fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA News Magic-Wizards, career high per un Markelle Fultz ritrovato: “Il lavoro paga”

Magic-Wizards, career high per un Markelle Fultz ritrovato: “Il lavoro paga”

di Michele Gibin

Nuovo career high per Markelle Fultz, che conduce assieme ad Evan Fournier i suoi Orlando Magic alla terza vittoria nelle ultime quattro partite, ed appena alla seconda vittoria in trasferta.

Magic sempre privi di Nikola Vucevic, ma che resistono alla partita da 42 punti di Bradley Beal (16 su 30 al tiro, con 6 rimbalzi e 4 assist), e che soprattutto si godono i primi frutti della scommessa su Fultz, ex prima scelta assoluta al draft NBA 2017. Per il prodotto di Washington University, una partita da 20 punti e 6 assist in 31 minuti, con 9 su 17 al tiro e tanta intraprendenza.

Markelle Fultz ha beneficiato in questo inizio di stagione del grande lavoro estivo per superare l’annoso problema alla spalla destra e le tensioni di Philadelphia, e della fiducia riposta in lui da coach Steve Clifford, che ha subito introdotto in quintetto base l’ex 76ers. Contro Washington, un Fultz aggressivo ha messo in mostra tutte le sue doti offensive, attaccando il ferro e ricorrendo con efficacia a quel tiro in sospensione dalla media distanza che tanto aveva impressionato gli addetti ai lavori.

I Magic si sono imposti per 127-120 sugli Wizards, tanto frizzanti in attacco quanto “pacifisti” in difesa. Orlando chiude con il 51.1% al tiro (15 su 31 al tiro da tre punti) e distribuisce ben 26 assist di squadra, Evan Fournier sigla una prova da 31 punti e 6 su 8 al tiro pesante.

Sulle tribune c’erano tante facce familiari oggi (Fultz è originario di Marlboro, Maryland, ndr), ed è stato bello per loro vedermi giocare a basket, fare quello che amo fare senza pensieri” Così Markelle Fultz nel post gara “La mia partita? Sto dimostrando che tutto il lavoro fatto è stato utile, sto sfruttando l’opportunità che i Magic mi hanno dato“.

Gli Orlando Magic hanno ritrovato nelle ultime uscite la mira al tiro da tre punti, dopo un inizio disastroso. Alle 15 triple segnate contro gli Wizards erano arrivate le 11 segnate contro i Golden State Warriors, e le 12 mandate a bersaglio contro i Cleveland Cavaliers.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi