fbpx
Home NBANBA TeamsCleveland Cavaliers Cavs, John Beilein sull’inizio di stagione: “Dovremo migliorare molto”

Cavs, John Beilein sull’inizio di stagione: “Dovremo migliorare molto”

di Federico Ferri

John Beilein, il nuovo allenatore dei Cleveland Cavaliers, è visto come uno dei migliori allenatori della storia del college, capace di chiamare le giocate giuste al momento giusto, ma quest’anno dovrà dirigere per la prima volta una squadra che milita nella NBA.

Dopo la sconfitta di questa notte per mano dei Boston Celtics con il risultato d 118-95, Chris Fedor di Cleveland.com, gli ha domandato quali fossero gli aspetti su cui migliorare e John ha risposto così: “Direi praticamente tutto, dovremo migliorare molto. Ci stiamo allenando duramente ma ci sono così tanti aspetti nella NBA“.

Nel corso della pre-season i Cavs non stanno facendo per niente bene, infatti dopo la partita dove Carsen Edwards dei Boston Celtics ha segnato ben 30 punti, con un incredibile 9 su 15 al tiro da tre punti, il loro record è di 1-3: “Stiamo incontrando molti ostacoli, è compito nostro superarli“.

Con John Beilein doppia point guard? Il futuro dei Cavs è nelle mani di Sexton e Garland

Beilein è conosciuto per avere uno stile di gioco tutto suo, fatto di spaziature e velocità, in cui l’utilizzo della doppia point guard calza a pennello. Il futuro di Cleveland passerà probabilmente dalle mani di Collin Sexton e di Darius Garland, non sarà facile usarli insieme nel sistema di gioco ma se c’è un allenatore che può riuscirci, quello è proprio l’ex allenatore di Michigan.

Il prodotto dell’università dell’Alabama è riuscito a mettere a referto 16.7 punti a partita nella stagione da rookie, tirando con il 43% dal campo e con il 40% da 3, giocando una media di 31.8 minuti ad apparizione.

Garland, scelta numero 10 al draft di quest’anno non ha potuto iniziare la stagione al meglio a causa di un piccolo problema al piede all’inizio della pre-season. Ora è tornato a disposizione e nell’ultima apparizione sul parquet ha segnato 16 punti in 24 minuti di gioco.

Il coach dell’ex squadra di LeBron James dovrà essere paziente, con una squadra così giovane è necessario attendere un momento di rodaggio, che potrà poi dare i suoi frutti in un futuro non troppo lontano.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi