Home WNBA, Women's National Basketball Association Los Angeles Sparks

Los Angeles Sparks

Le Los Angeles Sparks sono state fondate nel 1997, anno di nascita della WNBA, e sono una delle 8 franchigie originali della lega di basket femminile USA. Dal 1997 al 2006 le Sparks sono state di proprietà dello storico owner dei Lakers Jerry Buss, e sono forse la squadra WNBA più famosa, grazie a giocatrici come Lisa Leslie, Tina Thompson, Candace Parker e Nneka Ogwumike che le hanno rese grandi.

Le Sparks hanno avuto tante star anche in panchina: gli ex NBA Orlando Wooldridge, Michael Cooper, Joe Bryant (il padre di Kobe Bryant) e Derek Fisher hanno allenato la squadra, oggi il coach è Curt Miller.

Le Los Angeles Sparks hanno vinto 3 titoli WNBA nella loro storia, e giocano le partite in casa alla Crypto.com Arena, la stessa di Lakers e Clippers.

  • anno di fondazione: 1997
  • proprietario: Sparks LA Sports
  • general manager: \
  • head coach: Curt Miller
  • arena: Crypto.com Arena
  • maglie ritirate: 9, 11
  • palmares: 3 titoli WNBA (2001, 2002, 2016)

Los Angeles Sparks roster

  • Nneka Ogwumike, F
  • Kristi Toliver, G
  • Chiney Ogwumike, F
  • Brittney Sykes, G
  • Jordin Canada, G
  • Chennedy Carter, G
  • Lexie Brown, G
  • Katie Lou Samuelson, G
  • Jasmine Walker, F
  • Rae Burrell, F
  • Olivia Nelson-Ododa, F
  • Kianna Smith, G

Los Angeles Sparks, la squadra

Dopo le annate 2021 e 2022 deludenti, tante le free agent di spessore da confermare a partire da Nneka e Chiney Ogwumike, e una squadra da rinforzare per tornare ai playoffs.

Le Sparks hanno messo a segno il primo colpo in panchina, con l’arrivo di Curt Miller, che ha allenato le Connecticut Aces e le ha portate per due volte alle WNBA Finals nelle ultime 5 stagioni. Miller è uno dei migliori allenatori in circolazione, resta da vedere come sarà il roster a disposizione nel 2023.

La stagione 2022 era iniziata con grandi attese: Derek Fisher in panchina e da Gm, e una star come Liz Cambage in campo ma le cose non sono andate bene. Fisher è stato esonerato dopo 12 partite, e Cambage ha abbandonato la squadra a metà stagione per ragioni personali.