fbpx
Home Mondiali Basket 2019 Mondiali FIBA 2019 seconda fase: la Polonia continua a stupire

Mondiali FIBA 2019 seconda fase: la Polonia continua a stupire

di Michele Gibin

Mondiali FIBA 2019, i gironi I e J iniziano la seconda fase del torneo, Serbia, Spagna Polonia ed Argentina cerano la vittoria per ipotecare il passaggio ai quarti di finale con una gara di anticipo.

L’Italia cerca di mantenere vivo il sogno quarti di finale contro la Spagna di Marc Gasol e Ricky Rubio, impresa impossibile per Portorico contro la Serbia. Derby sudamericano tra Argentina e Venezuela e la Polonia, prima a sorpresa nel girone A nella prima fase, sfida la Russia.

Mondiali FIBA 2019, seconda fase: la Polonia continua a stupire

Polonia Russia 79-74: la squadra di coach Mike Taylor continua a stupire, batte la Russia in volata e si qualifica ai quarti di finale dei Mondiali. Alzi la mano chi l’avrebbe pronosticato ad inizio torneo.

In una partita tesa fin dal primo secondo, Adam Waczynski è il migliore per la Polonia con 18 punti e 9 su 10 ai liberi. Proprio nelle percentuali dalla linea della carità sta buona parte della differenza tra le due squadre: la Polonia si procura una valanga di tiri liberi e li realizza con grande continuità (35 su 38). Scarsa vena in attacco per A.J. Slaughter e Mateusz Ponitka (14 punti e 9 rimbalzi), ma la solidità di Damian Kulig si rivela preziosa per i polacchi.

Polonia brava a reagire subito ad un parziale della Russia a fine terzo quarto: Mikahil Kulagin segna da tre e lontano dalla palla un fischio arbitrale permette il gioco da quattro punti ed il +8 alla Russia (55-47), ma nemmeno il tempo di realizzare lo svantaggio che la Polonia rimonta e pareggia con una tripla di Lukasz Koszarek (58 pari). Polonia avanti di 4 punti (72-68) a due minuti dalla fine e che non si volta più indietro. Per la Russia bene Kulagin (21 punti) ed un Vorontsevich da doppia doppia (11 punti e 10 rimbalzi) male invece il fin qui positivo Andrey Zubkov.

Serbia Portorico 90-47: la Serbia deve ancora trovare una squadra in grado di impensierirla, ma questa non poteva essere Portorico. Pronti via e serbi avanti già 23-14, vantaggio che raddoppia a fine primo tempo (49-26) e partita in ghiaccio. Partita per una volta brutta di Bogdan Bogdanovic che non fa mai canestro (1 su 8 al tiro per 5 punti), Nikola Jokic chiude con una doppia doppia da 14 e 10 rimbalzi ed il top scorer è Nemanja Bieljica (18 punti in appena 17 minuti). La Serbia tira da due punti con il 75%, Boban Marjanovic campeggia sopra la testa dei suoi avversari e chiude con 16 punti e 7 su 8 al tiro.

Per Portorico, prossimo avversario degli azzurri, solo David Huertas in doppia cifra (11 punti).

Argentina Venezuela 87-67: tutto facile per l’albiceleste che batte nettamente il Venezuela, Argentina che comanda la gara sin dai primi possessi ed allarga il proprio vantaggio sino al +23 (82-59 di metà quarto quarto. Campazzo e Scola come sempre i punti di riferimento della squadra, ma l’MVP di giornata spetta a Gabriel Deck, ala del real Madrid che chiude con 25 punti in 30 minuti di gioco, con 9 su 12 al tiro.

Facundo Campazzo sfiora la doppia doppia con 12 punti e 9 assist, dall’altra parte serata improduttiva per Heissler Gullient (10 punti ma 4 su 13 al tiro). 25 assist di squadra per l’Argentina.

Spagna Italia 67-60: partita da vincere per gli azzurri ma ultimo quarto da soli 12 punti che significa addio quarti di finale per l’Italia. Qui il recap completo di Italia-Spagna.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi