Klay Thompson operazione riuscita, in campo tra non meno di 7 mesi
143120
post-template-default,single,single-post,postid-143120,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Warriors, operazione riuscita per Klay Thompson: in campo tra non meno di 7 mesi

klay thompson operazione riuscita

Warriors, operazione riuscita per Klay Thompson: in campo tra non meno di 7 mesi

Warriors, operazione riuscita per Klay Thompson.

La star dei Golden State Warriors si è sottoposta nella giornata di martedì a Los Angeles ad un intervento di ricostruzione del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro, come dichiarato dall’agente del giocatore Greg Lawrence.

Stimati in almeno 5-7 mesi i tempi di recupero preliminari per Klay Thompson, che potrebbe essere costretto a saltare l’intera stagione NBA 2019\20. Thompson ha appena firmato un’estensione quinquennale al massimo salariale con i Golden State Warriors, un accordo da 190 milioni di dollari complessivi.

L’operazione è perfettamente riuscita ed il giocatore potrà recuperare pienamente: “Siamo ottimisti, ma Klay e la squadra prenderanno tutto il tempo necessario per recuperare al meglio“, così l’agente di Klay Thompson.

Klay Thompson operazione riuscita, gli Warriors lo aspettano

Thompson si era infortunato nel finale di terzo quarto di gara 6 delle finali NBA 2019 contro i Toronto Raptors, ricadendo malamente dopo un tentativo di schiacciata in contropiede ed abbandonando il campo solo dopo aver segnato i due tiri liberi guadagnati.

Nonostante il grave infortunio, i Golden State Warriors non hanno esitato nel proporre al tiratore da Washington State, in squadra dal 2011, un rinnovo al massimo salariale. In attesa del ritorno in campo di Klay, il suo posto in quintetto base sarà occupato dal nuovo arrivo D’Angelo Russell, finito a San Francisco dopo la sign and trade che ha portato Kevin Durant ai Brooklyn Nets ed Andre Iguodala ai Memphis Grizzlies.

A seguito dell’addio di Durant, gli Warriors hanno puntellato la squadra con gli arrivi di Willie Cauley-Stein e Glenn Robinson III, e con la conferma di Kevon Looney.

Michele Gibin
pt.fadeaway@gmail.com

Contributor per NBAPassion.com

No Comments

Post A Comment