fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsLos Angeles Clippers Los Angeles Clippers, malumori in spogliatoio anche verso Kawhi Leonard?

Los Angeles Clippers, malumori in spogliatoio anche verso Kawhi Leonard?

di Michele Gibin

Che nello spogliatoio dei Los Angeles Clippers, pieno di “senatori” come Lou Williams, Montrezl Harrell, Marcus Morris e Pat Beverley non fosse tutto rose e fiori lo avevano lasciato filtrare i presunti malumori verso il paternalismo di Paul George durante i playoffs 2020, proprio mentre la seconda star dei Clippers raramente riusciva a fare la differenza in campo.

A poche settimane dal tracollo contro i Denver Nuggets, per i Clippers è già ora di parlare di futuro con la promozione di Tyronn Lue a capo allenatore con l’addio di Doc Rivers, e la free agency di Morris e Harrell imminente.

I Los Angeles Clippers e Lue dovranno però lavorare parecchio sul gruppo, e sulla famosa chimica di squadra. Come riportato da Jovan Buha e Joe Vardon di The Athletic, durante la stagione appena conclusa non sarebbero mancati i malumori anche verso Kawhi Leonard ed il suo load management, quel programma personalizzato di riposi strategici che l’ex Spurs aveva inaugurato durante la sua unica stagione a Toronto per evitare ricadute dopo l’infortunio della stagione 2017\18.

Giocatori come Beverley, Harrell e Lou Williams si sarebbero risentiti quando a Leonard è stato concesso di saltare delle partite e di vivere a San Diego, un fatto che sarebbe stato spesso causa di ritardi del giocatore prima delle trasferte in aereo. I Clippers avrebbero inoltre concesso a Leonard di scegliere in autonomia quali partite saltare, passando sopra a Rivers“.

L’anno 1 dei nuovi Los Angeles Clippers sarebbe stato dunque più burrascoso di quanto apparso all’esterno. Gli infortuni e l’arrivo in corsa di Morris e Reggie Jackson aveva costretto Rivers a modificare inoltre le sue rotazioni, la stagione si sarebbe poi fermata a marzo e si sarebbero dovuti attendere 4 mesi per ripartire.

A Orlando, Harrell e Williams si sono dovuti assentare per motivi familiari e sono apparsi fuori forma durante i playoffs, Paul George ha faticato e patito l’isolamento nella “bolla” del campus a Disney World e forse per gli annosi problemi fisici alle spalle. Persino Leonard non è riuscito ad essere concreto nei momenti decisivi, il suo palcoscenico per eccellenza.

Tyronn Lue avrà l’approvazione dello spogliatoio, che ha visto di buon occhio la sua promozione e conosce l’ambiente, i Clippers 2021 avranno un’altra chance concreta di vincere il titolo prima che la scadenza dei contratti di Leonard, George e Williams si avvicini.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi