fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationEvidenza Lakers missione compiuta: stendono i Rockers e tornano in finale di conference

Lakers missione compiuta: stendono i Rockers e tornano in finale di conference

di Michele Gibin

I Los Angeles Lakers completano il lavoro contro gli Houston Rockets e tornano dopo 10 anni alle finali di conference, a Orlando gara 5 è senza storia e finisce 119-96.

L’ultima volta che i Lakers arrivarono alle Western Conference Finals – era la squadra di Kobe Bryant, Pau Gasol, Lamar Odom  Metta World Peace – finirono per vincere il titolo NBA, ora i giallo viola attenderanno la vincente della serie tra Clippers e Nuggets per conoscere la prossima avversaria.

LeBron James è l’ispiratore in campo della larga vittoria Lakers, per lui 29 punti con 11 rimbalzi e 7 assist. Gli uomini di coach Frank Vogel partono forte e già nel primo quarto conducono per 35-20, Danny Green e Kentavious Caldwell-Pope colpiscono con continuità da tre punti (19 su 37 a fine gara), la difesa dei Rockets si sfalda presto e concede punti facili a Caruso e Green.

Dall’altra parte, il solo James Harden tenta di aggredire la partita attaccando il canestro, ma già nel primo quarto l’attacco dei Rockets sbaglia troppo, e le palle perse Rockets innescano la veloce transizione dei Lakers. Harden chiude la sua partita con 30 punti e 6 rimbalzi, ma non basta.

Russell Westbrook termina con 10 punti, 4 su 13  al tiro e 6 assist ed è l’unico Rockets in doppia cifra assieme ad Harden e Jeff Green, Houston prova a reagire nel secondo quarto (31-27 il parziale) ma alza bandiera bianca nel terzo periodo in cui segna soli 18 punti.

Con la vittoria di sabato, i Los Angeles Lakers salgono a quota 8-2 nei playoffs. Lo scorso anno la squadra non riuscì a qualificarsi neppure ai playoffs alla prima stagione a LA di LeBron James, e l’ex Cavs sta usando la delusione del 2019 come ulteriore motivazione: “So cosa sono riuscito a ottenere nella mia carriera, cosa ho fatto, e so che tutto questo mi segue ogni volta che decido di cambiare squadra. E quello che porto alla nuova squadra sono vittorie, e sento la responsabilità di tenere questo standard. So cosa i tifosi dei Lakers hanno passato in 10 anni senza giocare per il titolo o senza fare i playoffs, ho accettato anche questo tipo di responsabilità“.

E questa è la ragione per cui ho accettato di giocare per i Lakers“, prosegue James “Per portarli lì dove devono essere, ovvero a giocarsi un titolo NBA. Per me, vestire il gialloviola è un onore, e per noi si tratta di dare seguito ad una tradizione prestigiosa. E’ quello per cui abbiamo firmato“.

I Lakers si sbarazzano dei Rockets e guardano avanti: “Questa serie ci ha dato fiducia”

Per LeBron James sarà l’undicesima finale di conference in carriera, sarà invece la prima per Anthony Davis, che in gara 5 ha chiuso con 13 punti e 11 rimbalzi in una partita da soli 9 tiri. Markieff Morris, un fattore importante nella serie, ha segnato 16 punti con 6 su 7 al tiro, Kyle Kuzma dalla panchina chiude con 17 punti e 4 rimbalzi in 27 minuti.

Difensivamente è dove prendiamo fiducia in campo“, spiega Davis “Ci parliamo, ci muoviamo assieme, ci aiutiamo, e questo ci dà fiducia per andare a pressare il pallone sapendo che nessuno è solo in campo. Il modo in cui abbiamo finito le ultime due partite della serie ci aiuterà molto per le prossime partite“.

Una ripresa di stagione poco intensa, dopo 4 mesi di stop forzato, avevano mostrato delle crepe soprattutto offensive nei Los Angeles Lakers di coach Frank Vogel, crepe che si sono riparate in fretta con l’arrivo dei playoffs: “Ci è voluto un po’ di tempo per ritrovarci, 4 mesi fermi e le gambe, il ritmo ed i tempi di gioco erano tutti da ritrovare. Ma la fiducia che abbiamo in questo gruppo è sempre stata forte, e non vedo l’ora di vedere dove possiamo arrivare“.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi