Home NBA, National Basketball AssociationNBA News Infortunio di DeMarcus Cousins: tornerà come prima?

Infortunio di DeMarcus Cousins: tornerà come prima?

di Simone Massari
Warriors-Cousins-DeMarcus Cousins Pelicans

E’ passato solo un giorno, ma l’infortunio di DeMarcus Cousins alita le pagine delle testate che seguono l’NBA. La fresca convocazione all’All Star Game in quintetto nel team LeBron, le ottime prestazioni che hanno dato la possibilità a NOLA di stabilizzarsi nelle magnifiche otto della Western Conference e il fatto che sia avvenuto a partita finta, fanno sembrare questo infortunio ancora di più una disgrazia.

Si parla ovviamente della rottura del tendine d’Achille di DMC occorso la scorsa notte, su un rimbalzo dovuto a un tiro libero sbagliato dallo stesso Cousins. Subire un infortunio di questo genere è frustrante, ma a partita finita con la vittoria in tasca ancora di più.

I Pelicans si trovano senza la loro stella, con il solo Anthony Davis ora baluardo della squadra. Per questa stagione ovviamente non scenderà più in campo, ma già si inizia a parlare di recupero e soprattutto di come potrà tornare. Basteranno la sua struttura fisica e l’età dalla sua parte a farlo tornare il campione che è?

Infortunio di DeMarcus Cousins: i precedenti

I numeri spesso ingannano, ma di certo possono aiutare a valutare la situazione nel modo più oggettivo possibile. La casistica presa in considerazione parla di come grandi giocatori sono tornati sul parquet dopo lo stesso infortunio, nella fattispecie considerando i punti prodotti per partita.

Giocatore/anno infortunioPPG/PER prima infortunioPPG/PER dopo infortunio
Dominique Wilkins/199226.2/2221.5/20.4
Patrick Ewing/199923.3/21.910.1/14.8
Elton Brand/200720.3/22.710/16.1
Kobe Bryant/201325.5/23.422.5/15.7
Brandon Jennings/201516.6/16.37/12.6

Quest numeri sono abbastanza emblematici. I giocatori che subiscono questo infortunio hanno fatto fatica a ritornare ai livelli di prima, ma bisogna sottolineare come per esempio Kobe Bryant fosse ampiamente oltre i 30 anni, quindi il discorso età non è da sottovalutare. Giocatori come Rudy Gay si sono ripresi ottimamente e continuano a giocare ai livelli precedenti.

Influirà l’infortunio di DeMarcus Cousins sulla Free Agency?

Probabilmente si. Questo è un discorso davvero aleatorio, ci sono troppe variabili da considerare: una di queste è ovviamente il come potrà tornare a giocare e quanto una franchigia possa fidarsi di firmare un giocatore così forte al massimo salariale, nonostante l’infortunio. Le qualità sono indiscusse, parliamo sicuramente di un top 3 tra i centri di oggi. Avrebbe firmato senza ombra di dubbio un contratto da stella quale è. Il coraggio di una franchigia è un fattore determinante. Secondo alcuni insiders non sembra una cosa possibile, per Cousins, firmare un contratto al massimo dopo l’infortunio. C’è da dire che i Dallas Mavericks non hanno avuto problemi a firmare Wesley Matthews per 70 milioni nonostante il recente infortunio al tendine d’Achille.

Che vuoto lascia DMC nella stagione dei Pelicans?

Enorme. Anzi, incolmabile. Gentry era riuscito a trovare un modo per far giocare insieme le due torri di New Orleans, inizialmente considerati incompatibili, ora in quintetto insieme nel team LeBron. Un sogno per la città del jazz, che si esaltavano a vedere i due interpreti ad improvvisare sulla linea melodica che dava Alvin Gentry.

DMC tornerà fortissimo e lo aspettiamo tutti con ansia.

 

You may also like

Lascia un commento