fbpx
Home Lega Basket A Cremona contro Milano: l’Olimpia in campionato non vince più

Cremona contro Milano: l’Olimpia in campionato non vince più

di Kevin Martorano

Cremona contro Milano, come anticipato nella nostra preview, è stata una partita molto intensa. La Vanoli Cremona è riuscita a tenere alto il ritmo in tre dei quarti di gioco, ritmo che la squadra di coach Ettore Messina non è riuscita a sostenere dopo l’impegno della sfida di Euroleague contro il Panathinaikos. Andiamo a vedere cosa ha influenzato la partita per entrambe le squadre.

Cremona contro Milano: qui Cremona

Cremona contro Milano è stata anche la sfida tra Sacchetti contro Messina, C.T. ed ex C.T. della nazionale italiana. La Vanoli Cremona possiamo dire che ha giocato una partita a ritmi impressionanti, sia offensivamente che difensivamente. Wesley Saunders si è dimostrato sempre più leader della squadra cremonese, sfornando una super partita e guidando la squadra nell’ultimo quarto di gioco, specialmente nel momento in cui la squadra di casa ha piazzato il parziale decisivo di 12-0. Una delle cose che ha più sorpreso della squadra di coach Meo Sacchetti è stata la difesa: infatti prima di questa partita, la squadra cremonese aveva concesso 89.6 punti di media, mentre oggi ha costretto l’attacco milanese a forzare molte situazioni ed a non trovare con facilità la via del canestro, chiudendo la partita a quota 78 punti. Difesa che peraltro ha limitato tantissimo l’impatto che un giocatore straordinario come Sergio Rodriguez potesse avere: per lo spagnolo infatti le sue statistiche finali sono state 12 punti (5 dei quali sono arrivati praticamente a partita ormai compromessa), 5 assist e 4 rimbalzi, ma tirando con 1/5 da dietro l’arco e con 2 palle perse. Inoltre, a fare la differenza a favore della Vanoli Cremona sono state le tante triple che i giocatori di casa hanno mandato a referto: sono infatti 11 le triple a referto per la squadra cremonese, con percentuale del 35% ma influenzate soprattutto da Travis Diener (1/6) e Jordan Mathews (1/5). Infine, i rimbalzi offensivi di Cremona sono stati fondamentali, dato che sono arrivati ben 12 extra possessi che hanno permesso alla squadra di coach Sacchetti di tirare ben 15 volte in più dell’Olimpia Milano (complice anche il dato delle palle perse).

Qui Milano

Cremona contro Milano ha testimoniato per l’ennesima volta quante energie porta via la Turkish Airlines Euroleague: infatti, dopo un primo quarto vinto per 16-24, la squadra milanese non è più riuscita a controllare il ritmo della partita e la squadra cremonese è riuscita a giocare la propria pallacanestro. L’Olimpia Milano ha inoltre tirato con un orrendo 5/22 da dietro l’arco, che significa 23%; nel basket di oggi il tiro da 3 punti è sempre più fondamentale, di conseguenza se una squadra tira con il 23% da 3 difficilmente riuscirà a vincere una partita. La difesa milanese inoltre non è riuscita a contenere le iniziative offensive avversarie, concedendo a ben 5 giocatori cremonesi di andare in doppia cifra per punti realizzati. La squadra di Ettore Messina ha avuto poi difficoltà nel far circolare la palla in attacco, salvo alcuni sprazzi di gara in cui addirittura i giocatori milanesi se la sono passata troppo la palla, rinunciando a tiri comodi: infatti gli assist milanesi sono stati solo 10, contro i 17 assist sfornati nelle fila cremonesi. Infine si confermano le tante difficoltà che la squadra milanese ha a rimbalzo difensivo: anche oggi, come detto prima, la squadra meneghina ha concesso 12 rimbalzi in attacco.  Le uniche note positive dell’Olimpia Milano sono state Vladimir Micov, autore di una prova sontuosa da 26 punti, Amedeo Della Valle (10 punti con 3/4 dal campo e 4/4 dalla lunetta), ed il positivo rientro in campo di Arturas Gudaitis, che in quasi 11 minuti di impiego ha messo su 5 punti e 4 rimbalzi, con anche alcuni positivi aiuti difensivi. Si tratta della terza sconfitta in cinque partite in campionato per la squadra milanese, che rappresentano un piccolo campanello d’allarme per la squadra di Ettore Messina.

Vanoli Cremona: W. Saunders 19, J. Mathews 15, G. Zanotti n.e, G. Sanguinetti n.e, G. Gazzotti, T. Diener 3, J. Sobin 10, N. De Vico 13, M. Tiby 2, V. Stojanovic 7, T. Palmi 11, N. Akele 2. Coach: Romeo Sacchetti

Olimpia Milano: A. Della Valle 10, F. Gravaghi n.e, V. Micov 26, P. Biligha, A. Gudaitis 5, R. Moraschini 4, M. Roll 7, S. Rodriguez 12, K. Tarczewski 6, A. Cinciarini, C. Burns 5, A. White 3. Coach: Ettore Messina

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi