fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsLos Angeles Lakers Anthony Davis rivela: “Stavo per lasciare la pallacanestro, ma Rose…”

Anthony Davis rivela: “Stavo per lasciare la pallacanestro, ma Rose…”

di Francesco Schinea

Mentre continua a dominare sul campo da gioco trascinando i suoi Los Angeles Lakers, Anthony Davis trova anche il tempo per svelare alcuni curiosi retroscena.

Nel corso di un’ampia intervista concessa a Shams Charania di The Athletic, Davis ha spaziato riguardo diversi temi. Non poteva ovviamente mancare un parere sul suo amico e compagno di squadra LeBron James, con cui compone una delle coppie più forti del panorama cestistico.

Mi parla un sacco, specialmente durante le partite. Ha una grande mente cestistica, riesce a prevedere ogni giocata. Impariamo costantemente uno dall’altro. Vuole che ognuno impari da lui, dà suggerimenti e spetta a noi altri metterli in pratica

Anthony Davis ha confessato di essersi aspettato che il peso dell’attacco giallo-viola venisse diviso al 50% fra sé e James, prima che quest’ultimo affermasse di avere idee ben diverse: “LeBron se n’è uscito con qualcosa del tipo ‘Sarai tu la prima opzione e giocheremo per te, io sarò il secondo violino”. Le prime uscite stagionali sembrerebbero effettivamente aver confermato la volontà dell’ex Cleveland Cavs. Davis ha, infatti, realizzato 26.3 punti e 10.4 rimbalzi di media nelle 10 partite fin qui disputate, pur facendo i conti con un problema alla spalla destra. Numeri leggermente superiori dunque a quelli di James, che ha però messo in mostra le sue doti da passatore.

Lakers, Anthony Davis e l’addio ai Pelicans: “Non è stato facile”

Oltre allo smisurato talento, Anthony Davis e LeBron James hanno in comune un altro particolare: entrambi hanno abbandonato le franchigie in cui hanno trascorso la prima parte delle rispettive carriere.

Subito dopo essere sbarcato ai Lakers, Anthony Davis ha chiesto al n°23 le sensazioni provate nel momento in cui ha detto addio (per la prima volta) alla squadra che lo fece sbarcare nel mondo NBA, i Cleveland Cavaliers.

Gli ho chiesto: ‘Quando sei andato a Miami, come ti sentivi a lasciare Cleveland? Ovviamente, mentre io ho chiesto la trade, tu te ne sei andato volontariamente, ma quali emozioni provavi?’. Mi ha detto ‘Ero spaventato, molto spaventato’. Anche a me è successa la stessa cosa. Ho amato la città di New Orleans. Ho così tanti amici lì, che sono diventati familiari. New Orleans è ormai una parte di me, è stato difficile per me andarmene

anthony davis lakers celtics

Davis e LeBron, ex avversari ed ora compagni

AD tornerà per la prima volta da avversario a New Orleans il prossimo 28 novembre, in un match attesissimo dal n°3, soprattutto dal punto di vista emotivo.

Anthony Davis, l’ammirazione per Derrick Rose ed il quasi addio al basket

Anthony Davis, nativo di Chicago, ha affermato di aver tratto ispirazione, nel corso della sua vita, da un’altra leggenda del basket dell’Illinois, Derrick Rose.

AD non ha nascosto di avere una grande ammirazione per l’attuale giocatore dei Detroit Pistons: Ho sempre ammirato Derrick Rose. Mi ha ispirato immensamente, anche se non credo che lo sappia perché non siamo mai stati molto legati. Ma il modo in cui quel ragazzo di Chicago si è sacrificato per il basket, è arrivato al college, poi alla NBA e al premio di MVP, mi ha guidato”.

I tifosi dei Los Angeles Lakers dovranno probabilmente ringraziare Rose. Il prodotto di Memphis è stato, infatti, uno dei motivi che hanno spinto Davis a non abbandonare la pallacanestro in un momento di difficoltà.

Ho pensato di smettere di giocare a pallacanestro durante il mio ultimo anno al liceo. Non ero bravo, mentre nella mia squadra c’erano i migliori giocatori della città. Al mio primo incontro con AAU, non ero il miglior giocatore. Avevo paura di andare in campo con loro. Quando sono tornato a casa, ho detto che non volevo più farlo. Mio padre mi ha detto: riprova. Nella partita successiva ho giocato 6 minuti e mi sono infortunato alla caviglia. Non ho più giocato nel  torneo, ma alla fine ho ricevuto moltissime offerte di borse di studio per il college, quindi ho continuato

La pallacanestro ha insomma rischiato seriamente di perdere uno dei giocatori più forti e spettacolari degli ultimi anni.

Ora però Davis ha raggiunto il primo step della sua carriera, può cioè puntare al titolo con una squadra, almeno sulla carta tra le più attrezzate. I Lakers hanno vinto infatti 9 delle prime 11 partite di regular season, e affronteranno nella notte tra venerdì e sabato i Sacramento Kings.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi