Lonzo Ball, “Rumors di mercato? Non mi interessano, penso solo alla salute”

Lonzo Ball, Los Angeles Lakers vs Utah Jazz at Vivint SmartHome Arena

Lonzo Ball sembra avere le idee chiare riguardo al suo obbiettivo in vista della prossima stagione: recuperare completamente dal punto di vista fisico, a prescindere dalla squadra in cui militerà.

Il giocatore dei Los Angeles Lakers ha infatti concluso anzitempo il proprio secondo anno in NBA a causa di una distorsione alla caviglia ed un successivo livido osseo che lo hanno costretto ad alzare bandiera bianca, così come successo nel caso del compagno di squadra Brandon Ingram.

Non si tratta comunque della prima volta in cui Lonzo Ball ha a che fare con una situazione del genere. Già durante il suo anno da rookie infatti, problemi fisici lo hanno costretto a non prendere parte ad un cospicuo numero di match.

“E ‘stato frustrante, questo è il secondo anno in cui è successo, ma devo rimanere positivo, rimanere motivato”.

Lonzo Ball, obbiettivo recupero dall’infortunio: “Penso alla salute, anche se venissi ceduto”

Il n°2 è stato inoltre frequentemente inserito all’interno di potenziali trattative di mercato che avrebbero potuto portare all’approdo di Anthony Davis in California, prima dello scadere della trade deadline. Tuttavia, stando a quanto dichiarato dallo stesso Ball a Shams Charania di The Athletic, l’eventualità di una trade non sembrerebbe essere il suo principale motivo di interesse.

“Alla fine della giornata, puoi controllare solo le cose di cui hai il controllo”, ha detto.“Se vengo scambiato, sarò pronto ad andarmene. Il mio obiettivo è essere il miglior giocatore possibile per qualsiasi squadra”.

Il prodotto di UCLA non mette piede sul parquet addirittura dallo scorso 19 gennaio, nella sfida contro gli Houston Rockets. Quel momento ha segnato un momento delicato non solo per il figlio di LaVar, bensì anche per tutta la squadra di coach Walton, che, priva del proprio playmaker titolare, nonché leader difensivo; ha dato avvio ad una fase di progressivo declino che ha ridotto a zero le possibilità di prendere parte ai playoff. I gialloviola, dopo la vittoria contro Chicago, occupano attualmente l’undicesimo posto della Western Conference, a ben 7 partite di distacco dall’altra squadra di LA, i Clippers.

Lakers: Lonzo Ball tornerà in campo mercoledì contro Golden State

Lonzo Ball

Lonzo Ball è sulla via del ritorno. Il playmaker dei Lakers rientrerà presto in squadra cosi da poter finalmente giocare con LeBron James. Il coach di LA, Luke Walton, aveva già dichiarato ai giornalisti, prima della partita con i Clippers, che si sarebbe aspettato di riavere il ragazzo a disposizione già nel match di mercoledì contro i Golden State Warrios, alla T-Mobile Arena.

Pensando al passato i Lakers hanno voluto assumere un atteggiamento di cautela sulle condizioni di Ball e, nonostante il giovane potesse rientrare già qualche giorno fa, lo staff medico, d’accordo con Walton, hanno deciso di posticipare il ritorno in campo di qualche giorno.

Lonzo Ball: il rientro già mercoledì

“E’ vicino, è vicino”, ha detto Walton a proposito del rientro di Lonzo Ball. “Stiamo giocando bene non c’è nessun motivo di affrettare il ritorno, ma ci siamo quasi”, le parole del coach sul mancato impiego con i Clippers del n°2 giallo-viola.

Ball ha subito un’operazione chirurgica in artroscopia sul suo ginocchio sinistro a luglio e l’obiettivo era di recuperarlo in tempo per l’inizio del training camp. Il rientro è stato cauto, ovviamente con degli allenamenti senza contatti e solo da poco ha ricominciato a pieno regime.

Al termine della scorsa stagione il 20enne playmaker è stato nominato nel Second Team All-Rookie, chiudendo la sua prima stagione in NBA con 10.2 punti, 6.9 rimbalzi e 7.2 assist in 34.2 minuti di media giocati nelle 52 partite in cui è sceso in campo. Ball ha dovuto saltare 15 partite a causa di un problema al legamento collaterale mediale del suo ginocchio a gennaio per poi giocare soltanto 8 partite da li a fine stagione a causa di un altro infortunio.