fbpx
Home NBANBA TeamsCleveland Cavaliers Kevin Love: il contratto troppo lungo l’ostacolo maggiore per la trade

Kevin Love: il contratto troppo lungo l’ostacolo maggiore per la trade

di Federico Ferri

Si sta parlando sempre di più del giocatore dei Cavs e delle sue possibili destinazioni future ma uno dei problemi per le altre squadre è il contratto di Kevin Love. Secondo Shams Charania del The Athletic, si vorrebbe cercare di trovare una sistemazione per il numero 0 prima della trade deadline del 6 febbraio ma viste le cifre che percepirà nei prossimi anni, non sarà così facile trovargli una sistemazione.

Kevin Love, grazie al suo contratto, percepirà 90 milioni nelle prossime tre stagioni: 31 all’anno per i primi due e 28 durante la stagione 2022/2023. Un problema non da poco per le franchigie che lo vorrebbero dalla loro parte. Ci sono molte squadre che sarebbero interessate al vincitore dell’anello del 2016 come i Portland Trail Blazers, i Boston Celtics e i Miami Heat.

Nonostante i 31 anni l’ex giocatore dei Timberwolves ha ancora molto da dimostrare: 16.6 punti e 10.5 rimbalzi di media a partita, con una percentuale del 44.8% dal campo. Non male per un giocatore che gioca 30.6 minuti di media ad uscita, in una squadra che si trova attualmente al 12esimo posto della Eastern Conference con un record che vanta 10 vittorie e 24 sconfitte. E’ chiaro come i Cavaliers vogliano puntare tutto sul Draft del prossimo anno, ed è per questo che vorrebbero, in cambio di Love, almeno una scelta alta al primo giro.

 

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi