Gli Warriors rinunciano a Livingston, il giocatore vuole continuare
143701
post-template-default,single,single-post,postid-143701,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

I Golden State Warriors rinunciano a Shaun Livingston, ma niente ritiro

warriors rinunciano a livington

I Golden State Warriors rinunciano a Shaun Livingston, ma niente ritiro

I Golden State Warriors rinunciano ufficialmente al tre volte campione NBA Shaun Livingston. Il 3 volte campione NBA ha però dichiarato di non esser intenzionato a ritirarsi, anzi vuole trovare una squadra il prima possibile per disputare la sua sedicesima stagione NBA.

I Golden State Warriors rinunciano a Shaun Livingston dopo 5 anni pieni di gloria e gioia

Livingston avrà 34 anni quando inizierà la stagione 2019-2020 e in questi giorni di mercato, dopo che tutti i big si sono accasati, diverse squadre NBA sono alla ricerca di veterani per completare il proprio roster. I giocatori con l’esperienza di Livingston sono molto richiesti, sopratutto dalle franchigie che puntano a far bene in post-season.

La franchigia di Oakland, che dall’anno prossimo giocherà però a San Francisco, utilizzerà la clausola waive-and-stretch possibile sul contratto dell’ex scelta numero 4 del draft NBA 2004 da parte dei Clippers, in modo da spalmare su 3 stagioni i 7.7 milioni di dollari dovuti al giocatore per il 2019-2020. Questa scelta fa si che i Golden State Warriors rimangano leggermente sotto la soglia della luxury tax, a quota 138,9 milioni di dollari.

Cambio generazionale in casa Warriors, confermato Looney, presi tanti giovani e persi due veterani

Gli Warriors, dopo aver perso le Finals, hanno deciso di svecchiare la squadra. La prima cessione è stata (via trade) quella di Andre Iguodala. Poi Kevin Durant ha deciso di firmare con i Brooklyn Nets, con gli Warriors che lo hanno rimpiazzato firmando al massimo salariale la più giovane guardia proprio della franchigia newyorchese D’Angelo Russell.

Infine sono arrivati il rinnovo di Kevon Looney (giovane cresciuto in queste stagioni nella Baia), le firme di Glenn Robinson, Alec Burks, Omari Spellman e Willie Cauley-Stein e la rinuncia a Shaun Livingston (oltre il definitivo addio di Andrew Bogut).

Il 34enne nativo dell’Illinois si trasferì agli Warriors 5 anni fa, dopo il mancato rinnovo con i Cleveland Cavaliers. In queste 5 stagioni passate a Oakland, Livingston ha sempre giocato le Finals, vincendo ben 3 anelli.

L’ex giocatore di Clippers, Nets e Cavs, nell’ultima regular season ha tenuto una media di 15 minuti, 4 punti, 1.8 rimbalzi e 1.8 assist in 64 match giocati.

Giovanni Oriolo
oriolo78@gmail.com

Sono un ragazzo di 18 anni, vivo a Roma, ma sono nato a Biella. Infatti tifo Eurotrend Biella e Chicago Bulls

No Comments

Post A Comment