Kevin Love: Al giusto prezzo può partire? | Nba Passion
128067
post-template-default,single,single-post,postid-128067,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Kevin Love: Al giusto prezzo può partire?

cavs-kevin-love-john beilein cavaliers

Kevin Love: Al giusto prezzo può partire?

Kevin Love, quest’estate, aveva firmato un rinnovo lungo e duraturo con la franchigia dell’Ohio. In particolare, l’accordo con i Cavs prevede un contratto di 4 anni a 120 milioni, segno della volontà evidente del front office di voler ripartire proprio dall’ex Wolves.

Tuttavia, le cose sembrano essere cambiate. La stagione sinora disastrosa di Cleveland, forse molto di più di quanto le aspettative iniziali prevedessero, potrebbe aver spinto a qualificare Love non più come inamovibile. Inoltre, l’infortunio di cui il numero 0 è vittima da diverso tempo, può spingere la franchigia di Gilbert a cercare la giusta trattativa per liberare la sua stella.

KEVIN LOVE: I RUMORS SUL SUO MERCATO

Love, alla sua quinta stagione a Cleveland: potrebbe essere l’ultima?

Stando a Marc Stein del NY Times, nel dettaglio, alcuni rumors di corridoio riferirebbero che diversi GM dei vari team rivali ai Cavs ritengono il lungo acquistabile al giusto prezzo. Love è un giocatore in grado di poter ancora fare la differenza, e sicuramente potrebbe far comodo a molte squadre che ambiscono a grandi traguardi. Il contesto deprimente in cui risiede attualmente potrebbe spingere il 30 enne a a chiedere la cessione, anche se questa eventualità non è affatto scontata.

Allo stato attuale, dopo 275 partite disputate nell’Ohio, il Beach Boy ha mantenuto medie piuttosto rispettabili. Le statistiche parlano di:

  • 17,2 punti
  • 10 rimbalzi
  • 2,1 assist
  • 37,5 3P%
  • 43,1 FG%

Con la realizzazione della sua cessione, dunque, Cleveland virerebbe decisamente verso il tanking, cercando così di ottenere la scelta più alta possibile al prossimo draft. In ogni caso, novità rilevanti e decisive su questa vicenda emergeranno verosimilmente alla fine di questo mese. A quel punto, infatti, il 5 volte All Star sarà quasi certamente tornato a pieno regime, e chissà se le sue prestazioni saranno sufficientemente convincenti da spingere qualche team blasonato a farsi avanti. D’altronde, le vie del mercato NBA sono infinite…..

Tommaso Ranieri
tommi-ranieri@hotmail.it

Studente di Giurisprudenza, amante del basket, in modo particolare del campionato NBA, e dello sport in generale.

No Comments

Post A Comment