Home WNBA, Women's National Basketball Association Chicago Sky

Chicago Sky

Le Chicago Sky sono nate nel 2005 come franchigia di espansione della WNBA, e per i primi 6 anni di vita le soddisfazioni sono state ben poche: nessuna partecipazione ai playoffs e tante sconfitte.

Il destino della squadra sarebbe presto cambiato con l’arrivo via draft di due future MVP: Elena Delle Donne nel 2006 e Sylvia Fowles nel 2008. Con EDD e Fowles in campo, dal 2013 le Sky si sono trasformate in presenza fissa in post season, nel 2014 l’arrivo alle WNBA Finals perse per 0-3 contro le Phoenix Mercury il picco.

Per il primo titolo WNBA della loro storia, le Sky hanno dovuto attendere il ritorno a casa di Candace Parker nel 2021, e prima ancora l’arrivo del coach e gm James Wade nel 2019. Due aggiunte decisive, che hanno portato nel 2021 alla rivincita per 3-1 contro le Mercury.

Le Chicago Sky giocano le partite in casa alla Wintrust Arena, dal 2018.

  • anno di fondazione: 2005
  • proprietario: Michael J. Alter (maggioranza)
  • general manager: James Wade
  • head coach: James Wade
  • arena: Wintrust Arena
  • maglie ritirate: \
  • palmares: 1 titolo WNBA (2021)

Chicago Sky roster

  • Kahleah Copper, F
  • Candace Parker, C
  • Courtney Vandersloot, G
  • Emma Meesseman, C
  • Azurà Stevens, F
  • Allie Quigley, G
  • Ruthy Hebard, F
  • Dana Evans, G
  • Julie Allemand, G
  • Rebekah Gardner, G
  • Li Yueru, C
  • Leonie Fiebich, F

Chicago Sky, la squadra oggi

Le Sky hanno mancato il repeat del titolo nel 2022, eliminate in finale di conference dalle Connecticut Sun per 3-2. Dopo la sconfitta, Candace Parker aveva addirittura parlato di ritiro, salvo poi cambiare idea, ma il suo ritorno nel 2023 è una delle poche certezze.

Courtney Vandersloot, Emma Meesseman, Allie Quickley e Azurà Stevens sono free agent, l’MVP delle finali 2021 Kahleah Copper è invece sotto contratto. Riportare in squadra per un altro anno un nucleo così vincente, per un’ultima corsa assieme a Parker sarà la priorità della offseason.

James Wade ha vinto nel 2022 il premio come Gm WNBA dell’anno, e ha prolungato il suo contratto nel doppio ruolo di head coach e executive.