fbpx
Home NBANBA News Toronto Raptors, è qui la festa, Kawhi Leonard, Kyle Lowry e Masai Ujiri gli eroi

Toronto Raptors, è qui la festa, Kawhi Leonard, Kyle Lowry e Masai Ujiri gli eroi

di Michele Gibin

E’ il giorno della festa per i Toronto Raptors. E solo in una parata da campioni NBA il mondo avrebbe potuto vedere un Kawhi Leonard pubblico diverso da quello glaciale e letale visto in campo ai playoffs 2019.

I Toronto Raptors chiudono a City Hall il loro tour cittadino per mostrare ad oltre un milione e mezzo di persone il Larry O’Brien Trophy vinto abbattendo i Golden State Warriors in 6 partite alle finali NBA 2019.

Sul palco c’è Masai Ujiri, presidente e “architetto” dei Raptors campioni, c’è coach Nick Nurse, in grado di vincere l’anello al suo primo anno da capo allenatore NBA. C’è il nume tutelare della squadra Drake, che lascia ovviamente spazio ai campioni, prima di prendersi da par suo il palcoscenico per chiudere la serata. C’è, tra la folla, l’altro super tifoso Nav Bathia.

Poi ci sono i giocatori. Chris Boucher che è l’unico canadese della squadra. Serge Ibaka, Pascal Siakam col sigaro della vittoria, Danny Green che dimostra la sua conoscenza del Canada, Norm Powell che mette in mostra le sue doti da showman, il leader Kyle Lowry che per l’occasione indossa una canotta vintage di Damon Stoudamire, quella anni ’90 bianca a righe, col dinosauro in bella vista.

C’è Marc Gasol, che 5 mesi era a Memphis e non s’immaginava un titolo NBA a 34 anni, e dopo la fine dell’epoca “Grit and Grind” dei Grizzlies suoi e dei sodali Mike Conley, Zach Randolph e Tony Allen, e che ora si cala nel clima della festa trangugiandosi nel tragitto che porta il pullman della squadra a City Hall un’intera bottiglia di vino spagnolo, tutta d’un fiato.

C’è Fred VanVleet, che non è stato – tecnicamente – uno starter in questa stagione ma che ha siglato il record di tiri da tre punti realizzati in una finale NBA per un giocatore in uscita dalla panchina. Tanta roba.

I nostri tifosi…” Coach Nurse “Dopo averli sentiti cantare ‘Oh, Canada’ dopo la vittoria di gara 1, gli Warriors sapevano che sarebbe stata durissima per loro, bastava guardarli in faccia“.

La festa dei Toronto Raptors, Kawhi: “Mi avete accolto a braccia aperte”

Le immagini aeree da Toronto lasciano solo intuire la folla oceanica presente a celebrare un raro titolo sportivo in uno dei 4 maggiori sport nordamericani. La polizia canadese rende noti alcuni episodi di violenza che hanno caratterizzato la giornata (risse, alcuni accoltellamenti e persino una pericolosa sparatoria che interrompe per alcuni minuti la parata, ma che non provoca vittime).

Presenti in città le autorità del caso: ovviamente il sindaco John Tory, che fa da maestro di cerimonie e consegna a Kawhi Leonard le Chiavi della Città; il Primo Ministro canadese Justin Trudeau, che indossa per l’occasione la maglietta celebrativa dei Raptors campioni NBA, stringe mani, concede selfie a tutti e raggiunge la squadra sul palco.

Kawhi Leonard è però la star indiscussa della giornata di Toronto, la cui forza tranquilla riesce (a malapena) a fare ombra persino all’onnipresente Drake. Presentato sul palco appena prima del capitano Kyle Lowry, Leonard ringrazia la città per l’accoglienza, concedendosi persino un siparietto:

Grazie a tutti per avermi accolto qui a braccia aperte dopo la trade, non avrei potuto essere in una situazione migliore, un gruppo ed una città fantastica. I ragazzi e lo staff mi hanno messo nelle migliori condizioni per rendere la meglio in campo, ed ora siamo campioni. Divertitevi, godetevi questo giorno… Ah-Ah-Ah-Ah (citando la sua goffa risata, divenuta virale, di inizio stagione, ndr)”

Una festa incredibile” Prosegue Kawhi, che sceglie per l’occasione una t-shirt griffata “Board Man Gets Paid”, slogan lanciato durante le finali NBA “Tanta gente felice di essere qui con noi. Quando abbiamo capito di poter vincere? Da subito, è stato il nostro obiettivo da subito (…) gli ultimi giorni qui sono stati incredibili, poco sonno, tanta festa, un titolo diversi dal primo per me, altra città, altra situazione, persino un altro Paese, sono onorato di averne fatto parte“.

La festa dei Toronto Raptors, Lowry: “Abbiamo vinto e l’abbiamo fatto insieme, siamo fratelli”

La pallacanestro è questa” Marc Gasol “Abbiamo in squadra uno spagnolo come me, un giocatore del Camerun, uno di Philadelphia (Lowry, ndr)… è uno sport che unisce le persone, vincere naturalmente aiuta, ma questa stagione a Toronto è stata fantastica per me, e non avrebbe potuto finire in modo migliore“.

Kyle Lowry si merita tutti gli onori del caso, introdotto per ultimo sul palco dei vincitori: “Per prima cosa, al pubblico, fatevi un applauso perché questo titolo è anche vostro (…) ai ragazzi, allo staff tecnico e d a quello del front office, grazie, questo è il nostro titolo, abbiamo lottato dal primo giorno per ottenerlo, abbiamo lavorato duro, e l’abbiamo fatto insieme. Ed insieme siamo diventati campioni NBA. Siamo una gruppo di fratelli, siete dei fratelli per me“.

La festa dei Toronto Raptors, Ujiri: “I cambiamenti? Volevamo vincere”

Ad ogni angolo della strada, ad ogni tappa del tragitto del pullman aperto fino a City Hall, non si contano i cori inneggianti a Kawhi Leonard, e gli “appelli” all’ex San Antonio Spurs per rimanere a Toronto. Leonard diventerà free agent a partire dal prossimo 30 giugno, e le sue intenzioni sono lontane dall’essere chiare. Il richiamo di casa, Los Angeles, potrebbe rivelarsi troppo forte per resistervi, ed al contempo l’essere stato il motore principale del primo titolo NBA della storia dei Toronto Raptors – franchigia d’espansione nata appena 27 anni fa – un motivo troppo grande per non legarsi (per cinque anni, per due?) alla squadra canadese.

Atmosfera incredibile, vedere così tante persone è pazzescoMasai Ujiri è un protagonista assoluto della giornata “E’ tutto merito dei ragazzi, dei giocatori e del mio staff, lavorare per questa squadra è stata un’occasione unica per me (…) i Toronto Raptors rappresentano il mondo intero, ed è per questo che l’attenzione si è spostata tutta qui, su di noi (riferendosi alla presenza di tanti giocatori internazionali in squadra, ndr). Volevamo essere un esempio per tutti, questa squadra ha vinto e continuerà a vincere qui a Toronto“.

Kawhi, Marc, Kyle, Fred… tutti abbiamo sempre sognato in grande, eravamo tutti motivati per fare il massimo (…). I tanti cambiamenti? Volevamo vincere (coach Casey e DeMar  DeRozan, ndr) sono stati una parte fondamentale di questo processo, hanno fatto tanto. Ora la squadra è questa, e siamo contenti di ciò che abbiamo“.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi