Free agency NBA 2019: quali saranno le guardie migliori? | Nba Passion
120839
post-template-default,single,single-post,postid-120839,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Free agency NBA 2019: quali saranno le guardie migliori?

Free agency NBA 2019

Free agency NBA 2019: quali saranno le guardie migliori?

Free agency NBA 2019: è ancora solo un idea, ma già in queste settimane si ipotizzano per la prossima estate diversi scenari e tanti nomi di giocatori.

Tra questi ultimi, in particolare, uno dei ruoli principali che avrà al suo seguito numerosi free agent sarà quello delle guardie. Più nello specifico, tra i vari cestisti che avranno il contratto in scadenza nel 2019 vi sono:

  • Klay Thompson (Golden State Warriors)
  • J.J Redick (Philadelphia 76ers)
  • Tyreke Evans (Indiana Pacers)
  • Kentavious Caldwell-Pope (Los Angeles Lakers)
  • Austin Rivers (Washington Wizards)
  • Mario Hezonja (New York Knicks)
  • Danny Green (Toronto Raptors)
  • Terrence Ross (Orlando Magic)
  • Jeremy Lamb (Charlotte Hornets)

In questo gruppo di guardie, spiccano in maniera lampante 5 giocatori che, per qualità tecniche ed esperienza, potrebbero far comodo a molte squadre.

5. FREE AGENCY NBA 2019: L’ETERNO DANNY GREEN, APPRODATO A TORONTO (G/AP)

Danny Green, ora ai Raptors

  • ETA’: 31 annì
  • ANNI PRO: 9
  • MEDIE IN CARRIERA: 8,8 punti, 3,4 rimbalzi, 1,6 assist, 38,7 FG%, 39,5 3P%

Danny Green, dopo 8 anni passati tra le file degli Spurs (coronati dal titolo vinto nel 2014), si è accasato a Toronto, nell’ambito dell’affare Leonard. Nel corso degli anni, da semplice riserva si è trasformato in un uomo chiave nello scacchiere degli Spurs, alternando ad un mortifero tiro da 3 punti anche un ottima difesa.

Nella prossima stagione Green, nella sua terza maglia in carriera, dovrà sudare per ottenere il posto da guardia titolare, in un reparto guardie già ben assortito, composto in particolare tra gli altri da Miles, Wright, VanVleet e Powell.

Durante l’annata 2018-2019, il numero 14 dovrà dimostrare di poter essere ancora un giocatore competitivo, sopratutto lontano dall’idilliaco sistema di gioco ideato nell’Alamo da Popovich. Se riuscirà a confermare le aspettative riposte su di lui, una pedina del genere potrà risultare utile a moltissime squadre, Toronto compresa.

4.FREE AGENCY NBA 2019: IL FIGLIO DEL DOC, AUSTIN RIVERS, PERENNE PROMESSA IN ATTESA DI CONSACRAZIONE (PM/G)

Austin Rivers

Austin Rivers e suo padre, il coach dei Clippers Doc Rivers

  • ETA’: 26 ANNI
  • ANNI PRO: 6
  • MEDIE IN CARRIERA: 9,4 punti, 2,0 rimbalzi, 2,4 assist, 41,9 FG%, 35,5 3P%

Austin Rivers, da quando è entrato nel mondo NBA, ha prodotto un lento ma costante miglioramento delle sue prestazioni in campo. Nonostante ciò, comunque, non ha mantenuto del tutto le attese su di lui riposte, anche se le cifre della sua ultima stagione sono state molto interessanti:

  • 15,1 punti
  • 2,4 rimbalzi
  • 4 assist
  • 42,4 FG%
  • 37,8 3P%
  • 64,2 FT%

In questi 6 anni da Pro, il figlio del Doc si è stabilizzato come tra i più classici dei role player. Dalla panchina, infatti, può garantire una discreta media punti, conditi anche da una buona percentuale al tiro da 3 punti.

Dopo 3 stagioni e mezzo passate nella città degli Angeli, sponda Clippers, Rivers si è trasferito nella capitale americana. Questa scelta potrà giovare molto al prodotto del draft 2012, si esprimerà in un contesto meno pressante, quale è appunto il mondo Wizards, una delle migliori squadre nella Eastern Conference. Qui, l’ex Duke avrà il compito principale di far rifiatare il playmaker titolare John Wall.

La stagione 2018-2019, insomma, potrà rappresentare per Rivers una svolta: passare dall’essere un eterno incompiuto, oppure una solida certezza.

 

3. FREE AGENCY NBA 2019: J.J. REDICK, ARMA IN PIU’ DEI GIOVANI LEONI DI PHILADELPHIA (G/AP)

  • ETA’: 34 anni
  • ANNI PRO: 12
  • MEDIE IN CARRIERA: 12,4 punti. 2,0 rimbalzi, 2,0 assist, 44,9 FG%, 41,5 3P%, 89,0 FT%

J.J Redick, dopo 4 annate positive in maglia Clippers, ha scelto lo scorso anno di entrare nel Processo.La stagione 2017-2018 della guardia statunitense in maglia Philly è stata molto positiva, tanto da meritarsi il rinnovo:

  • 17 punti
  • 2,5 rimbalzi
  • 3 assist
  • 46 FG%
  • 42 3P%
  • 90,4 FT%

Nonostante questo, però, l’ex Clippers non è più un ragazzino. I suoi 34 anni di età, infatti, inducono a pensare che il suo livello di gioco è ormai all’apice, ed il suo contributo, di conseguenza, verrà sempre meno. Finchè Redick offrirà questo solido supporto, potrà rappresentare un validissimo aiuto per Embiid e compagnia, ma nella calda estate 2019, in cui avrà 35 anni, il suo contratto potrà essere ritenuto sacrificabile dal front office per arrivare ad uno dei prossimi free agent più ambiti.

 

2. FREE AGENCY NBA 2019: TYREKE EVANS, L’EX ROOKIE OF THE YEAR (PM/G)

Tyreke Evans-Lakers-Evans-Lakers

Tyreke Evans ancora al centro del mercato NBA

  • ETA’: 28 anni
  • ANNI PRO: 8
  • MEDIE IN CARRIERA: 16,5 punti, 4,8 rimbalzi, 5,1 assist, 44,5 FG%, 31,8 3P%

Difficile non trovare qualcuno, tra gli addetti ai lavori, che non sia rimasto deluso dall’andamento della carriera di Tyreke Evans. Il nativo di Chester, al suo ingresso nella Lega, aveva lasciato vivere numerose speranze, e il suo anno da rookie sembrava promettergli un futuro radioso. Tuttavia, tale inizio travolgente non è stato seguito da annate altrettanto positive, facendo perdere progressivamente di appeal l’ex Kings.

Dopo l’ultima annata in maglia Grizzlies, in cui il giocatore ha mostrato degli incoraggianti segnali di miglioramento, Evans è approdato ai Pacers. La franchigia, reduce dalla prima annata post-George, è stata tra le sorprese migliori della scorsa stagione, uscendo sconfitta al primo turno dei playoff dopo un’accesissima serie.

In questo contesto, Tyreke dovrà garantire un valido supporto alla stella emergente Victor Oladipo, fornendo in particolare aiuto offensivo, vero tallone d’achille dei Pacers 2017-2018. Alla soglia dei 30 anni, dunque, l’ex Rookie of the Year è chiamato alla prova definitiva: riuscirà a dimostrare di essere un giocatore determinante in un contesto competitivo?

1.FREE AGENCY NBA 2019: DULCIS IN FUNDO, LO SPLASH BROTHER PER ECCELLENZA, KLAY THOMPSON (G/AP)

 

  • ETA’: 28 ANNI
  • ANNI PRO: 7
  • MEDIE IN CARRIERA: 19,2 punti, 3,4 rimbalzi, 2,3 assist, 45,8 FG%, 42,2 3P%

Klay Thompson, sicuramente, sarà uno dei nomi più caldi della prossima estate. Uno degli artefici della dinastia degli Warriors è ormai considerato una stella nel panorama cestistico NBA, e sicuramente farebbe comodo a numerose squadre desiderose di fare un decisivo salto di qualità.

KT, negli ultimi anni, ha mostrato una notevole evoluzione del suo gioco. Da semplice buon tiratore, si è trasformato in un giocatore estremamente versatile, capace di combinare ad un attacco esplosivo una difesa davvero impeccabile. Quest’ultimo aspetto, in particolare, è stato messo in risalto nelle finali del 2017, quando con la sua marcatura arcigna ha creato tantissimi grattacapi all’ex fenomeno Cavs Kyrie Irving.

Nei giorni scorsi, il padre Mychal si era espresso favorevolmente sulla permanenza del figlio ad Oakland per il resto della sua carriera. Nonostante questo, comunque, le voci su un possibile addio della guardia nel 2019 non accennano a placarsi. In caso di vittoria del terzo titolo consecutivo, infatti, l’ex Washington State potrebbe anche decidere di cambiare aria, alla ricerca di una nuova sfida. In particolare, una delle franchigie maggiormente interessate a Klay sembrano essere i nuovi Lakers, forti di avere con sé il giocatore più influente al mondo.

L’annata 2018-2019 potrebbe rappresentare, in conclusione, una diramazione importante per Thompson, ma anche per gli stessi Warriors. Dall’esito di questa stagione, infatti, dipenderà il futuro di una delle franchigie più dominanti della storia NBA.

Tommaso Ranieri
tommi-ranieri@hotmail.it

Studente di Giurisprudenza, amante del basket, in modo particolare del campionato NBA, e dello sport in generale.

No Comments

Post A Comment