fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA News Federico Buffa e il ricordo di Bryant: “Kobe come Scirea”

Federico Buffa e il ricordo di Bryant: “Kobe come Scirea”

di Francesco Schinea

Il dolore per la scomparsa di Kobe Bryant non può non aver colpito chi ha avuto il privilegio di commentarne le gesta sul parquet, come Federico Buffa. Così, intervenuto negli studi di Sky Sport, Buffa ha descritto la propria reazione immediatamente dopo aver appreso della prematura morte del Black Mamba.

“Al momento non ho pensato niente, c’era una sorta di rigore psichico. Durante la giornata ho pensato a quante volte lo avessi visto giocare, e quante volte commentando quelle partite mi ero reso conto di quando lui la vinceva, quando decideva psicologicamente come avrebbe vinto la partita”

Il celebre giornalista ha voluto paragonare il tragico evento ad un altro che ha visto come protagonista un altro grande campione del passato, Gaetano Scirea.

“Da lì in poi non ho pensato più a lui come giocatore ma a quei 6 o 7 secondi che lui, esattamente come Gaetano Scirea, ha avuto tra il tempo dell’impatto e la morte. Lui però ha sua figlia di fianco e penso che quei secondi in cui hai capito che è finita non abbiano tempo”

“Mi hanno colpito le parole della moglie quando ha detto ‘Nel dolore straziante, meglio così, perchè nessuno dei due avrebbe potuto vivere senza l’altro”, ha infine aggiunto Federico Buffa facendo riferimento alle parole di Vanessa Bryant nel corso del memoriale dedicato alla leggenda dei Lakers.

Kobe Bryant nella Hall of Fame, le parole di Vanessa

Proprio Vanessa, con sua figlia Natalia, è tornata a parlare del n°24 nelle scorse ore, in occasione dell’inserimento di Kobe nella Hall of Fame.

Siamo davvero orgogliose di lui“, ha detto. “E’ un onore incredibile, un grande riconoscimento. Vorremmo che fosse qui con noi a celebrare, c’è però un poco di conforto nel sapere che sarebbe stato comunque parte della classe di hall of famer del 2020“.

Già all’indomani della scomparsa di Kobe Bryant, della figlia 13enne Gianna Maria e di altre 7 persone lo scorso 26 gennaio a Los Angeles, il presidente della Naismith Basketball Hall of fame Jerry Colangelo aveva annunciato l’inserimento postumo d’ufficio per l’ex star dei Lakers, che in 21 stagioni NBA ha vinto 5 titoli e 2 premi di MVP delle finali, con 18 convocazioni all’All-Star Game. Bryant è inoltre oggi il quarto miglior marcatore ogni epoca nella storia della NBA, dietro a LeBron James, Karl Malone e Kareem Abdul-Jabbar.

Insieme a Bryant hanno ricevuto il prestigioso riconoscimento anche Kevin Garnett e Tim Duncan, campioni che come lui hanno scritto la storia di questo sport. La cerimonia di ingresso avverrà ufficialmente il prossimo 29 agosto a Springfield, in Massachusetts.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi