fbpx
Home Lega Basket AAcqua S.Bernardo Cantù Grissin Bon Reggio Emilia-Acqua San Bernardo Cantù: recap della sfida

Grissin Bon Reggio Emilia-Acqua San Bernardo Cantù: recap della sfida

di Filippo Mellara

Per la terza giornata di ritorno è andata scena la sfida tra Reggio Emilia e Cantù, che ha visto vincente la squadra di casa, la quale ha dimostrato grande intensità e voglia di vincere per tutto il match.

I punti chiave del match

Primo Tempo

Comincia male la sfida per i padroni di casa, che entrano in campo senza concentrazione e subiscono un parziale di 10 a 0, un avvio confuso nella metà campo offensiva e molto distratto in quello difensiva. Buscaglia è costretto a interrompere il gioco a soli 2:30 dall’inizio. Pecchia al rientro dal time out sblocca subito  la situazione con una bomba tutta conquistata e dà il via alla gara dei padroni di casa che mettono in campo una gran intensità combattendo su ogni pallone, lottando nello sporco, nonostante uno sfortunato inizio nella metà campo offensiva. Contro parziale di 10 a 0 in favore della Grissin Bon che dimostra grande testa e grande cuore nel non mollare neanche un centimetro . Dall’altra parte tanti, troppi errori per i Canturini, per distrazioni e incomprensione,  rimangono aggrappati alla partita trascinati da un grande Clark, sempre più protagonista per la squadra della Brianza. Nel secondo quarto comincia la fuga della reggiana, che dimostra un’ottima gestione di gioco in attacco, creando situazione di vantaggio e soprattutto riuscendo a conquistare 1,2 anche 3 attacchi in una sola azione, dominando i rimbalzi sotto canestro. Problema importante di falli per gli ospiti, costretti a gestire il bonus quando mancano ancora 5:30 all’intervallo lungo. I padroni di casa mostrano maggior voglia sul parquet, un gioco di squadra dove tutti trovano il proprio spazio da ambe due i lati del campo, nonostante alcuni errori al tiro, e alcuni liberi di troppo sbagliati dimostrano di essere una squadra sicura di cosa deve fare. Fontecchio e Mekel caldissimi dall’arco, Upshaw conduce un gran lavoro di intensità  sia in attacco che in difesa. Troppi i canestri facili regalati alla Grissin Bon che chiude con il vento in poppa. La chiave del successo di reggio in questo primo tempo è sicuramente l’intensità, che è stata premiata con un 4 su 5 da tre, a cancellare 1 su 6 del primo quarto. Parlano i tabellini: 18 i punti della reggiana nel primo quarto e 28 nel secondo.

Secondo Tempo

Dura pochi minuti Cantù nel secondo quarto: un Burnell più dannoso che altro, molto intraprendente in quel lungo periodo di difficoltà, ma per niente lucido nelle sue conclusioni. Clark è l’unico che ci prova e lo fa con tanto cuore, ma sale anche per lui il nervosismo, arrivando faccia a faccia col giovane Candi e firmando uno 0 su 3 ai liberi dopo aver subito un fallo dal tiro dall’arco.  Johnson Odon guida la fuga del terzo quarto per la sua reggiana, ma non lo fa di certo da solo, ottima prestazione per fino ad ora per tutta la squadra. Il tiro da 3 segna la differenza per i padroni.  Da una parte troppi errori, quanti lay up, quanti liberi e conclusioni facili sbagliate da Cantù. Dall’altra una reggiana più attenta,solida  e concentrata. L’intensità messa in campo dalle due squadre è evidente già del numero di rimbalzi conquistati: 45 per reggio mentre solo 30 per Cantù. Reggio vince giocando di squadra, trovando in ogni frazione di gioco un protagonista diverso, tutti molto presenti e carichi dal tifo del PalaBigi.  Si conclude alla fine 85-73 per i padroni di casa.

Difficile individuare un MVP in questa partita, sicuramente si son distinti Johnson Odon e Merkel, ma è stata una vittoria totalmente di squadra.

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi