fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA News Hall of Fame, l’emozione di Kevin Garnett: “L’apice della mia carriera”

Hall of Fame, l’emozione di Kevin Garnett: “L’apice della mia carriera”

di Francesco Schinea

Ora è davvero ufficiale: Kevin Garnett è stato inserito nella Naismith Nasketball Hall of Fame di Springfield. La leggenda di Minnesota Timberwloves e Boston Celtics ha espresso tutta la propria emozione in un’intervista concessa a Rece Davis di ESPN.

“È l’apice di una carriera, di innumerevoli ore di lavoro in cui dedichi tutto te stesso, senza prenderti giorni di pausa, giocando nonostante gli infortuni e superando gli ostacoli. Questo è il culmine. Essere chiamato ‘Hall of Famer’ è tutto”

Nel corso della sua gloriosa carriera Garnett ha collezionato 15 convocazioni per l’All-Star Game, e vinto un titolo NBA con Boston, oltre che i premi di MVP e di difensore dell’anno. Nonostante ciò il quarantatreenne ritiene la sua etica di lavoro il vero motivo della sua introduzione nella prestigiosa Hall of Fame.

“Credo che per ritenersi il migliore è necessario giocare e allenarsi in quanto tale. Se chiedevo ai miei compagni di fare cose non necessariamente abituali, come tuffarsi per terra per prendere un pallone, dovevano prima vederlo fare”, ha detto Garnett. “Più di ogni altra cosa mi piace dire di essere stato un grande compagno di squadra, e questo significa molto per me”.

Accanto a Kevin Garnett nella classe del 2020 della Hall of Fame ci saranno anche il compianto Kobe Bryant e Tim Duncan, oggi assistente allenatore ai San Antonio Spurs e 5 volte campione NBA. Insieme a loro tanti altri professionisti che hanno contribuito allo sviluppo della pallacanestro, quali l’ex allenatore dei Rockets Rudy Tomjanovich. La loro cerimonia di introduzione si terrà a Springfield il prossimo 29 agosto.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi