Home NBA, National Basketball AssociationNBA News Suns, DeAndre Ayton chiederà la riduzione della squalifica

Suns, DeAndre Ayton chiederà la riduzione della squalifica

di Michele Gibin
phoenix suns coronavirus

Lo squalificato DeAndre Ayton dei Phoenix Suns si incontrerà con la NBA nel weekend, per una prima audizione sulla sua sospensione per 25 partite comminatagli dopo un test antidoping positivo.

Ayton era stato trovato positivo ad un controllo la settimana scorsa, la sostanza rintracciata è un diuretico utilizzato per nascondere nei test altre sostanze dopanti. Il giocatore ha subito ammesso di aver assunto la sostanza in completa buona fede, senza sapere che il farmaco fosse nella lista di prodotti proibiti.

Come riportato da Sean Deveney di Heavy.com, Il giocatore dei Suns chiederà una riduzione della squalifica, Ayton ha già scontato tre delle 25 gare di sospensione. La tesi dei rappresentanti del lungo dei Suns si baserà sul fatto che DeAndre Ayton abbia assunto il farmaco per errore, e che dai controlli non sarebbe emersa la presenza di altre sostanze dopanti.

deandre ayton

 DeAndre Ayton e Devin Booker

Il general manager dei Phoenix Suns, James Jones, ha dichiarato a 98.7 FM Arizona che la questione Ayton “E’ ora in mano alla NBPA (l’Associazione giocatori, ndr). Noi supportiamo DeAndre, ed intanto ci prepariamo alle prossime partite. Questa è una situazione che si risolverà da sé, ora a Ayton manca essere in campo con i suoi compagni, e quando tornerà faremo di tutto per reinserirlo“.

In attesa di conoscere gli sviluppi sulla vicenda, sono arrivate le scuse di DeAndre Ayton: “Voglio scusarmi con la mia famiglia, l’intera organizzazione dei Suns, i miei compagni ed i miei collaboratori, e con la città. Il mio è stato un errore in buona fede, ho assunto una sostanza che non sapevo assolutamente fosse vietata. Comprendo perfettamente il grave danno che la mia condotta avrà sugli altri, e me ne scuso profondamente”.

I Phoenix Suns (3-2) hanno sconfitto nella notte i Golden State Warriors, in una partita che sarà ricordata come quella dell’infortunio di Steph Curry.

You may also like

Lascia un commento