Padre Anthony Davis chiude ai CS: "Mai dopo quanto fatto a Thomas"
130507
post-template-default,single,single-post,postid-130507,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Padre Anthony Davis chiude ai Celtics: “Mai dopo quanto fatto a Isaiah Thomas”

padre Anthony Davis

Padre Anthony Davis chiude ai Celtics: “Mai dopo quanto fatto a Isaiah Thomas”

Nessuna possibilità di un approdo ai Boston Celtics: secondo il padre Anthony Davis non vestirà mai la maglia biancoverde per ciò che è successo a Isaiah Thomas.

Padre Anthony Davis duro con i Celtics: le parole

Secondo Ramona Shelburne di ESPN.com, nessuna possibilità di vedere The Brow al TD Garden. La motivazione? Il comportamento – ritenuto dal padre di Davis – scorretto riservato a Isaiah Thomas dopo la ottima stagione giocata nel 2016/2017. L’ex Celtics e Kings disputò una stagione memorabile che gli valse la convocazione all’All-Star Game, oltre che avvicinarlo al titolo da MVP. In quell’anno – terminato a Gara-5 contro LeBron James – per lui 28.9 punti di media nonostante un problema all’anca.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Isaiah Thomas (@isaiahthomas) in data:

Nonostante tutto questo, i Boston Celtics inserirono lui in un pacchetto per arrivare a Kyrie Irving, ormai ai ferri corti con i Cavs. Dall’agosto 2017 – quando è stato scambiato – Isaiah Thomas lotta contro il suo infortunio, avendo giocato solo 32 partite. Attualmente è nel roster dei Denver Nuggets, ma non ha ancora esordito in Colorado.

Il padre di Anthony Davis per questa presunta manca di rispetto, chiude le porte ai Celtics per suo figlio:

Non vorrei mai che mio figlio giocasse a Boston dopo quello che hanno fatto a Isaiah Thomas. Nessuna lealtà, il ragazzo ha dato il suo cuore e la sua anima e lo hanno scambiato comunque. Questa è solo la mia opinione, non quella di Anthony: ho visto diverse cose negli anni a Boston e non c’è lealtà.

Anche secondo Shams Charania, Boston non è considerata una tappa a lungo termine per il giocatore di NOLA, che preferirebbe altri lidi (magari quelli californiani).

 

 

Simone Massari
simonemassari23@gmail.com

Appassionato di sport in generale, amo l'NBA in modo viscerale. Studio giornalismo a Genova per raggiungere il mio obiettivo

No Comments

Post A Comment