Joe Johnson: non escludo un possibile ritorno in NBA
144218
post-template-default,single,single-post,postid-144218,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,no_animation_on_touch,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Joe Johnson: “Non escludo un possibile ritorno in NBA”

Joe Johnson: “Non escludo un possibile ritorno in NBA”

Joe Johnson ha rivelato in un’intervista di Rohan Nadkarni per Sport Illustrated di essere pronto per un possibile ritorno in NBA, qualora se ne presentasse l’occasione. Il 38enne sta giocando nei Triplets, squadra militante nel torneo BIG3, che sta guidando in punti e rimbalzi a partita (22.5 e 9.5).

Come riporta la famosa rivista d’oltreoceano, Johnson ha affermato:

“Sarei felice di tornare a giocare in NBA. Non è il obiettivo primario, come non lo era giocare nel BIG3. Ma se si dovesse presentare l’occasione sarei felice di coglierla, ne sarei entusiasta. (…) Io sto ancora giocando, mi diverte, non riesco a privarmene. Si tratta di un amore, una passione che ho sin da quando ero piccolo. Sinceramente, non penso mi abbandonerà mai.”

ISO Joe, così soprannominato per le sue doti  in isolamento, ha viaggiato a una media di 16 punti, 4 rimbalzi e 3.9 assist durante le sue 17 stagioni in NBA. Ha partecipato per 7 volte all’All-Star Game e ha ottenuto il riconoscimento della selezione nel terzo quintetto All-NBA nel 2010. Johnson è stato in grado di ricoprire più ruoli e potrebbe ancora essere un ottimo mentore per qualche giovane, considerata la sua lunga esperienza.

Dopo aver giocato per due stagioni nell’Università dell’Arkansas, era stato chiamato con la scelta numero 10 dai Boston Celtics nel Draft del 2001. Nella sua stagione da rookie passò tramite scambio ai Phoenix Suns subito prima della trade-deadline. In Arizona divenne un fattore importante, sviluppando un’ottima abilità al tiro . Nel 2005 contribuì notevolmente a portare la sua franchigia fino alla finale di Conference, persa contro i San Antonio Spurs.

Nell’estate dello stesso anno approdò agli Atlanta Hawks, rimanendovi per 7 stagioni. Arrivò invece ai Brooklyn Nets nel 2012, dove conobbe Kevin Garnett, che gli affibbiò come soprannome quello di “Joe Jesus” poiché “nel momento del bisogno, Joe c’è sempre”.

In questa estate, Johnson non è stato il primo veterano a parlare, dopo qualche anno di assenza, di un possibile ritorno in NBA. Infatti, nelle scorse settimane avevano fatto notizia gli allenamenti privati tenuti da Amar’e Stoudemire e Monta Ellis per diverse franchigie. Sarà interessante vedere se qualcuno di loro riuscirà davvero a ritrovare un nuovo contratto tanto cercato.

Federico Ferri
Freelight31@gmail.com
No Comments

Post A Comment