fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA News Lonzo Ball racconta: “Ho saputo della trade via Twitter, ma me l’aspettavo”

Lonzo Ball racconta: “Ho saputo della trade via Twitter, ma me l’aspettavo”

di Michele Gibin

Lonzo Ball ha raccontato in una recente intervista di aver appreso della trade che lo ha spedito ai New Orleans Pelicans via Twitter, ancora prima della comunicazione da parte dei Los Angeles Lakers.

Lo scorso 15 giugno, Lakers e Pelicans trovarono l’accordo per mandare Anthony Davis a Los Angeles in cambio del terzetto Ball-Brandon Ingram-Josh Hart, la quarta scelta assoluta al draft NBA 2019 e tre future prime scelte. Nelle ore immediatamente successive la trade, e con la notizia ovviamente già diffusa, Lonzo Ball fece un’apparizione pubblica a L.A. per assistere alla partita di Drew League del fratello minore LaMelo.

L’ho saputo su Twitter” Racconta Ball allo show radiofonico Real 92.3 LA’s Big Boy “Avevamo appena lasciato casa di mio nonno ed eravamo in macchina per andare a vedere la partita di Drew League di LaMelo e mi hanno detto: ha visto Twitter? No? Dicono che sei stato scambiato…“.

Se me la presi? No, sapevo che la possibilità di essere ceduto era concreta, ora sono solo entusiasta per la nuova avventura (a New Orleans, ndr)… le voci di trade erano così insistenti, c’era di mezzo una star come Anthony Davis. Sono cose che prendi sul personale, questo si

I New Orleans Pelicans 2019\20 saranno una delle squadre più interessanti da osservare. L’infortunio di Darius Miller ha tolto tiro perimetrale alla squadra di Alvin Gentry, che potrà contare però sul talento degli ex Lakers Ball e Ingram e sulla prima scelta assoluta al draft NBA 2019 Zion Williamson. Nicolò Melli sarà il terzo giocatore italiano oggi nella NBA, e si giocherà minuti nello spot di ala forte dietro a Derrick Favors e con Jaxson Hayes da Texas e Kenrich Williams.

Lonzo Ball ha poi parlato della sua esperienza al fianco di LeBron James, durata una sola stagione ma significativa per il prodotto di UCLA: “E’ stato incredibile. LeBron era il mio giocatore preferito da ragazzino, la sua etica lavorativa, il modo in cui dopo 16 anni si prenda ancora cura del suo fisico è qualcosa di eccezionale. Vedendolo si capisce come sia ancora oggi in grado di giocare ad un livello così alto“.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi