Klay Thompson: "Recupero a stagione in corso? Non voglio forzare"
145193
post-template-default,single,single-post,postid-145193,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Klay Thompson: “Vorrei rientrare già a stagione in corso, ma non voglio forzare”

recupero klay thompson

Klay Thompson: “Vorrei rientrare già a stagione in corso, ma non voglio forzare”

Il recupero di Klay Thompson dall’infortunio al ginocchio sinistro rimediato in gara 6 delle finali NBA 2019 sarà uno dei temi principali della prossima stagione.

Dopo l’intervento chirurgico di riparazione del legamento crociato anteriore, sia i Golden State Warriors che l’entourage del giocatore avevano fissato in 7 mesi  tempi minimi di recupero per Thompson, rimandano ogni possibilità di rientro oltre la pausa per l’All-Star Game 2020.

La cautela sarà il fattore determinante: “Non voglio assolutamente forzare, io voglio giocare fino a 40 anni, il mio piano è questo. Visto soprattutto il mio stile di gioco e come so tirare” Così Klay Thompson a “The Jump” di ESPN “Mi piacerebbe rientrare già in questa stagione, ma non so davvero quando sarà possibile“.

View this post on Instagram

Caption this #LivinLikeRocco

A post shared by Roccö (@rocco.thompson) on

Celebre ormai la sequenza che ha seguito l’infortunio nel terzo quarto di gara 6: Thompson a terra dolorante, il compagno Steph Curry che contemporaneamente all’intera Oracle Arena intuisce la gravità dell’infortunio e scaglia con rabbia il pallone a terra, il giocatore che guadagna gli spogliatoi ma a metà tunnel si ferma, torna zoppicante in campo e segna i due tiri liberi, prima di uscire definitivamente.

Ho sentito subito che qualcosa non andava” Klay torna al momento del suo infortunio “Non mi era mai capitato un infortunio così grave prima d’ora, quindi non ho pensato a nulla di eccessivamente grave. L’adrenalina era tanta, era gara 6, ho pensato al massimo ad una distorsione. Una volta tornato negli spogliatoi però il ginocchio si è gonfiato tantissimo… una brutta sensazione sapere che i tuoi compagni sono in campo a dare tutto e tu non puoi aiutarli“.

I Golden State Warriors dovranno tentare di rimanere in linea in una Western Conference che dopo lo stop di Thompson e l’addio di Kevin Durant (altro infortunato eccellente) non li vede più come favoriti. Los Angeles Lakers, Los Angeles Clippers, Houston Rockets, Denver Nuggets e Portland Trail Blazers le avversarie principali per Stpeh Curry, Draymond Green e compagni.

View this post on Instagram

Mood (there was never a doubt) #warrior4life

A post shared by Klay Thompson (@klaythompson) on

Michele Gibin
pt.fadeaway@gmail.com

Contributor per NBAPassion.com

No Comments

Post A Comment