fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsDallas Mavericks Mavs: Cuban a rischio sanzione, si attende la decisione di Adam Silver

Mavs: Cuban a rischio sanzione, si attende la decisione di Adam Silver

di Gabriele Melina

Sarà il comunicato ufficiale di Adam Silver, commissioner delle NBA, a determinare le sanzioni che verranno applicate nei confronti di Mark Cuban, proprietario dei Dallas Mavericks infuriato a seguito della controversa sconfitta subita dai suoi in casa Atlanta Hawks per 111 a 107.

Il proprietario della squadra texana ha deciso di sfogare tutta la sua rabbia su Twitter, condividendo una serie di messaggi in cui ha criticato pesantemente l’incompetenza degli ufficiali di gara nell’arbitrare i vari incontri.

La giocata alquanto decisiva a cui Cuban ha fatto riferimento è occorsa nel finale di partita. Con meno di 10 secondi al termine, Trae Young ha attaccato il canestro in penetrazione cercando due punti in sottomano, ma è stato stoppato dall’ala avversaria Dorian Finney-Smith. Nel mentre, il centro John Collins ha cercato di riparare all’errore della point guard mettendo a segno due punti in tap-in.

Quest’ultimo canestro, però, sarebbe avvenuto a gioco fermo, con gli arbitri che avevano fischiato un’interferenza difensiva sulla giocata di Finney-Smith.

Nonostante ciò, la terna arbitrale ha deciso di recarsi comunque al tavolo da gara per revisionare la giocata. La decisione finale, divergente rispetto a quella presa in precedenza, è stata la seguente: la stoppata è stata dichiarata valida, il fischio d’interferenza annullato, ed il canestro di Collins convalidato.

Per giustificare la nuova chiamata effettuata, gli ufficiali hanno ricorso alle seguente spiegazione: “La giocata è stata rivista, si tratta di una stoppata. La palla ha colpito il ferro, per cui il fischio è stato giudicato involontario. Lo è per la regola numero due. Nel momento in cui ho fischiato, Collins aveva già iniziato il suo movimento di tiro, perciò è stata valutata come una continuazione, quindi il canestro conta.”

Mark Cuban rischia di essere sanzionato, ma oramai è un’abitudine

Mark Cuban non ha esitato a difendere i suoi Mavericks sui social network, criticando in primo luogo lo scarso livello d’arbitraggio che da anni vige all’interno della lega, ed in un secondo momento il meccanismo che la NBA utilizza per formare ed istruire i nuovi arbitri.

Può capitare che tutti abbiano una partita no, dagli ufficiali di gara ai giocatori. Ma qui non si sta parlando di un problema che riguarda il singolo incontro, si sta parlando della solita m****  che va avanti da vent’anni. La lega assume ex arbitri per insegnare il mestiere ai nuovi arrivati, poi dopo due anni realizza che non sono in grado di fare questo lavoro, e ripete il processo da capo

Queste parole potrebbero costare caro, in termini di sanzione, a Cuban, il quale in passato di multe ne ha già raccolte a bizzeffe. Tra queste, nel 2018 è stato costretto a versare dieci milioni di dollari alla carità dopo che uno dei suoi dipendenti è stato coinvolto in una serie di scandali sessuali.

In quanto multe per aver criticato l’arbitraggio degli incontri, invece, il versamento del proprietario ammonta ad una cifra di due milioni di dollari.

La lega aspetta il responso ufficiale del commissioner Adam Silver

Ad emanare il comunicato ufficiale, al cui interno saranno presenti le disposizioni da attuare per concludere nel modo più corretto l’accaduto, sarà come al solito il commissioner Adam Silver.

Quest’ultimo ha a disposizione cinque giorni, dopo che la protesta è stata inoltrata, per prendere la decisione definitiva. In questo breve arco di tempo, il commissario si occuperà di scrutare attentamente le prove fornite da entrambe le squadre.

Secondo Cuban, il finale del match andrebbe giocato per una secondo volta, secondo i seguenti criteri: si riparte con una palla a due, il tempo sul cronometro è impostato a 9.7 secondi, e gli Hawks sono in vantaggio di due punti.

Tuttavia, visto l’esito delle precedenti proteste inoltrate da altre franchigie, è piuttosto improbabile che vengano rigiocati gli ultimi dieci secondi della gara.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi