Jamal Murray per Anthony Davis? I Nuggets: "Prezzo troppo alto"
141114
post-template-default,single,single-post,postid-141114,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Jamal Murray per Anthony Davis? E i Nuggets dicono no: “Prezzo troppo alto”

jamal murray per anthony davis

Jamal Murray per Anthony Davis? E i Nuggets dicono no: “Prezzo troppo alto”

Jamal Murray per Anthony Davis? E’ un interessante retroscena quello svelto da Mike Singer del Denver Post, che racconta del tentativo dei Denver Nuggets di beffare i Los Angeles Lakers ed arrivare nei giorni scordi al 7 volte All-Star Davis.

Il President of Basketball Operations dei Nuggets Tim Connelly, artefice dei Nuggets in grado vincere 54 partite nella stagione 2018\19 e terminare la Western Conference al secondo posto, avrebbe sondato il terreno con i New Orleans Pelicans per Anthony Davis, ma la trattativa non sarebbe mai realmente partita visto il rifiuto di inserire Jamal Murray in ogni proposta.

Porter Jr e Jamal Murray per Anthony Davis? Prezzo troppo alto

I Nuggets avrebbero tentato di incentrare la loro offerta sul talento dell’ala Michael Porter Jr, uno dei migliori prospetti usciti dal draft 2018 ma fermo da oltre un anno per una doppia operazione alla colonna vertebrale.

Porter Jr, selezionato con la chiamata numero 14 dai Denver Nugget allo scorso draft, ha speso l’annata 2018\19 ai box, recuperando dall’intervento e lavorando sul suo gioco, e sarà pronto a tornare in campo già nella Summer Leaugue di Las Vegas.

Non noti i dettagli dell’eventuale offerta di Denver per Davis, che oltre a Porter avrebbero potuto offrire a New Orleans giocatori come Gary Harris, Will Barton o Mason Plumlee, in scadenza contrattuale, oltre a scelte future.

A rendere ancora più difficoltosa la strada per condurre Davis ai piedi delle Montagne Rocciose, la nota indisponibilità di AD di accettare soluzioni al lungo termine diverse da Los Angeles o New York, fattore che – tra gli altri – avrebbe bloccato persino i Boston Celtics.

Michele Gibin
pt.fadeaway@gmail.com

Contributor per NBAPassion.com

No Comments

Post A Comment