Rockets ko anche coi Lakers, LeBron: “Onorato dall’affetto dei tifosi”

Si conclude con lo stesso risultato dello scorso anno il primo incrocio stagionale tra Houston Rockets e Los Angeles Lakers, ma a parti invertite: stavolta, infatti, sono i secondi a imporsi per 124-115 al Toyota Center, nonostante la pesante assenza di Anthony Davis, che fino a poco prima della palla a due era in dubbio e sta per tornare a disposizione della squadra. Per i primi, dal canto loro, si tratta della quarta sconfitta nelle ultime cinque gare, nonché della terza consecutiva dopo quelle con Memphis Grizzlies e Portland Trail Blazers in back-to-back e della sesta nelle ultime undici partite disputate.

Tutt’altro che sereno il clima dalle parti di Houston, con la squadra di D’Antoni che fatica a tenere il passo delle altre big della Western Conference e sprofonda al sesto posto (26-15): pur essendo ancora in corsa per un posto tra le prime tre, è evidente che se non dovessero invertire nettamente la rotta nelle prossime gare, i Rockets rischierebbero di perdere ancor più contatto dalle zone alte della classifica, anche perché nel selvaggio Ovest ogni minimo errore può risultare fatale e la mancanza di continuità in termini di rendimento e risultati può davvero compromettere un’intera stagione, soprattutto trattandosi di una squadra che a inizio stagione veniva ritenuta una delle favoritissime alla vittoria dell’anello.

“Semplicemente non stiamo giocando bene, questa cosa va avanti da un paio di settimane. Dobbiamo semplicemente lavorare a testa bassa e impegnarci di più in campo se vogliamo uscire da questo momento delicato.”, ha dichiarato senza troppi giri di parole coach Mike D’Antoni, ovviamente deluso dal preoccupante periodo che stanno vivendo i suoi Rockets. Il pensiero dell’ex allenatore di Olimpia Milano, Benetton Treviso e Phoenix Suns, nonché proprio dei Los Angeles Lakers affrontati la scorsa notte, non è molto diverso da quello di James Harden: “Con momenti del genere prima o poi tutti ci fanno i conti. Per superare questo periodo l’unica cosa che possiamo fare è lavorare al massimo delle nostre possibilità e cercare di essere più solidi, soprattutto mentalmente.”

I Lakers, invece, si rialzano immediatamente dopo la sconfitta di misura contro gli Orlando Magic: senza Davis, a trascinare i gialloviola è ovviamente LeBron James, autore di una doppia doppia da 31 punti, 5 rimbalzi, 12 assist e 2 palle recuperate col 52% dal campo (13/25) e celebrato coi cori “MVP, MVP!” dedicatigli dal pubblico di Houston. “Onorato dell’affetto nei miei confronti da parte dei tifosi dei Rockets”, il suo commento a fine gara. Kyle Kuzma, partito ancora una volta in quintetto per ovviare al forfait di AD, è il secondo miglior scorer della capolista della Western Conference con 23 punti, conditi da 8 rimbalzi e il 50% al tiro (8/16), mentre Danny Green ne aggiunge 20 con 5 rimbalzi e 4 recuperi col 47% dal campo (7/15) e il 44% dalla lunga distanza (4/9) e, in uscita dalla panchina, tocca quota 20 anche Kentavious Caldwell-Pope: per lui 20 punti, 3 rimbalzi, 4 assist, 2 palle rubate e una stoppata col 50% al tiro (7/14).

Piove sul bagnato in casa Rockets, Lakers corsari a Houston

“Kuz è stato molto bravo in difesa su Russ, lo ha costretto a prendersi tiri difficili. In qualche occasione ha comunque fatto canestro, ma nel complesso il lavoro difensivo di Kuz è stato ottimo e ci ha aiutato tantissimo nel secondo tempo.”, le parole di LeBron James in merito alla prestazione del suo principale sparring partner in fase offensiva e protagonista di un encomiabile sforzo nella metà campo difensiva.

Sfiorano la doppia doppia JaVale McGee e l’ex di turno Dwight Howard: il primo fa registrare 9 punti, 8 rimbalzi, 2 assist e 3 stoppate col 75% dal campo (3/4) in poco più di 18′, il secondo si ferma a quota 6 punti, 10 rimbalzi, 2 assist, 2 recuperi e 3 stoppate col 100% al tiro (2/2) in quasi 25′ in uscita dalla panchina. “Dobbiamo continuare su questa strada. Anche in questa partita abbiamo messo in campo tanta intensità e grinta e non era affatto scontato. JaVale si è reso autore di un paio di stoppate che ci hanno permesso di guadagnare fiducia e ripartire in contropiede. Ora non dobbiamo rilassarci.”, il monito e allo stesso tempo l’elogio di Howard ai suoi compagni.

Ai Rockets non basta la gran prestazione di Russell Westbrook, miglior realizzatore della serata e tra i pochi a salvarsi nell’ennesima sconfitta dei suoi: l’ex OKC mette a referto ben 35 punti, 9 rimbalzi, 7 assist e 3 palle recuperate col 65% dal campo (15/23). James Harden torna a far registrare un trentello dei suoi, ma le sue percentuali al tiro lasciano a desiderare: il Barba, infatti, chiude a quota 34 punti, 6 rimbalzi, 7 assist e una stoppata col 40% dal campo (8/20) e appena il 22% da dietro l’arco (2/9).

A dir poco non pervenuto il supporting cast, con l’ex di turno Tyson Chandler e Thabo Sefolosha che nei pochi minuti a disposizione mettono insieme la miseria di 4 rimbalzi e un recupero e Clint Capela che si ferma a 8 punti, 12 rimbalzi, 3 assist e altrettante stoppate con appena il 44% al tiro (4/9). Eric Gordon e Danuel House raggiungono la doppia cifra, ma entrambi con percentuali decisamente deludenti: 13 punti col 36% dal campo (5/14) e il 33% da tre (3/9) il primo, 10 punti col 33% al tiro (3/9) e il 25% dalla lunga distanza (2/8) il secondo.

Dennis Izzo

Condividi
Pubblicato da
Dennis Izzo

Post recenti

Adam Silver: “La NBA tornerà in Cina ma ci vorrà tempo”

Il Commissioner Adam Silver si dice fiducioso che i rapporti della NBA con la Cina,…

6 ore fa

Final Eight 2020 recap: Happy Casa Brindisi-Reyer Venezia

Per la prima volta nella storia delle Final Eight si sfidano in finale la testa di…

9 ore fa

L’ex Wizards e Suns Marcin Gortat annuncia il ritiro

Marcin Gortat annuncia il ritiro, il 36enne polacco ha giocato 12 stagioni nella NBA tra…

12 ore fa

Westbrook all’All-Star Media Day: “Mio figlio Noah viene prima di tutto”

Molti giocatori hanno un rapporto “particolare” coi media. Tra questi, spicca Russell Westbrook, che nel…

13 ore fa

Pau Gasol vuole partecipare alle prossime Olimpiadi. E spera nel ritorno in NBA

Pau Gasol vuole disputare le prossime Olimpiadi con la casacca della Spagna. E non ha…

13 ore fa

Lakers, DeMarcus Cousins in campo nei playoffs? Vogel: “Possibile”

Arrivano ottime notizie dall'infermeria dei Los Angeles Lakers, che potrebbero contare anche su DeMarcus Cousins…

13 ore fa

Questo sito utilizza i cookies

Leggi