fbpx
Home Lega Basket AFortitudo Bologna Fortitudo Bologna-Virtus Bologna: il derby va alle Vu nere

Fortitudo Bologna-Virtus Bologna: il derby va alle Vu nere

di Gabriele Ramponi

Il derby numero 109  Fortitudo Bologna-Virtus Bologna, se lo aggiudicano i ragazzi di coach Sasha Djordjevic con il risultato di 71 a 91. La Effe regge 3 quarti, chiudendo il terzo periodo sotto solamente di 9 lunghezze, ma all’inizio del quarto e ultimo periodo di gara, dove di solito i protagonisti sul parquet provano a dare quel qualcosa in più per portare a casa il risultato, la squadra di coach Meo Sacchetti tira i remi in barca e prende un parziale di 13 a 2 all’inizio del quarto e mette la parola fine a questo derby. 

Fortitudo Bologna-Virtus Bologna: l’analisi del match 

La formazione di casa si presenta senza Matteo Fantinelli e Pietro Aradori, mentre a sorpresa viene inserito a referto il rientrante Ethan Happ, il quale torna sul parquet dopo un mese dall’infortunio al gomito. Dopo un avvio che aveva fatto ben sperare, concentrato su recuperi difensivi e contropiede, la Fortitudo aveva dato la sensazione di potersela giocare fino alla fine ma sul più bello è arrivato il tracollo. 

Un punto sopra cui bisogna sicuramente lavorare riguarda le palle perse, anche in questa occasione sono 15 i possessi consegnati nelle mani degli avversari, alcuni dei quali sono arrivati all’inizio dell’ultimo periodo e hanno contribuito ad aiutare la Virtus a piazzare il break decisivo. 

Va assolutamente da segnalare la gara incolore di Adrian Banks, l’ex capocannoniere del campionato dello scorso anno che è stato acquistato in estate per decidere partite come queste non è riuscito a dare un apporto significativo alla squadra, inoltre il confronto con Milos Teodosic, su cui si era tanto fantasticato da quando è arrivato sotto le due torri, è stato ampiamente vinto dall’asso serbo. 

Sono comunque arrivate risposte positive per coach Romeo Sacchetti, una su tutte è stata il reintegro in squadra di un giocatore fondamentale come Ethan Happ, che ha chiuso la sua gara con 17 punti, 7 rimbalzi e 2 stoppate.

Per quanto riguarda la Virtus, probabilmente non si aspettava una Fortitudo così agguerrita e, a causa anche dell’impegno di venerdì sera in Eurocup, non è riuscita subito a tentare l’allungo.  Fatto sta che quando coach Djordjevic ha ristretto le maglie difensive all’inizio del quarto periodo di gioco, la Effe è andata in blackout e la Virtus ha allungato fino al +18. 

Assolutamente impossibile non citare la buonissima prova di Alessandro Pajola, il giovane classe ’99 è senza dubbio l’MVP di questo derby, concludendo la sua performance con 14 punti, tirando con il 100% (3/3) da due punti, 50% (2/4) da oltre l’arco e smazzando 2 assist per i compagni. 

Da segnalare anche la gara di Milos Teodosic, il playmaker serbo ha concluso la sua partita con soli 7 punti, ma ha distribuito 14 assist per i compagni, alcuni dei quali di pregevole fattura come solo lui sa fare. 

L’unico neo nella gara delle Vu nere sono i 18 palloni persi, che segnalano un po’ la ricerca ossessiva dell’azione spettacolare con lanci a una mano a tutto campo oppure no-look, che solo Teodosic ha licenza di fare.  

Parziali singoli quarti:

22-25; 19-22; 17-20; 13-24.

Parziali progressivi: 

22-25; 41-47; 58-67; 71-91. 

Tabellino

Lavoropiù Fortitudo Bologna: 

A.Banks 9; S.Mancinelli 2; W.Saunders 20; T.Fletcher 13; E.Happ 17; T.Withers 10; M.Palumbo; M.Cusin; L.Totè; G.Sabatini; M.Fantinelli ne; N.Dellosto ne. Coach Romeo Sacchetti. 

Segafredo Virtus Bologna:

A.Tessitori 2; A.Pajola 14; A.Alibegovic 10; S.Markovic 5; G.Ricci 9; J.Adams 13; V.Hunter 10; K.Weems 10; M.Teodosic 7; J.Gamble 11; L.Deri; M.Barbieri. Coach Aleksandar Djordjevic. 

 Per leggere l’analisi di Olimpia Milano-Reyer Venezia clicca qui.

 

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi