Houston Rockets sulle ali dell'entusiasmo: sconfitti anche i Raptors a Toronto
133118
post-template-default,single,single-post,postid-133118,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Houston Rockets sulle ali dell’entusiasmo: sconfitti anche i Raptors a Toronto

Houston Rockets sulle ali dell’entusiasmo: sconfitti anche i Raptors a Toronto

Non si fermano più gli Houston Rockets, che dopo aver superato i Boston Celtics per 115-104 al TD Garden battono anche i Toronto Raptors per 107-95 alla Scotiabank Arena e infilano la sesta vittoria consecutiva, passando sul campo della squadra col secondo miglior record della lega e reduce da ben sedici vittorie nelle ultime sedici sfide disputate tra le mura amiche. Dopo aver incassato un pesantissimo parziale di 55-37, i padroni di casa si riscattano ampiamente nel terzo quarto, concluso con un 34-14 che li porta in vantaggio di due punti (71-69).

Nel quarto e ultimo periodo, però, i Razzi ritrovano sé stessi e piazzano un 38-24 che permette loro di imporsi in terra canadese. Un successo all’insegna del collettivo quello degli uomini di D’Antoni, con James Harden che mette a referto 35 punti, di cui ben 19 nell’ultimo quarto, che regalano la vittoria ai suoi, dopo aver faticato a entrare in ritmo nei primi tre, con tanti errori al tiro e ben 4 falli. Al fianco del Barba – che fa registrare anche un rimbalzo, 3 assist e 3 recuperi – si segnalano i vari Gordon (13 punti, 2 rimbalzi e un assist con 5/9 al tiro e 3/5 da dietro l’arco), Nenê (6 punti, 5 rimbalzi, un assist, una palla recuperata e una stoppata con 3/4 dal campo), Capela (9 punti, 15 rimbalzi, un assist, un recupero e una stoppata) e Tucker (8 punti, 5 rimbalzi, 3 assist e una palla recuperata).

Delude, invece, Chris Paul, autore di soli 5 punti con 1/10 dal campo e 0/3 dalla lunga distanza. CP3, però, mette a referto anche ben 6 rimbalzi, 2 recuperi, una stoppata e soprattutto 10 assist fondamentali. Molti di questi regalano triple pesantissime a Gerald Green, gran protagonista in uscita dalla panchina: per lui, infatti, ben 18 punti, 3 rimbalzi e una stoppata in soli 21′ con 5/8 al tiro e 4/7 da dietro l’arco.

Difesa, triple e panchina: le chiavi del successo dei Rockets

Gerald Green, gran protagonista nel successo dei Rockets contro i Raptors del cugino Danny: per lui 18 punti in 21′ dalla panchina.

Colonna portante della second unit è anche Austin Rivers, che offre 25′ di qualità e sostanza, facendo registrare 13 punti, 4 rimbalzi, 2 assist e una palla recuperata con 5/8 dal campo e 3/4 da tre. Tra le file dei Raptors, invece, Kawhi Leonard non incide, pur mettendo comunque a referto ben 26 punti, 6 rimbalzi, un assist e un recupero, mentre Danny Green alterna buone cose ad errori influenti e termina con 14 punti, 5 rimbalzi, un assist e 4 triple a referto (su 13 tentativi).

Tra i canadesi, spicca in particolar modo il duo Siakam-Ibaka: tra i favoriti per il premio di Most Improved Player, il primo fa registrare una doppia doppia da 17 punti, 10 rimbalzi e 3 assist col 58% dal campo (7/12) e il 50% da dietro l’arco (2/4). Doppia doppia anche per Air Congo, con 10 punti, 15 rimbalzi, 2 assist e 5 stoppate con 4/7 al tiro. A dir poco sottotono, invece, la prova di Kyle Lowry, che non riesce mai a dare l’impressione di poter dire la sua: per l’ex di turno appena 8 punti, 6 rimbalzi e altrettanti assist col 25% dal campo (4/16, di cui 0/5 da tre).

Per la squadra di Nick Nurse non incide nemmeno la second unit, che segna soltanto 20 punti tra cinque giocatori, di cui 8 per Marc Gasol, a fronte dei 37 totalizzati dalla panchina dei Rockets tra Green, Rivers, Clark e Nenê (ancora out per infortunio Faried e Shumpert), di cui soltanto i primi due rimasti per almeno 21′ sul parquet. Grazie a quest’importantissima vittoria, Houston acciuffa i Portland Trail Blazers e gli Oklahoma City Thunder, entrambe sconfitte nella stessa serata, al terzo posto a Ovest (39-25) e punta sempre più in alto.

I Rockets si fanno valere tantissimo in fase difensiva, tanto da tenere i Raptors a soli 37 punti segnati alla pausa lunga e percentuali piuttosto basse al tiro, soprattutto da dietro l’arco (42% dal campo con 37/89 e 28% dalla lunga distanza con 9/32), nonché collezionando 11 palle rubate e 6 stoppate (soltanto un recupero e 5 stoppate per Toronto) e 9 palle perse, a fronte delle 13 dei Raptors. Gli ospiti fanno meglio anche al tiro, sia dal campo (45% con 38/85) che da tre (44% con 15/34).

Dennis Izzo
dennisizzo13@icloud.com
No Comments

Post A Comment