fbpx
Home NBAEvidenza Coronavirus: stagione NBA ufficialmente sospesa, chiude anche la G-League

Coronavirus: stagione NBA ufficialmente sospesa, chiude anche la G-League

di Michele Gibin

Dopo il caso della positività di Rudy Gobert degli Utah Jazz al coronavirus covid-19, la NBA ha sospeso con effetto immediato la stagione 2019/20, sospensione a tempo indeterminato, che darà alla NBA il tempo di studiare e valutare le prossime mosse e considerare la possibilità di riprendere l’annata.

La notizia della positività di Gobert è arrivata nella serata di mercoledì, a pochi minuti dall’inizio della partita tra Oklahoma City Thunder e Utah Jazz. Dopo aver ricevuto la notifica dallo staff medico dei Thunder, gli arbitri hanno rispedito le squadre negli spogliatoi, e sospeso la gara. I presenti alla Chesapeake Energy Arena sono stati invitati a lasciare ordinatamente l’impianto, ed i giocatori si trovano tuttora in quarantena in un hotel di Oklahoma City, in attesa di disposizioni. I sanitari giunti alla Chesapeake Arena hanno effettuati i tamponi a tutti i giocatori, che sono stati poi inviati ad indossare le mascherine protettive, e solo dopo l’esito dei test i giocatori dei Jazz potranno fare ritorno a Salt Lake City.

Con effetto immediato è stata sospesa anche la G-League, la lega di sviluppo in cui militano le squadre affiliate alle franchigie NBA, e che vede praticamente ogni giorno dei trasferimenti di giocatori dalla lega maggiore alla lega di sviluppo. L’ultima partita della stagione NBA 2019\20 ad essere stata disputata, in ordine cronologico, potrebbe dunque essere stata Denver Nuggets-Dallas Mavericks, terminata 113-97 per Luka Doncic e compagni, e che passerà alla storia per la reazione esterrefatta, catturata in diretta, di Mark Cuban alla notizia della sospensione delle gare. “Non sembra quasi vero, pazzesco, ora quello che avevamo visto succedere negli altri paesi è anche qui, ed è diventato un cosa personale. Io mi fido di Adam Silver, ci affidiamo a lui. E penseremo ad un piano ad hoc per i nostri collaboratori che resteranno senza lavoro, per un po’“.

La NBA si prenderà ora alcune ore di riflessione, per valutare il da farsi e filtrare le tante segnalazioni e richieste delle squadre. Quali sono gli scenari futuri? Cosa accadrà ora?

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi