Dwane Casey: "Blake Griffin ha giocato su una gamba sola, ammirevole"
137288
post-template-default,single,single-post,postid-137288,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Pistons, Dwane Casey: “Blake Griffin ha giocato su una gamba sola, ammirevole”

Dwane Casey su Griffin

Pistons, Dwane Casey: “Blake Griffin ha giocato su una gamba sola, ammirevole”

Nonostante l’eliminazione al primo turno dei playoffs ad opera dei Milwaukee Bucks di Giannis Antetokounmpo, i Detroit Pistons di coach Dwane Casey hanno più di una ragione per sentirsi ottimisti. Una di queste corrisponde ad un identikit ben preciso: quello di Blake Griffin.

La stella dei Pistons, costretta a saltare gara 1 e 2 a causa di un infortunio al ginocchio, ha insistito per scendere in campo a fianco dei compagni in occasione di gara 3 e gara 4. 

Il sacrificio di Griffin si è rivelato inutile in termini di risultato finale. Tuttavia ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei compagni di squadra e sopratutto di coach Casey.

Le parole di Casey e l’ovazione della Little Caesars Arena

Nel post-partita, intervistato da Ben Golliver del Washington Post, Dwane Casey ha voluto omaggiare il suo giocatore con parole di profondo rispetto e sincera ammirazione. 

Blake ha giocato gara 3 e 4 con una gamba sola. Ha lottato contro il suo stesso fisico per essere al fianco della squadra. Dopo la partita ha voluto fare un discorso, un discorso di stima e profondo rispetto nei confronti dei suoi compagni, sottolineando quanto fosse fiero di giocare per loro”

Griffin ha concluso gara 4 mettendo a referto 22 punti, 5 rimbalzi e 6 assist. Al termine della partita, vinta dai Bucks per 127-104, Griffin ha ricevuto la standing ovation dall’intero pubblico della Little Caesars Arena.

Il futuro dei Pistons è nelle mani di Blake Griffin

Le ultime due partite di una serie dominata in lungo e in largo dai Bucks hanno messo in ulteriore evidenza il talento sconfinato della stella dei Pistons. Griffin ha dimostrato una volta per tutte di essere molto più di un semplice giocatore. Un giocatore spesso e volentieri sottovalutato,  pronto a diventare il primo tassello di un progetto ancora più ambizioso del precedente. Un progetto a lungo termine che ha come obbiettivo finale quello di trasformare i Pistons in una contender per il titolo NBA.

La prossima stagione sarà quindi una tappa fondamentale in chiave futura. Tappa che impone la costruzione di un team migliore e più competitivo rispetto al precedente.

Alessandro Lorenzi
Alessandrolorenzi26@gmail.com
No Comments

Post A Comment