Heat, Dion Waiters mostra i muscoli su IG: "Sono quello di prima"
144116
post-template-default,single,single-post,postid-144116,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Heat, Dion Waiters mostra i muscoli su Instagram: “Sono tornato!”

dion waiters

Heat, Dion Waiters mostra i muscoli su Instagram: “Sono tornato!”

Miami Heat, Dion Waiters è tirato a lucido per la prossima stagione.

Il prodotto di Syracuse, limitato nelle ultime due stagioni da un serio problema alla caviglia, ha condiviso sui suoi account social i frutti del duro lavoro fatto in palestra in questa off-season, con l’obiettivo di respingere le tante critiche e convincere gli Heat e coach Erik Spoelstra a concedergli una nuova chance.

46 partite nella stagione 2016\17, 30 nella stagione 2017\18 e 44 nella stagione appena terminata le apparizioni di Waiters a Miami, per un giocatore attualmente a libro paga per ancora due anni e 24 milioni di dollari complessivi.

Problemi muscolari ed un infortunio alla caviglia destra aveva interrotto anzitempo la miglior stagione in carriera di Dion Waiters: nonostante lo stop e l’operazione, l’ex Cavaliers e OKC Thunder aveva convinto Pat Riley a concedergli un ricco quadriennale da 52 milioni di dollari complessivi.

View this post on Instagram

Last year when I came off 1 of the most depressing & frustrating times of my life. Coming off injury & not feeling like myself nor looking like myself I was in a dark place mentally & physically , Because the game I love so much was taken away due to season ending surgery. Now a days with this social media ran world they laughed at me made jokes etc not knowing what I was battling or going through everyday. So instead of me joining the circus I told myself you from (Philly) you’ve been through worst shit in your life than this. So I promise myself I would work my ass off & get back to where I was before the injury. I’m not done yet but I kno somebody in the world prolli needed to hear this. Stay positive block out the outside noise & grind. #Philly🧀 #stayTune

A post shared by 🔥🔥🔥🔥 (@waiters3) on

Il recupero dall’infortunio si è rivelato più lungo e difficile del preventivato. Alla caviglia si erano aggiunta una microfrattura al piede sinistro, ed alcuni successivi problemi di condizione fisica che ne hanno limitato le prestazioni al rientro in campo lo scorso 2 gennaio, dopo un anno di assenza.

L’anno scorso è terminato uno dei momenti più neri della mia vita” Così Waiters in un lungo post InstagramGli infortuni e l’impossibilità di rendere al meglio mi avevano fatto precipitare in basso, sia mentalmente che fisicamente (…) sui social media si facevano battute sulla mia forma fisica senza sapere cosa stessi passando giorno dopo giorno. Mi sono detto: ‘vengo da Philadelphia, ne ho viste di molto peggio’, ed ho promesso a me stesso di che avrei lavorato più duro che mai per tornare quello di un tempo. E ci sono quasi“.

Pat Riley: “Dion Waiters dovrà lavorare ancora sulla sua condizione fisica”

Dion Waiters, ex quarta scelta assoluta al draft NBA 2012 (uno dei più ricchi di talento di sempre: Anthony Davis, Damian Lillard, Bradley Beal, Draymond Green, Khris Middleton, Andre Drummond…), era arrivato a Miami dopo una fallimentare esperienza a Oklahoma City. In Florida, Waiters si era imposto come scorer affidabile e giocatore fisico in una squadra che, guidata da Goran Dragic ed Hassan Whiteside, mancò di poco l’accesso ai playoffs della Eastern Conference nonostante i problemi di salute della star Chris Bosh e l’infortunio dello stesso Waiters.

L’intervento alla caviglia è stato complesso” Così Pat Riley su Waiters “Fu necessario intervenire a fondo, ed il recupero è stato lungo, un anno intero. Il giocatore dovrà però lavorare sul suo fisico: lo scorso anno pur con tutti i problemi ed i limiti la sua forma fisica è stata su livelli accettabili, ora si tratta di limare, lavorare e recuperare brillantezza, atletismo ed esplosività“.

In 120 partite e tre stagioni con la maglia dei Miami Heat, Dion Waiters ha viaggiato a 14 punti e 3.6 assist a partita, con il 41.4% al tiro in 28.7 minuti di impiego.

Michele Gibin
pt.fadeaway@gmail.com

Contributor per NBAPassion.com

No Comments

Post A Comment