Euroleague preview, Barcellona-Olimpia Milano: solidità e coraggio

Barcellona-Olimpia Milano è in programma nella ventiquattresima giornata di Turkish Airlines Euroleague ed è sicuramente una partita molto interessante. La squadra spagnola è attualmente terza in classifica e con una vittoria potrebbe agganciare il Real Madrid e condividere quindi con gli acerrimi rivali il secondo posto in classifica con un record che direbbe 18 partite vinte e 6 partite perse. Dall’altra parte, l’Olimpia Milano è scivolata fuori dalla zona playoffs per la differenza canestri (visto che si deve ancora giocare la gara di ritorno con il Valencia) ed è nona in classifica ma con lo stesso record del Fenerbahce, settimo in classifica, e del Valencia, ottavo. Andiamo a vedere come arrivano le due squadre a questa sfida.

Barcellona-Olimpia Milano: qui Barcellona

Il Barcellona arriva alla sfida contro l’Olimpia Milano in fiducia dopo un breve periodo di calo, essendo in striscia positiva da quattro partite positive in Eurolega. La squadra catalana ha ritrovato dopo un lungo infortunio il suo playmaker titolare, il francese Thomas Heurtel, un giocatore importantissimo a livello europeo e che si prenderà sicuramente in mano la squadra con la sua abilità in cabina di regia. Sfida nella sfida sarà infatti proprio Thomas Heurtel contro Sergio Rodriguez, due dei migliori assist-man della storia della competizione (quinto il francese, quarto lo spagnolo). Sarà imperativo per la squadra blaugrana attaccare molto Sergio Rodriguez e Luis Scola, due giocatori che soffrono molto nella metà campo difensiva, così come anche Vladimir Micov.

Nella metà campo difensiva invece la squadra di coach Svetislav Pesic dovrà essere brava a mettere tanta pressione sulla palla, specialmente sul perimetro, zona del campo in cui i giocatori milanesi si trovano a loro agio. Infatti costringere gli esterni milanesi a mettere la palla per terra per una penetrazione contro i lunghi avversari potrebbe essere una tattica vincente, visto che l’Olimpia non tira bene da 2 punti, anzi è ultima con il 48.2% da dentro l’arco.

Infine il Barcellona potrebbe dar molto la palla in post a Nikola Mirotic ed attaccare il pitturato con i propri esterni per delle penetrazioni al ferro, oltre che per sfruttare l’atletismo di Brandon Davies, il quale nella gara d’andata fu l’unico a salvarsi per i catalani, mettendo a referto 15 punti.

Qui Olimpia Milano

L’Olimpia Milano non sta vivendo un momento facile della propria stagione, visto che ha perso 4 delle ultime 5 partite di Eurolega ed i giocatori di coach Ettore Messina sembrano essere abbastanza stanchi. La buona notizia in casa milanese per questa partita è il ritorno di Jeff Brooks, il quale aveva saltato le ultime cinque partite per un infortunio. Ancora out invece Andrea Cinciarini, Riccardo Moraschini e Paul Biligha.

L’Olimpia non vince in trasferta dal mese di ottobre, infatti viene da 8 sconfitte consecutive lontano dalle mura amiche e di certo Barcellona-Olimpia Milano non sarà una partita facile da affrontare, visto che si tratta di giocare in casa di una delle principali favorite alla vittoria finale della competizione. Servirà una partita coraggiosa e solida per i ragazzi in maglia biancorossa, oltre ad una certa continuità nell’arco della partita.

Una delle chiavi della partita saranno le palle perse: il Barcellona è la squadra che forza più palle perse agli avversari (14.6 a partita) ed usa le palle rubate per correre in contropiede e trovare triple in transizione o due punti facili. Se l’Olimpia riuscirà a limitare le palle perse, potrà sperare di portare a casa questa vittoria.

Inoltre sarà importante la percentuale al tiro della squadra meneghina, visto che per vincere in casa del Barcellona è necessario anche tirare con una buona percentuale. Se i tiratori (tantissimi) milanesi riusciranno a colpire con frequenza da dietro l’arco, sarà sicuramente possibile l’impresa per la squadra di coach Messina.

Infine quanto detto per il Barcellona vale anche per l’Olimpia: gli esterni milanesi dovranno mettere pressione ai tiratori dei catalani, visto che anche il Barcellona tira molto bene dal perimetro (38.9%).

Per gli up&down della scorsa settimana di Euroleague clicca qui.

Kevin Martorano

Caporedattore della sezione di Lega Basket Serie A targata NBAPassion.com ed Eurolega. Aspirante giornalista di 21 anni

Condividi
Pubblicato da
Kevin Martorano

Post recenti

Marbury promette 10 milioni di mascherine a NY per combattere il covid-19

Arriva una bella notizia dalla lotta contro il Coronavirus e questa volta il protagonista è…

11 ore fa

Da Teodosic a Daye, i migliori attaccanti della Lega Basket Serie A

Con la stagione attuale che va verso lo stop definitivo -con relativa non assegnazione dello…

16 ore fa

Coronavirus, Christian Wood irritato per la fuga di notizie, Casey lo difende: “Non deve più accadere”

La rapida diffusione del Sars-CoV-2 ha generato una serie di problematiche a livello globale, coinvolgendo…

17 ore fa

Lega Basket Serie A pagelle: top e flop della Regular Season

In questo momento di grande incertezza nel mondo della palla a spicchi e non solo,…

18 ore fa

Bill Wennington ricorda i 55 punti di Michael Jordan ai Knicks, 25 anni dopo

Solo alla quinta partita giocata dopo il suo ritiro durato 17 mesi, Michael Jordan rifilò…

18 ore fa

La NBA ai tempi del Covid

Abbiamo appena scoperto l’esistenza della sezione Classic Games nel League Pass appena attivato gratuitamente. Questo…

20 ore fa

Questo sito utilizza i cookies

Leggi