fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA News Knicks, Metta World Peace si candida alla panchina: “Ci sono!”

Knicks, Metta World Peace si candida alla panchina: “Ci sono!”

di Michele Gibin

Metta World Peace, noto anche come Ron Artest, si candida al posto di nuovo allenatore dei New York Knicks. Il nativo di Queensbridge ed ex campione NBA e veterano da 17 stagioni NBA tra Chicago Bulls, Indiana Pacers e Los Angeles Lakers, lancia la propria candidatura per la panchina dei “suoi” Knicks, parlando di sé come “dell’uomo giusto”.

Dopo la cacciata di coach David Fizdale ed una partenza da incubo (4-18), l’ennesima della storia recente della squadra, la panchina dei Knicks è stata affidata all’ex allenatore dei Westchester Knicks Mike Miller fino al termine della stagione.

E per il futuro? Tra i membri del consueto “toto-nomi” per il ruolo di head coach della franchigia più disfunzionale della NBA moderna è stata indicata Becky Hammon, assistente allenatrice dei San Antonio Spurs di Gregg Popovich. Metta World Peace ha una sorta di “conto aperto” con New York, che al draft del 1999 passò il prodotto di St. John’s per puntare sul lungo francese Frederic Weis (sic). L’ex Ron Artest riuscì a vestire per una manciata di gare la maglia bianco-arancio-blu dei Knicks durante la stagione 2013\14, dopo aver lasciato i Los Angeles Lakers due volte titolati.

Alla notizia del cambio in panchina a New York, World Peace ha diffuso via Twitter il suo messaggio di apertura: “Se sono d’accordo, io sono disponibile per il lavoro. Porterò la mentalità della strada ai Knicks (…) sarebbe davvero epico per tutti quelli come me dalla jungla al titolo NBA a New York (…) un plauso a coach Fizdale, si è meritato l’opportunità, allenare i Knicks è il lavoro più bello del mondo“.

Se dovessi davvero allenare i Knicks, il mio messaggio a tifosi e media sarebbe: non sarà facile, ne bello, non mi piace il modo in cui mettete pressione addosso ad allenatori e star, Tacete e godetevi il gioco, e supportate la squadra. La gente dirà che non sono pronto? Ho 40 anni, ho giocato la Triangolo ai Lakers, mi sono adeguato dall’essere un giocatore da 22 punti di media ai Rockets ad un giocatore di ruolo da 8 punti a partita ai Lakers

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi