Blazers-Warriors, Lillard segna, Durant no: "Sbagliamo un sacco di tiri"
127809
post-template-default,single,single-post,postid-127809,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Lillard vince ad Oakland, Durant e gli Warriors fuori ritmo: “Sbagliamo un sacco di tiri, incredibile”

Durant-Warriors

Lillard vince ad Oakland, Durant e gli Warriors fuori ritmo: “Sbagliamo un sacco di tiri, incredibile”

Blazers-Warriors, Kevin Durant fa autocritica al termine della gara: “Non posso sbagliare un tiro così, punto”.

Intensità tardo-primaverile alla Oracle Arena tra Portland Trail Blazers (20-25) e Golden State Warriors (23-13), con gli uomini di coach Terry Stotts che si impongono per 110-19 dopo un tempo supplementare.

Ad alimentare la sfida, ed a deciderla ai tempi supplementari è Damian Lillard da Oakland, California, che prima del match da voce ai tanti tifosi di Golden State fatalmente delusi dal prossimo trasferimento dei bi-campioni NBA in carica a San Francisco, e poi chiude la sfida con un tiro dall’angolo destro a 5 secondi dal termine, a punire una palla persa banale di Steph Curry.

Partita tesa e tanti errori. Klay Thompson lotta contro se stesso e riesce a sbagliare – oltre a 7 dei suoi 9 tiri da dietro l’arco – anche 3 dei 4 tiri liberi conquistati. Draymond Green si prende maggiori responsabilità offensive e chiude con 15 punti, 11 rimbalzi e 7 assist (7 su 15 al tiro), Durant e Curry “tirano la carretta”, ma Steph paga in precisione al tiro ed accumula palle perse (7 a fine gara).

Impreciso anche il dynamic duo di Portland Lillard-Mcollum. A fine tempi regolamentari, Damian Lillard riesce addirittura a palleggiarsi sui piedi marcato da Klay Thompson, dopo la tripla del 102 pari segnata da Durant a 19 secondi dal termine.

Jusuf Nurkic (27 punti e 12 rimbalzi) campeggia a centro area contro i più leggeri Kevon Looney e Jonas Jerebko, l’altro Curry- Seth – segna 11 punti nel quarto periodo. Nell’overtime, gli Warriors vanno sul +4 (106-102) ma C.J. McCollum ci mette una pezza, Draymond Green ridà dall’angolo il +2 Warriors ma Steph Curry consegna il pallone nelle mani di Nurkic, che lancia Lillard in transizione a 12 secondi dal termine.

Blazers-Warriors, Kevin Durant: “Sbagliamo un sacco di tiri”

 

Damian Lillard “tenta” di replicare la giocata con cui aveva chiuso i tempi regolamentari, sfiorando la palla persa. Al Farouq Aminu lo soccorre e riconsegna nella mani del tre volte All-Star, che saggiamente non la rimette a terra e si eleva da dietro l’arco. Canestro e 110-109 Blazers.

Sull’ultimo possesso warriors, Durant elude la marcatura di Maurice Harkless e tira da 4 metri, finendo però abbastanza sorprendentemente corto. A fine gara, KD commenta così l’ultima azione:

Un tiro su cui lavoro tutti i giorni. Lo devo segnare, punto. Quando non facciamo canestro diventa tutto più difficile. In casa, noi ci nutriamo dell’energia del pubblico, in questo periodo ad ogni tiro che parte, il pubblico tenta di spingere il pallone dentro, poi la palla esce e tutti fanno: ‘noooo…’. Sbagliamo un sacco di tiri, generiamo tanti buoni tiri ma li sbagliamo tutti. Dobbiamo rimanere positivi

– Kevin Durant dopo Blazers-Warriors –

 

Warriors e Blazers hanno preso complessivamente 84 tiri da tre punti, segnandone solo 26. Steph Curry ha chiuso con 6 su 15, 2 su 7 invece per Kevin Durant. Le secche offensive per Golden State proseguono, mentre la squadra si sposterà in Oregon per “gara 2”, in programma al Moda Center domenica 30 dicembre.

La partita di stanotte, a meno di future clamorose “relocation” di altre squadre NBA ad Oakland, sarà stata l’ultima partita di Damian Lillard da avversario contro la squadra della sua città natale.

Michele Gibin
pt.fadeaway@gmail.com

Contributor per NBAPassion.com

No Comments

Post A Comment