achille.

Ecco le sue parole riportate sempre dal ‘Washington Post‘:

Sono grato allo staff medico dei Wizards per aver accelerato i tempi dell’operazione. In questo momento mi aspettano 4-5 mesi di stop assoluto e poi comincerò con molta calma la mia riabilitazione. Il mio processo ora è costituito da priorità, che bisogna cominciare a selezionare dopo infortuni del genere. In primis l’obiettivo è rientrare in perfetta salute sia nella riabilitazione, sia in campo quando terminerò tutto il processo di recupero. Poi ora voglio soltanto riposarmi. Molti altri giocatori hanno avuto problemi seri di salute dopo infortuni così gravi. Non voglio peggiorare la situazione”.

 

Infortunio Davis: I Pelicans gli hanno impedito di giocare secondo Yahoo

Infortunio Davis: I Pelicans gli hanno impedito di giocare secondo Yahoo

Infortunio Davis che diventa un vero e proprio caso tra il giocatore e il front-office del team della Louisiana. Situazione sempre più tesa in casa New Orleans alla vigilia della trade deadline.

Infortunio Davis: le ultime da Chris Haynes

A due giorni dal termine della trade deadline, in casa New Orleans Pelicans sono ore di trepidante attesa per capire il destino del possibile approdo ai Los Angeles Lakers di Anthony Davis via trade.

In attesa di ulteriori sviluppi sulla trattativa che potrebbe mescolare ancora una volta le carte sul futuro della Nba, Yahoo Sports ha riportato che i rapporti tra ‘UniBrow‘ e il team della Louisiana forse sono ai minimi storici.

Stando a quanto riportato sia da Chris Haynes, sia dal profilo twitter dell’insider italiano de ‘La Gazzetta dello SportDavide Chinellato; i Pelicans avrebbero imposto il riposo a Anthony Davis nonostante le sue ottime condizioni fisiche.

Secondo ultime indiscrezioni la situazione potrebbe andare avanti anche nella prossima partita dei Pelicans in quel di Chicago, ma anche fino alle partite antecedenti all’All Star Game di Charlotte, in modo tale da capire la situazione tra le parti in caso di mancata cessione.

In questo momento New Orleans, senza l’apporto del big-man nativo di Chicago; la squadra guidata da coach Alvin Gentry ha vinto solo 3 delle ultime 13 partite di regular season.

 

Infortunio Caris LeVert: l’ala dei Nets presto in campo secondo Woj

Infortunio Caris LeVert: l'ala dei Nets presto in campo secondo Woj

Arrivano aggiornamenti confortanti sulla situazione riguardante l’infortunio Caris LeVert. L’ala dei Nets sta per rientrare a pieno regime per il finale di stagione della franchigia newyorchese.

Infortunio Caris LeVert: rientro in campo previsto dopo l’All-Star Game di Charlotte

Se in pieno centro di New York, i Knicks stanno vivendo il loro peggior momento della stagione e della loro recente storia (ben 14 sconfitte casalinghe e il peggior record nella lega con 10 vittorie e 42 sconfitte); aldilà del tunnel i Nets possono trovare un’altra ragione per sorridere.

Stando a quanto riportato in questi ultimi minuti dall’insider Adrian Wojnarowski di ‘Espn.com‘, l’ala dei Nets Caris LeVert potrebbe tornare molto presto in campo; dopo il grave infortunio avvenuto lo scorso novembre al Barclays Center di Brooklyn nel corso del match contro i Minnesota Timberwolves.

L’ala dei Nets, finora a 18.4 punti, 4.3 rimbalzi, 3.7 assist e 1.2 recuperi di media ad allacciata di scarpe, ha iniziato infatti gli allenamenti 5vs5 con il resto del gruppo, in modo da poter essere a totale disposizione del roster a partire dal post All Star Game di Charlotte.

Ottima notizia per coach Kenny Atkinson, che oltre allo stato di grazia dei suoi giocatori (ufficiale anche la convocazione di Joe Harris per il three-point contest dell’All Star Saturday) e di un confortante sesto posto nell’Eastern Conference, spera di recuperare un altro elemento fondamentale del proprio roster in vista del rush finale di regular season.

Utah Jazz, Donovan Mitchell si infortuna: “Forte contusione allo sterno”

Ricky Rubio infortunio-Donovan Mitchell e Ricky Rubio

NBA, infortuni per Donovan Mitchell degli Utah Jazz e per Terrance Ferguson degli Oklahoma City Thunder.

La giovane star dei Jazz ha riportato una forte contusione allo sterno durante il secondo quarto della partita tra Utah ed i Los Angeles Lakers.

Mitchell è rientrato negli spogliatoi, ed è stato fermato dallo staff medico dei Jazz dopo pochi minuti.

La sconfitta subita allo Staples Center di LA ha fatto precipitare gli Utah Jazz (8-11) al 14esimo posto nella Western Conference. Il prossimo impegno per gli uomini di coach Quin Snyder è in programma domenica 25 novembre a Sacramento.

OKC Thunder, Terrance Ferguson (caviglia) rivalutato tra 10 giorni

Gli Oklahoma City Thunder hanno annunciato che le condizioni delle guardia al secondo anno Terrance Ferguson saranno rivalutate tra 10-12 giorni.

Ferguson ha riportato una distorsione della caviglia sinistra durante il primo quarto del match tra i suoi Thunder ed i Golden State Warriors, lo scorso mercoledì 21 novembre.

Lo stop di Ferguson lascia i Thunder (12-6) particolarmente sguarniti nello spot di guardia tiratrice. Oltre all’ex scelta numero 21 al draft NBA 2017, per OKC risultano indisponibili Hamidou Diallo ed il lungo-degente André Roberson.

Ferguson è partito titoltare in 15 delle 20 partite sinora disputate dagli Oklahoma City Thunder. In sua assenza, coach Billy Donovan concederà minuti in uscita dalla panchina all’ex Sixers Timothé Luwawu-Cabarrot ed al rookie da Iowa State Deonte Burton.

 

Seguiteci e dite la vostra su Facebook sul gruppo Passion NBA o su NBA Area, ma anche su Instagram su NBAPassion e sulla nostra pagina Facebook

Bucks, John Henson (polso) e Donte DiVincenzo (stiramento) out per le prossime partite

NBA: Golden State Warriors at Milwaukee Bucks

Problemi di infortuni per i Milwaukee Bucks, che perdono John Henson e Donte DiVincenzo per le prossime partite.

John Henson ha riportato la lesione di un legamento del polso destro. Il lungo ex Tar Heels si era infortunato lo scorso 6 novembre durante la sconfitta dei Bucks sul campo dei Portland Trail Blazers, e dopo aver giocato le successive tre gare, ha dovuto alzare bandiera bianca.

Henson si sottoporrà ad intervento chirurgico nei prossimi giorni, ed i tempi di recupero saranno stimati ad operazione conclusa. In 14 partite disputate, John henson ha viaggiato a 5.6 punti e 5.1 rimbalzi di media in 13.5 minuti a partita, come primo cambio del centro titolare Brook Lopez.

Come riportato da Shams Charania di The Athletic, Henson potrebbe affrontare un periodo di stop di almeno 3 mesi, e ritornare in campo dopo la pausa per l’All-Star Game di Charlotte, a febbraio.

Il rookie prodotto di Villanova Donte DiVincenzo ha riportato uno stiramento di lieve entità al quadricipite della gamba sinistra, durante la sconfitta casalinga dei Milwaukee Bucks contro i Memphis Grizzlies.

DiVincenzo salterà le prossime tre partite dei Bucks, e le sue condizioni saranno rivalutate tra circa una settimana.

L’assenza di Henson aprirà minuti alle spalle di Lopez per Thon maker. Il lungo australiano è finito in questa stagione ai margini delle rotazioni di coach Mike Budenholzer, ma l’infortunio del prodotto di North Carolina porebbe rivelarsi per il giocatore di origine sudanenese un’opportunità per mettersi in mostra.

Pat Connaughton e Tony Snell andranno ad assorbire i minuti di DiVincenzo in uscita dala panchina nello spot di guardia per la squadra di Giannis Antetokounmpo.

Nelle ultime ore, Thon Maker è stato citato quale parziale contropartita per una trade che potrebbe portare Kyle Korver a Milwaukee.

Brooklyn Nets, grave infortunio per Caris LeVert, le reazioni del mondo NBA

Infortunio Caris LeVert, la guardia dei Brooklyn Nets ha subito un bruttissimo infortunio alla gamba destra durante la partita tra i suoi Nets ed i Minnesota Timberwolves.

LeVert è caduto malamente sulla gamba destra, a seguito di un recupero difensivo, atterrando sul corpo del rookie dei Twolves Josh Okogie, lanciato a canestro e terminato a terra a propria volta.

L’infortunio è apparso subito serio per la guardia dei Brooklyn Nets. LeVert è rimasto a terra per diversi minuti, per permettere allo staff medico di stabilizzare e mettere in sicurezza l’arto offeso.

Il prodotto di Michigan è stato poi condotto fuori dal campo in barella. I Brooklyn Nets hanno comunicato che lo sfortunato giocatore è stato trasportato in ospedale per esami e successivo intervento chirurgico.

“Un colpo durissimo per noi, per l’organizzazione… Caris è stato finora il motore della squadra, la sua anima. Quest’anno Caris è cresciuto tantissimo, so che se c’è qualcuno in grado di tornare più forte dopo un infortunio del genere, quello è lui. A livello umano, di carattere, e come giocatore, tornerà più forte di prima. La partita oggi non conta, non importa

– Coach Kenny Atkinson sull’infortunio di Caris Levert –

Infortunio Caris LeVert, le reazioni della lega:

Derrick Rose, presente in campo e, suo malgrado, “esperto” di infortuni seri e lunghe riabilitazioni, è stato tra i primi colleghi di Caris LeVert a fare il propio in bocca al lupo alla guardia dei Nets, dopo la gara: “E’ sempre bruttisimo vedere qualcuno di noi subire un infortunio del genere, terribile“.

In 14 partite disputate, LeVert ha sinora tenuto una media di 18.4 punti, 4.3 rimbalzi, 3.7 assist e 1,2 recuperi difensivi a gara, tirando col 47.3% dal campo, in 29.7 minuti a partita.

Caris LeVert non è purtroppo nuovo ad infortuni seri. Tra 2014 e 2016, l’ex Michigan Spartans riportò un doppio infortunio al piede sinistro, una frattuta da stress che risultò in molte partite saltate durante le stagioni NCAA 2014\15 e 2015\16.

La star degli Houston Rockets Chris Paul ha rivolto le proprie preghiere a LeVert via Twitter:

La dinamica dell’infortunio di Caris LeVert ha ricordato quanto successo a Paul George nell’estate 2014. La stella dei Thunder – all’epoca agli Indiana Pacers – riportò una frattura scomposta di tibia e perone dopo essere ricaduto pesantemente sulla sua gamba destra dopo un recupero difensivo.

Nel 2007, la point guard dei Golden State Warriors (all’epoca ai Los Angeles Clippers) Shaun Livingston riportò un gravissimo infortunio al ginocchio sinistro dopo essere atterrato a seguito di un layup.

Più recentemente, Gordon Hayward dei Boston celtics riportò durante il season opener della stagione 2017\18 una frattura di tibia e caviglia della gamba sinistra, dopo essere ricaduto a seguito di un tentativo di alley-oop.

NBA, infortuni per Bobby Portis (Bulls) e Luke Kennard (Pistons)

Infortuni NBA, possibili lunghi stop per Portis (Bulls) e Kennard (Pistons)

Chicago Bulls, Bobby Portis KO per un infortunio al ginocchio destro. Il lungo si è procurato una “moderata distorsione” al legamento mediale collaterale del ginocchio destro, durante la sfida di mercoledì notte tra Bulls e Hornets.

Ad annunciare la notizia sono gli stessi Chicago Bulls, via Twitter:

Durante il quarto periodo di gioco, la guardia degli Hornets Tony Parker è caduto pesantemente sopra il ginocchio di Portis. Uno scontro di gioco che ha provocato l’infortunio per il lungo ex Arkansas.

I Bulls stimano in 4-6 settimane i tempi di recupero. Per un infortunio analogo, i Bulls dovranno rinunciare per circa un mese alla loro point guard titolare Kris Dunn, mentre è fermo da ormai due settimane l’ala al terzo anno Denzel Valentine, per un problema alla caviglia sinistra.

Il finlandese Lauri Markkanen non rientrerà prima di novembre inoltrato, a seguito di una lussazione al gomito destro riportata a fine settembre.

Il posto di Portis nello starting five dei Chicago Bulls verrà coperto da Jabari Parker.

Infortuni NBA, spalla KO per Luke Kennard (Pistons)

Luke Kennard, guardai al secondo anno dei Detroit Pistons prodotto di Duke, ha riportato un infortunio alla spalla destra nella giornata di giovedì, durante la sfida tra Pistons e Cleveland Cavs.

L’infortunio è occorso mentre Kennard cercava di evitare un blocco portato da Tristan Thompson.

L’ex Duke verrà sottoposto nella giornata di venerdì a risonanza magnetica, per una sospetta lussazione della spalla destra.

Chicago Bulls, Denzel Valentine potrebbe star fuori diverse settimane

Denzel Valentine

Denzel Valentine infortunato, caviglia sinistra KO per l’ala dei Bulls.

I Chicago Bulls hanno a che fare, di nuovo, con gli infortuni. Dopo Chris Dunn che ha saltato le prime due gare di regular season, e Lauri Markannen, fuori un altro mese, è ora il turno di Denzel Valentine.

I problemi alla caviglia sinistra non sono terminati per Denzel Valentine, swingman dei Chicago Bulls.

Secondo K.C. Johnson del The Chicago Tribune, il giocatore ha ancora dolore a causa di una forte contusione, e verrà rivalutato dallo staff medico tra due settimane.

Valentine, quattordicesima scelta assoluta al draft 2016, ha subito un intervento chirurgico alla caviglia dopo la sua stagione da rookie, già condizionata da gravi distorsioni.

Durante la passata off-season, il giocatore ha subito un altro intervento chirurgico artroscopico al ginocchio, per presentarsi all’inizio di questa stagione sano.

Il nuovo infortunio è occorso in un allenamento non ufficiale. Valentine subisce una semplice distorsione, per poi scoprire una settimana dopo, con una risonanza magnetica, la presenza di un ematoma.

Denzel Valentine infortunato: “Non ho intenzione di arrendermi”

Non ho intenzione di arrendermi, non posso sedermi qui ed essere negativo. Devo solo combattere, rimanere mentalmente forte e trovarmi pronto quando rientrerò per un grande anno.” Ha dichiarato Valentine prima della partita dei suoi Bulls contro i Pistons persa per 118 a 116.

L’ex Spartans Denzel Valentine infortunato, un problema in casa Bulls

”È l’inizio della stagione, apri la porta, senti l’energia e ti sembra di essere lì fuori. Fa schifo. Perché voglio essere là fuori, dopo tutto il lavoro svolto quest’estate e il buon rapporto con i miei compagni.” Ha poi aggiunto. ”Le cose accadono per una ragione, sappiamo cosa sta succedendo, sarò rivalutato e dovrò essere paziente. È una cattiva notizia, ma ho tempo per prepararmi.”

”Non è così male”, ha insistito Valentine. ”La mia caviglia sta davvero meglio, si tratta solo di un po’ di guarigione, posso ancora fare delle cose, non mi lascerò andare così tanto.”

L’ex Michigan State Spartans ha poi raccontato l’accaduto: ”È successo la prima settimana in cui sono tornato dopo il Labor Day. Stavamo facendo ginnastica all’aperto e me la sono slogata, ed è stato peggio di quello che pensavamo. Per guarirla al meglio occorre diverso tempo. Penso che lo staff medico abbia percorso i passi correttamente. Il fatto che la caviglia non sia guarita è la dimostrazione che le occorre ancora del tempo per essere al top.”

Denzel Valentine ha concluso la scorsa stagione con 10.2 punti di media (con un massimo di 38 contro Cleveland), 5.1 rimbalzi e 3.2 assist, tirando con il 37% dall’arco dei tre punti.

View this post on Instagram

Patience…

A post shared by Denzel Valentine (@denzelvalentine) on

NBA, infortuni per Will Barton (Denver Nuggets) e JaMychal Green (Memphis Grizzlies)

Infortunio all’anca sinistra per Will Barton dei Denver Nuggets. La guardia ex Portland si è infortunato durante il terzo periodo della sfida di sabato notte tra Nuggets e Suns, al Pepsi Center di Denver.

I Denver Nuggets hanno travolto i Phoenix Suns. 119-91 il risultato finale per gli uomini di coach Mike Malone, in vantaggio già di 16 punti al termine del primo tempo.

Barton si è infortunato durante un tentativo di penetrazione con circa 8 minuti di gioco sul cronometro del terzo quarto. Al momento dello stacco da terra, il giocatore ha avvertito una fitta all’altezza dell’inguine ed è finito a terra dolorante.

Will Barton è stato poi accompagnato negli spogliatoi in barella. I Denver Nuggets hanno annunciato che il giocatore si sottoporrà a a risonanza magnetica nella giornata di domenica.

Al momento dell’infortunio, Barton aveva già fatto segnare 14 punti a referto, con un ottimo 6 su 9 al tiro, 5 rimbalzi e 5 assist.

Will Barton si aggiunge nella lista infortunati di Denver ad Isaiah Thomas, ancora alle prese con le ultime fasi di recupero dopo l’operazione all’anca destra subita lo scorso aprile.

Memphis Grizzlies, frattura per JaMychal Green

I Memphis Grizzlies hanno annunciato che il lungo JaMychal Green ha riportato la frattura della mandibola nella giornata di sabato, durante la sfida di venerdì contro gli Atlanta Hawks.

Green aveva ricevuto una forte gomitata al volto durante il terzo periodo di gioco.

Il giocatore è già stato sottoposto ad intervento chirurgico per ridurre la frattura, intervento perfettamente riuscito. Per Green si ipotizza un stop di almeno un mese.

 

Knicks, Kevin Knox si infortuna alla caviglia, fuori per 2-4 settimane

Kevin Knox dei New York Knicks costretto a fermarsi per 2-3 settimane a causa di un infortunio alla caviglia sinistra, riportato durante la sconfitta casalinga dei suoi Knicks contro i Boston Celtics.

L’infortunio è occorso con 1.45 da giocare sul cronometro del primo quarto. Know ha riportato una distorsione alla caviglia sinistra scivolando sul piede della point guard dei Celtics Terry Rozier, durante un tentativo di penetrazione.

Il giocatore al primo anno prodotto di Kentucky è stato sottoposto a radiografia negli spogliatoi del Madison Square Garden. Gli esami hanno dato esito negativo.

Una stima preventiva dei tempi di recupero è stata indicata in 2-4 settimane, secondo quanto riportato da Shams Charania di The Athletic, via Twitter.

Una brutta notizia per i New York Knicks, che hanno perso la sfida contro i Celtics per 103-101.

Durante le prime due partite stagionali, Knox – selezionato con la scelta numero 9 dai Knicks all’ultimo draft – si è rivelato essere uno dei giocatori più produttivi in uscita dalla panchina per coach David Fizdale.

L’infortunio di Kevin Knox dovrebbe liberare ulteriori minuti dalla panchina per il sorprendente rookie undrafted Allonzo Trier (autore stanotte di 15 punti in 25 minuti di gioco), e per le guardie Mario Hezonja e Damyean Dotson.

I New York knicks sono inoltre alle prese con la lunga assenza di Kristaps Porzingis, e con l’infortunio della point guard Emmanuel Mudiay, fuori per un problema alla caviglia destra.

Courtney Lee risulta ancora out a causa di un problema alla schiena.

Warriors-Thunder, Westbrook assente nell’opening night: i dettagli

warriors-thunder-Playoffs NBA

Warriors-Thunder in programma questa notte apre la stagione dei bi-campioni Nba in carica. In casa Oklahoma City sarà assente la stella Russell Westbrook.

Russell Westbrook assente all’Oracle Arena: la situazione

Parte ufficialmente questa notte alle 2.00 ora italiana la nuova stagione Nba. Al TD Garden di Boston i Celtics di coach Stevens e i 76ers di coach Brown apriranno le danze nell’opening night della regular season 2018/19.

Subito dopo il match tra le due compagini dell’Eastern Conference, in quel di Oakland avverrà la cerimonia di consegna degli anelli ai membri del roster dei Golden State Warriors per il titolo conquistato con un devastante 4-0 ai danni dei Cleveland Cavaliers.

I bi-campioni Nba in carica allenati da coach Kerr affronteranno i “nuovi” Oklahoma City Thunder di coach Billy Donovan, a caccia di riscatto dopo la cocente eliminazione incassata dagli Utah Jazz negli scorsi Playoffs.

Alla vigilia del match contro il team della Baia, i Thunder devono rinunciare ufficialmente alla stella Russell Westbrook. Stando a quanto riportato da ‘Bleacher Report‘, l’MVP della regular season 2016/2017 non ha ancora smaltito il suo problema al ginocchio destro accusato nel corso della pre-season.

Westbrook, insieme al suo compagno Andre Robertson, dovranno dunque aspettare per il loro esordio in campo, ancora non ufficializzato dallo staff medico dei Thunder.

 

LEGGI ANCHE:

Pronostici NBA 18-19: inizio col botto! Celtics-76ers

10 motivi per seguire la stagione NBA 2018/19

NBA: tutti i rinnovi ed i mancati accordi in vista dell’inizio della stagione

Milwaukee Bucks, da Washington arriva Jodie Meeks, agli Wizards una seconda scelta

Scambio Pelicans-Clippers, in Louisiana arriva Wesley Johnson