fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsHouston Rockets Gli Houston Rockets firmano anche Ben McLemore

Gli Houston Rockets firmano anche Ben McLemore

di Francesco Catalano

Ben McLemore ha firmato con gli Houston Rockets un contratto parzialmente garantito di due anni. A riportarlo è Shams Charania di The Atlantic.

Il ragazzo ventiseienne di St.Louis fu la settima scelta al primo giro del Draft 2013 dei Sacramento Kings. McLemore ha giocato in California fino al 2017 senza brillare particolarmente, poi è passato ai Memphis Grizzlies. In seguito è stato nuovamente scambiato ai Kings coi quali nella scorsa stagione ha disputato soltanto diciannove partite. Durante la sua carriera ha messo a referto 8.8 punti di media a partita, 2.6 rimbalzi di media a partita, il 41.7% dal campo e il 35.3% da tre punti.

Ben McLemore nel progetto Rockets

La dirigenza texana ha voluto dare fiducia al prodotto di Kansas che sarà una delle frecce nell’arco dei Rockets in uscita dalla panchina. La sua predilezione a giocare da shooting guard lo renderà presumibilmente uno dei sostituti di James Harden, nei momenti in cui il leader di Houston vorrà riposarsi.

Bobby Marks di ESPN ha fatto notare che quello di McLemore è il sesto contratto non garantito o parzialmente garantito stipulato dal GM dei Rockets Daryl Morey. Attualmente sono solamente nove i contratti garantiti in quel di Houston, la scelta è stata quella di creare un roster forte e completo senza però compromettersi troppo dando poche garanzie ad alcune nuove firme.

I Rockets accanto a James Harden, P.J. Tucker, Eric Gordon e Clint Capela hanno rifirmato Danuel House, Gerald Green e Austin Rivers; in più si sono accasati in Texas Ben McLemore per l’appunto, Tyson Chandler e Russell Westbrook.

L’intenzione ormai  chiara è  quella di puntare al titolo dopo le delusioni degli ultimi anni in cui la squadra è stata fermata dalla corazzata Warriors. La scelta, perciò, di firmare l’ex Kings rispetta la decisione di voler formare una panchina abbastanza lunga, che allo stesso sappia portare punti nei momenti in cui le stelle del gruppo si prenderanno una pausa. Cosa che nella stagione precedente non sempre è avvenuta.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi