Ujiri, niente veleni per il dopo Kawhi: “Canada, non perdiamoci il sonno”

Ormai è ufficiale da qualche giorno, Kawhi Leonard non è più un giocatore dei Toronto Raptors di Masai Ujiri. L’MVP delle ultime Finali NBA si è infatti accasato, come free-agent, presso i Los Angeles Clippers. Il “President of basketball operations” dei campioni in carica, che aveva portato il giocatore in Canada tramite uno scambio inizialmente controverso, non sembrerebbe, comunque, covare sentimenti negativi per lui, nonostante l’appena citata dipartita.

Davanti ai microfoni della Summer League di Las Vegas, infatti, l’executive di Toronto ha discusso diversi temi legati alla faccenda, non facendo trasparire alcun risentimento. Ujiri ha esordito discutendo dell’immediato futuro dei suoi, come riportato da Josh Lewenberg, per TSN:

“Sinceramente stiamo già guardando oltre. (…) Non c’è tempo per piangersi addosso. Sinceramente non ci ho perso il sonno, non sono deluso o arrabbiato. E ve lo dico, tifosi dei Raptors, non perdeteci neanche un secondo di sonno. Andrà tutto bene.”

Sul giocatore e la sua esperienza con la franchigia ha invece affermato:

“Assolutamente, gli facciamo gli auguri. Ci ha dato tutto mentre era dei nostri, e lo apprezziamo molto. Ci ho parlato dopo la decisione ed è andata bene. Noi abbiamo fatto un affare: abbiamo vinto un titolo.”

Ujiri ha poi commentato la free-agency NBA, il modo in cui ha vissuto quella che si sta concludendo, e il tipo di notizie e reports quotidiani che hanno accompagnato la decisione di Kawhi:

“Conosco la free-agency, non è la prima volta che vi prendo parte. So che ci possono essere alti e bassi. Questa è stata diversa, perché per noi c’era molto in gioco, e lo sapevamo. (…) E’ incredibile come ci sia un modo di riportare le notizie minuto per minuto riguardo i fatti della free-agency, e non è realistico. Un giorno qualcuno è in vantaggio, quello dopo lo è qualcun’altro e magari nessuno ha ancora parlato. Non ho davvero idea di come funzioni.”

Ora i Toronto Raptors dovranno cercare di ripartire da una situazione complicata: difendere il titolo appena conquistato avendo appena perso il proprio MVP. Non sarà un compito facile per Coach Nick Nurse e i suoi, che tuttavia, come affermato dallo stesso Ujiri, avranno fame e voglia di rimettersi in discussione.

Lorenzo Brancati

Laureando in Comunicazione che prova a conciliare la sua passione per lo sport e il giornalismo.

Condividi
Pubblicato da
Lorenzo Brancati

Post recenti

Bucks, la pre-season è da imbattuti, Giannis: “Abbiamo un potenziale spaventoso”

Quella conclusasi nella notte appena passata è stata la prima pre-season da imbattuti per i Milwaukee Bucks dal 1997 ad…

1 minuto fa

Luol Deng annuncia il ritiro, e lo fa da giocatore dei Chicago Bulls

Luol Deng annuncia il ritiro dopo 15 stagioni NBA, e lo fa con un gesto simbolico, firmando un contratto di…

1 ora fa

Adam Silver: “La Cina ci ha chiesto di cacciare Daryl Morey, ho detto no”

L'onda lunga dell'affaire NBA-Cina ha portato danni economici consistenti per la lega, come confermato da Adam Silver, il Commissioner NBA…

2 ore fa

Per Curry gli Warriors sono ancora da titolo: “Sempre stato l’obiettivo”

Dopo cinque annate di dominio incontrastato da favoriti assoluti al titolo, i Golden State Warriors di Steph Curry si apprestano…

2 ore fa

Fastidio al ginocchio destro per Zion Williamson, salta l’ultima di pre-season

Zion Williamson salterà per precauzione l'ultima partita di pre-season dei suoi New Orleans Pelicans, a causa di un fastidio al…

2 ore fa

Toronto Raptors, Nick Nurse punge Hollis-Jefferson e Stanley Johnson: “devono convincermi”

L'estate dei Toronto Raptors non è stata certo delle migliori: l'addio di Kawhi Leonard e di Danny Green su tutti…

12 ore fa

Questo sito utilizza i cookies

Leggi