fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsHouston Rockets Clippers, rivincita sui Rockets. Lou Williams: “Siamo stati perfetti!”

Clippers, rivincita sui Rockets. Lou Williams: “Siamo stati perfetti!”

di Dennis Izzo

Seconda sconfitta consecutiva per gli Houston Rockets, che cadono di misura nel big match sul campo dei Los Angeles Clippers (122-119). I californiani agguantano così proprio i texani nella classifica della Western Conference (record di 11-5 per entrambe), grazie a un canestro decisivo di Kawhi Leonard e a un secondo tempo da manuale dell’ex di turno Lou Williams. L’MVP delle scorse Finals chiude a quota 24 punti, 6 rimbalzi, 3 assist e altrettante palle recuperate col 56% dal campo (9/16) e il 40% da dietro l’arco (2/5), mentre Sweet Lou fa registrare 26 punti (tutti segnati nella seconda metà di gara), 3 rimbalzi e 8 assist col 56% al tiro (9/16) e il 67% dalla lunga distanza (4/6) in 34′ in uscita dalla panchina.

“Abbiamo fatto un’ottima partita sia in attacco che in difesa, avevamo tanta fiducia. Mi piacciono tantissimo le nostre divise”, ha dichiarato il tre volte vincitore del premio di Sesto uomo dell’anno, nonché detentore del riconoscimento, sulla vittoria e sulla City Edition Jersey indossata per la prima volta dai suoi Clippers (anche i Rockets l’hanno sfoggiata, ma lo avevano già fatto pochi giorni fa a Houston contro gli Indiana Pacers). “A Kawhi basta un centimetro per far male agli avversari e anche in questo caso l’ha dimostrato.”, il commento di coach Doc Rivers sul canestro decisivo segnato dal due volte campione NBA.

Apporto più che positivo anche da parte dell’altro ex della serata, Montrezl Harrell: per lui 18 punti, 7 rimbalzi, 2 assist, un recupero e 2 stoppate col 61.5% al tiro (8/13). Brutta serata al tiro, invece, per Paul George (4/15 dal campo e 3/10 da tre), comunque capace di mettere a referto 19 punti, 8 rimbalzi, 7 assist e 2 recuperi. Dopo un primo tempo piuttosto equilibrato (55-51 per i Clippers alla pausa lunga), i Rockets ribaltano la situazione nel terzo quarto, portandosi sul +8 (84-80) all’inizio dell’ultimo periodo.

Clippers di misura grazie a un super Lou Williams

“Abbiamo lottato duramente per vincere, lasciando tutto sul parquet. Non abbiamo mai avuto la sensazione di poter perdere.”, le parole di Harrell, riscattatosi contro la sua ex squadra – che lo scelse con la seconda scelta al secondo giro del Draft 2015 – dopo una prova negativa nel primo incrocio stagionale tra le due squadre a Houston, con i Rockets capaci di portarsi a casa la vittoria (la serie stagionale tra le due squadre è attualmente in perfetto equilibrio sull’1-1).

Prova da incorniciare per James Harden, che sfiora la tripla doppia: per il Barba ben 37 punti, 8 rimbalzi, 12 assist e 2 palle rubate col 56% dal campo (9/16) e il 45.5% da dietro l’arco (5/11). Tra le sue cinque triple, spicca quella segnata su marcatura di Beverley (espulso nuovamente per falli) e George nel finale. Per Russell Westbrook (anch’egli fouled out), invece, 22 punti, 5 rimbalzi, 6 assist e 2 recuperi. Danno il loro contributo alla causa anche Clint Capela (doppia doppia da 17 punti, 19 rimbalzi e 2 stoppate) e Ben McLemore, che parte in quintetto al posto dell’infortunato House e non delude, chiudendo a quota 14 punti, 2 rimbalzi, un assist e 2 recuperi col 44% dalla lunga distanza (4/9) in 32′.

“Non abbiamo concluso la gara come avremmo voluto e dovuto fare, è ovvio. Tuttavia, siamo stati bravi a rimanere in partita senza mai mollare e abbiamo avuto fiducia anche quando le cose non stavano andando benissimo.”, ha dichiarato Harden al termine della partita, la seconda sconfitta di fila per i suoi Rockets dopo il ko riportato sul campo dei Denver Nuggets.

In uscita dalla panchina, invece, si fa valere Thabo Sefolosha, che fa registrare 8 punti, un rimbalzo e un recupero col 50% al tiro (3/6 dal campo e 2/4 da dietro l’arco) in appena 11′, seppur con un plus/minus di -10, e va in doppia cifra l’ex di turno Austin Rivers (10 punti in 31′). Si fa sentire l’assenza di Eric Gordon, attaccante che soprattutto in serate del genere sa come mettersi in mostra con i suoi canestri.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi