Pelicans, offerte per scelta 4 e muoversi nel tabellone, obiettivo RJ Barrett?
141186
post-template-default,single,single-post,postid-141186,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Pelicans, la scelta 4 potrebbe essere scambiata, sia per salire che per scendere nel tabellone

Pelicans, la scelta 4 potrebbe essere scambiata, sia per salire che per scendere nel tabellone

I New Orleans Pelicans hanno ottenuto, nell’ambito dell’affare Anthony Davis, tra le altre, la scelta numero 4 al Draft di quest’anno dei Los Angeles Lakers. Forti già della prima scelta, ottenuta con una pesca alla Lotteria molto fortunata, potrebbero puntare a sfruttare quella dei Lakers per muoversi nel tabellone. Non è infatti da escludere che questa potrebbe essere scambiata dal front office diretto da David Griffin durante la notte delle scelte.

Resta tuttavia da capire se verrà spedita ai Memphis Grizzlies per arrivare alla loro seconda scelta o verrà intavolato un affare con qualche franchigia che voglia risalire la china dell’ordine di scelta.

Scelta 4 ai Grizzlies e Barrett ai Pelicans?

Secondo Marc Berman, del New York Post, il primo scenario sarebbe il più probabile. I Pelicans avrebbero infatti a disposizione le tre prime scelte acquisite dall’affare appena concluso con la franchigia gialloviola di Los Angeles, oltre ai giovani giocatori appena accasati alla corte di Coach Alvin Gentry. Questi assetti potrebbero comporre il pacchetto giusto per convincere Memphis a lasciare la sua seconda e accontentarsi della scelta 4 dei Pelicans.

Qualora questo scenario si realizzasse, New Orleans selezionerebbe con ogni probabilità RJ Barrett, amico e compagno di Zion Williamson al college, presso Duke. Che Zion sarà selezionato con la prima scelta è indubbio, mentre un’eventuale chiamata dell’ex compagno di squadra alla numero 2 cambierebbe i piani dei New York Knicks, detentori della terza scelta.

Ad oggi, infatti, il giocatore destinato ad essere scelto dai Grizzlies sembrerebbe Ja Morant, e ciò consegnerebbe Barrett alle disponibilità della franchigia della Grande Mela. Qualora, tuttavia, i rumors sopracitati si confermassero con una cosiddetta “trade up” dei Pelicans, a New York non si strapperebbero i capelli. La squadra di Coach David Fizdale, infatti, non avrebbe problemi a chiamare proprio Morant con la scelta numero 3, qualora Barrett non dovesse essere disponibile. Sempre secondo quanto riportato da Marc Berman.

Suns e Bulls puntano alla quarta scelta

Se da una parte i Pelicans vorrebbero sfruttare la scelta 4 per muoversi verso l’alto nel tabellone dunque, dall’altra c’è chi vorrebbe portarli a muoversi verso il basso. Phoenix Suns e Chicago Bulls sarebbero le potenziali acquirenti, secondo Fletcher Mackel di WSDU. Le due franchigie possono vantare, ad oggi, rispettivamente la scelta numero 6 e numero 7. Per arrivare a quella di New Orleans potrebbero compiere un’operazione simile a quella avvenuta tra Dallas Mavericks e Atlanta Hawks durante il Draft dello scorso anno.

Sarebbero infatti pronte a spedire la loro scelta di quest’anno ed un’altra protetta per il 2020 in cambio della numero 4. Entrambe le squadre sono alla disperata ricerca di una pointguard titolare, e selezionando con una scelta così alta avrebbero la certezza di poter agguantare Darius Garland, che, dopo Ja Morant, si presenta come il migliore in quel ruolo nella classe del 2019.

Ad oggi, David Griffin e i suoi sarebbero nel mezzo di accurate valutazioni, e non sembrano filtrare certezze riguardo le loro mosse relative alla notte delle scelte. Probabilmente non resta altro da fare se non aspettare che il 20 giugno si riveleranno tutte le carte, dando il via ad una off-season che si annuncia scoppiettante.

Lorenzo Brancati
lolbra99@gmail.com

Malato di sport a 360 gradi. Seguo e faccio finta di capire di diversi sport, dal basket al calcio, fino ai motori, passando per il football americano e il baseball. Mi piace leggere e provare a scrivere farneticazioni a riguardo. Aspettando Godot, mi diverto a giocare con le parole e la palla a spicchi.

No Comments

Post A Comment