fbpx
Home Lega Basket AAcqua S.Bernardo Cantù LBA Supercoppa 2020, day 4: Milano e Brescia ok, vincono le bolognesi

Dopo il giorno di riposo di ieri, si riparte in questo tour de force della Supercoppa 2020 con ben quattro match nella giornata di oggi, in campo tutto il girone A e il girone B. L’Olimpia Milano e la Virtus Bologna sono chiamate a ripetersi per compiere un ulteriore passo in avanti verso la qualificazione alle final four. Reggio Emilia e Brescia devono cercare di stare con il fiato sul collo della capolista dei rispettivi gironi e sperare in un loro passo falso, mentre la Fortitudo Bologna non può più sbagliare se vuole dare un senso al derby previsto per venerdì sera. Andiamo a vedere cosa è successo in questa giornata, con un breve riassunto  delle partite andate in scena e chi sono stati i top scorer di giornata.

Supercoppa 2020: i recap delle partite giocate nel day 4

ore 19:00: Acqua San Bernardo Cantù – Olimpia Milano

L’Olimpia Milano continua a regalare un basket meraviglioso agli occhi degli appassionati di pallacanestro. Infatti dopo due partite in cui ha dominato, ha vinto per la seconda volta contro la San Bernardo Cantù con il punteggio di 102 a 62.

Come successo nelle ultime partite, la squadra meneghina ha tirato con percentuali importanti da dietro l’arco, finendo la gara con il 61%( 14/23). Top scorer dell’Olimpia Milano è stato nuovamente Kevin Punter, che si conferma dunque come un ottimo realizzatore. Ottima la difesa della squadra di coach Ettore Messina, che concede veramente pochissimo nel pitturato e che è sempre aggressiva nei confronti dei propri avversari.

Per quanto riguarda la San Bernardo Cantù, c’è da segnalare un primo quarto in cui in qualche modo è riuscita a rimanere in partita, salvo poi crollare di fronte ad una squadra notevolmente più forte e in condizione di lei. In casa canturina buona la prestazione di Johnson e Leunen, cosa che non si può dire però di Donte Thomas, il quale non sembra essere ancora entrato nei meccanismi della squadra lombarda.

Parziali singoli quarti: 18-24; 13-30; 15-27; 16-21.
Parziali progressivi: 18-24; 31-54; 46-81; 62-102.
Acqua San Bernardo Cantù:

J.Johnson 16, M.Leunen 10, S.Kennedy 8 (9 rimbalzi), J.Smith 7, D.Thomas 6, J. Woodard 5, A. Pecchia 4, A.La Torre 3, J.Bayehe 2, G.Procida 1, S.Caglio n.e, T.Lanzi n.e  Coach  Cesare Pancotto

Olimpia Milano:

K.Punter 17, Z.Leday 16, K.Tarczewski 14 (7 rimbalzi), D.Moretti 12, V.Micov 11, S.Shields 10, J.Brooks 9, A.Cinciarini 6, S.Rodriguez 5, P.Biligha 2, L.Datome, F.Gravaghi n.e  Coach Ettore Messina

  • Ore 19:30: Germani Brescia – Openjobmetis Varese

Seconda partita del day 4 di Supercoppa 2020, che ha visto in programma il secondo derby lombardo di giornata, tra Brescia e Varese. Due squadre molto calde fin dalla partenza del match, con Varese che scappa via con un parziale di 11-0 all’alba del primo quarto. Scola e compagni mantengono il timone della sfida fino a metà quarto, quando Brescia mette la testa avanti per la prima volta nella gara e arriva a giocarsi la partita in volata. L’ultimo tiro del match che finisce nelle mani di Burns, che con il solo secondo tiro dall’arco della sua partita, regala il successo a Brescia per 89 – 88.

Buone notizie per Varese arrivano dal solito eterno Luis Scola, che fa vedere ottimi lampi soprattutto nelle prime due frazioni e chiude la sua partita con 18 punti, 4 rimbalzi e 3 assist. Nei biancorossi da sottolineare inoltre l’ottima prova del lettone Strautins, che mette a referto 17 punti e 6 rimbalzi, tirando 3/6 da tre punti e 3/5 con i piedi dentro l’arco. In doppia cifra anche Denzel Andersson con 16 punti e un ottimo 4/6 dalla lunga distanza e con ancora ampi margini di miglioramento in fase difensiva. Complessivamente buona la gestione di Varese fino a metà ultimo quarto, in cui si è vista qualche palla persa di troppo e qualche scelta sbagliata nelle conclusioni.

Coach Vincenzo Esposito è sembrato nervoso per buona parte della partita in cui i suoi ragazzi non hanno risposto correttamente ai suoi dettami. Brescia è sembrata frustrata dalla doppia cifra costante di svantaggio nelle prime due frazioni, mentre nella seconda parte di gara ha cominciato a prendere fiducia e ha chiuso più che positivamente la contesa. Mattatore della Leonessa Andrew Crawford con 16 punti e 3 assist, accompagnato da un Brian Sacchetti da 15 punti e 4 rimbalzi. menzione d’onore per Christian Burns, sempre solido sotto canestro e con una grande energia agonistica. L’ ex Milano termina la sua gara con 13 punti, tra cui la tripla che decide la sfida, e 7 rimbalzi. Alti e bassi per Kenny Chery, che chiude comunque in doppia cifra, e aggiunge al suo bottino personale 6 assist per i compagni.

Parziali singoli quarti: 22-31; 25-20; 19_22; 23-15.
Parziali progressivi: 22-31; 47-51; 66-73; 89-88.
Germani Brescia:

L.Vitali 6, S.Parrillo 3, K.Chery 10, G.Bortolani 5, D.Crawford 16, C.Burns 13, T.Kalinovski 8, D.Moss 8, B.Sacchetti 15, A.Ancellotti 5 Coach Vincenzo Esposito

Openjobmetis Varese:

A.Morse 15, L.Scola 18, G.De Nicolao 2, I.Jakovics 7, M.Ruzzier, D.Andersson 16, A.Strautins 17, N.De Vico 3, G.Ferrero 1, T.Douglas 9, N.Virginio n.e, M.Librizzi n.e  Coach Attilio Caja

  • Ore 20:30: Fortitudo Bologna – Vanoli Cremona

Arriva la prima vittoria per la Fortitudo Bologna in questa Supercoppa 2020, che dopo la sconfitta di sabato sera contro l’Unahotels Reggio Emilia, batte la Vanoli Cremona con il risultato di 96 a 77.

Fin dall’inizio si era parlato di una Fortitudo con tanti leader capaci di alternarsi alla guida della squadra. Per esempio Pietro Aradori, che era rimasto un po’ nell’ombra nella gara di sabato, oggi ha tirato fuori una prestazione da 24 punti e 5 rimbalzi. Segnali positivi si sono visti dai due americani comprati in estate, Fletcher e Withers, che dopo una prova molto incolore e le successive sollecitazioni da parte di coach Sacchetti, hanno tirato fuori il coraggio tanto richiesto dal proprio allenatore e hanno fornito rispettivamente una gara da 13 punti per il primo e 18 punti, con 9 rimbalzi, per il secondo. Da segnalare infine una gara un po’ sottotono di Ethan Happ, che nonostante 8 punti e 8 rimbalzi, è sembrato un po’ meno lucido del solito.

La Vanoli Cremona viene da una gara giocata a testa altissima contro la Virtus Bologna, che nonostante i 21 punti di scarto finali, ha fatto sudare per più di due quarti. Anche oggi la Vanoli ha tenuto testa ad una squadra più strutturata e ha lanciato in campo i propri giovani, bisogna ricordare che gli mancano quasi tutti gli stranieri. Buonissima prestazione di Williams, che mette a referto 20 punti e 6 rimbalzi, e fa faticare molto Happ in difesa. A fargli eco anche la prova di Andrea Donda, che chiude con una doppia doppia da 13 punti e 11 rimbalzi, e se Cremona arriva a giocarsela fino all’ultimo periodo, gran parte del merito è suo. Buona prova anche del duo MianPoeta, che garantiscono il giusto mix di gioventù ed esperienza in campo. Una delle chiavi di lettura per questa sconfitta potrebbe arrivare dalla percentuale da oltre l’arco, un misero 22% (7/31) non è accettabile e sicuramente coach Galbiati dovrà lavorare molto su questo aspetto.

