Manu Ginobili parla del suo ritiro: "Decisione dura e difficile da prendere"
120998
post-template-default,single,single-post,postid-120998,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Manu Ginobili parla del suo ritiro: “Decisione dura e difficile da prendere”

Manu Ginobili parla del suo ritiro: “Decisione dura e difficile da prendere”

Manu Ginobili ritorna a parlare della sua decisione di ritiro dal basket giocato. L’ex guardia degli Spurs, in una recente intervista, ha dato la sua versione dei fatti dopo la sua ultima stagione Nba.

Manu Ginobili: “A livello mentale, la scorsa stagione doveva essere l’ultima”

Manu Ginobili continua a far parlare di sè. L’ex guardia dei San Antonio Spurs, vista nel quartier generale del team texano guidato da coach Gregg Popovich negli allenamenti antecedenti agli imminenti training camp, ha voluto parlare ancora una volta del suo addio al basket giocato.

Dopo ben 23 stagioni da professionista tra Argentina, Italia e il mondo Nba; ‘Il Genio de Bahia Blanca‘ lo scorso 27 agosto ha deciso di smettere per dedicarsi completamente alla sua famiglia.

A distanza di quasi un mese dalla sua lettera aperta pubblicata tramite il quotidiano argentino ‘La Nacion‘, lo stesso Ginobili ha voluto spiegare ancora una volta le sue motivazioni del ritiro all’insider americano Chris Wright.

Ecco le parole rilasciate dall’argentino ai microfoni di ‘Espn.com‘:

È davvero difficile pensare ad una decisione del genere dopo 23 stagioni agonistiche dove hai dimostrato di essere pronto a giocare in maniera intensa a dispetto dell’età anagrafica che inesorabilmente scorre. Per parlare con voi colleghi americani, quindi, ho aspettato qualche settimana, perché la decisione si è rivelata dura e sensibilmente difficile da prendere. Ho pensato sin dall’ultimo match con i Warriors che a livello mentale, la scorsa stagione doveva essere l’ultima. Dopo quel match ho visto semplicemente che il mio corpo non ne aveva più come nelle passate stagioni e non mi sentivo pieno di passione e di grinta come mostrato in passato”.

LEGGI ANCHE:

Chi è Chris Paul: un genio dal cuore d’oro

Shaq: “Oggi i lunghi NBA sono soft, segnerei 50 punti a partita”

The Decision: Stern provò ad impedire il passaggio di James a Miami

Butler-Timberwolves: lunedì incontro decisivo

Chi è Rajon Rondo? A beautiful mind

Luca Castellano
lucacastellano7@gmail.com

Amante del basket dall'età di 8 anni e amante dell'NBA a 360 gradi. Aspirante giornalista/ telecronista di pallacanestro, con lo scopo di divulgare la sua passione alla portata di tutti.

No Comments

Post A Comment