Parziali singoli quarti: 25-23; 25-22; 23-22; 23-10.
Parziali progressivi: 25-23; 50-45; 73-67; 96-77.
Fortitudo Bologna:

P.Aradori 25, T.Withers 18 (9 rimbalzi), A.Banks 14, T.Fletcher 13, E.Happ 8, M.Fantinelli 6 (10 rimbalzi), N.Dellosto 4, M.Palumbo 4, S.Mancinelli 3, L.Totè 2  Coach Romeo Sacchetti

Vanoli Cremona:

R.Williams 20, A.Donda 13 (11 rimbalzi), D.Cournooh 12, T.Palmi 9, F.Mian 8, G.Poeta 7, F.Marchetti 3, L.Trunic 3, F.Gallo 2, A.Feraboli      Coach Paolo Galbiati

  • Ore 20:45: Virtus Segafredo Bologna-Unahotels Reggio Emilia

Si conclude la serata con il match tra Virtus Segafredo Bologna e Unahotels Reggio Emilia, che vede uscire vincitori i padroni di casa con il risultato di 79 a 75 dopo un overtime. Un punteggio basso complici le molte assenze da entrambe le parti, Teodosic per la squadra di casa e tre americani per Reggio Emilia. Vittoria importante e sofferta che però, almeno per ora, conferisce alla Virtus il primo posto nel girone B.  Nonostante la scarsa percentuale al tiro da oltre l’arco (4/21), la compagine bolognese ha dominato a rimbalzo, controllando ben 34 rimbalzi difensivi e 13 offensivi, contro i 29 difensivi e 4 offensivi di Reggio Emilia. Molto importante è stato il contributo che ha dato la linea della carità, sono infatti 21 i punti ottenuti dalle Vu Nere sui 28 disponibili. Fondamentale anche il confronto tra le panchine, 36 punti per la squadra di casa contro i 25 dell’Unahotels. Uno dei protagonisti della gara è stato Julian Gamble, che con i suoi 18 punti è riuscito a tenere a galla la Virtus anche nei momenti più delicati del match. In doppia cifra anche Kyle Weems, con 12 punti, e Awudu Abass, che mette a referto una doppia doppia da 10 punti e 10 rimbalzi. Per la squadra di coach Martino, un’ottima prova da parte di Tomas Kyzlink (24 punti), Candi (17 punti), Baldi Rossi (13) e Brandon Taylor (11).

Adesso la testa è già alla prossima partita, Reggio Emilia affronterà Cremona, mentre la Virtus se la dovrà vedere con la Fortitudo. Sicuramente un match molto importante dal punto di vista emotivo, ma che sarà limitato a causa del ridotto numero di ingressi consentiti nella struttura.

Parziali singoli quarti: 11-15; 23-7; 15-29; 19-17; OT 11-7
Parziali progressivi: 11-15; 34-22; 49-51; 68-68; OT 79-75
Virtus Segafredo Bologna:

A.Tessitori 6, L.Deri, A.Abass 10, A.Pajola 9, A.Alibegovic, S.Markovic 4, G.Ricci 7, J.Adams 2, V.Hunter 11, K.Weems 12, S.Nikolic, J.Gamble 18  Coach Aleksandar Djordjevic

Unahotels Reggio Emilia:

L.Candi 17, F.Baldi Rossi 13, B.Taylor 11, M.Giannini, I.Cham 1, A.Besozzi, F.Bonacini 1, M.Diouf 2, J.Blums 6, T.Kyzlink 24  Coach Antimo Martino

 

 

 

 

Per recuperare il riassunto del Supercoppa 2002 day 3 clicca qui.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi